1. Sulla rotta dei popoli del mare

    di , il 6/6/2008 13:16

    Adriatica l'estate prossima partirà sulla rotta dei Popoli del Mare: Syusy, Orso e lo Skipper Filippo Mennuni stanno progettando l'itinerario, già pubblicato sul sito nella sua prima bozza:

    - Settimana dal 19 al 25 luglio: Enna (escursioni a Rocca di Cerere, Pergusa, Pietraperzia), Siracusa (Parco archeologico della Neapolis, Fonte Ciane), Vibo Valentia (Megaliti di Nardo di Pace), Capo Rizzuto, Crotone (Elefanti di Pietra).

    - Settimana dal 26 luglio al 1 agosto: Crotone, Santa Maria di Leuca (Grotta Porcinara e le altre grotte carsiche), Ugento (Mura Ciclopiche), Otranto, Lecce (Poggiardo), Galatina.

    - Settimane dal 2 al 15 agosto: Itaca, Laguna di Patrasso, Messolonghi, Lepanto, Delfi, Canale di Corinto, Atene, Eleusi, Egina, Ydra, Nafplio, Epidauro, Tirinto, Micene.

    Ma chi sono questi misteriosi "Popoli del Mare"? Voi lo sapete? Sulla loro origine si accavallano ipotesi, storie e leggende... Da dove venivano i POPOLI DEL MARE?

    Apriamo il dibattito su una delle questioni storiche più ignorate, che può invece riservarci molte sorprese

    E parliamo anche del viaggio, dei porti, delle tappe previste nelle quattro settimane di navigazione.

    Qualche Turista per Caso vuole salire a bordo? Chi salpa con Syusy?

  2. Ithokor
    , 15/5/2008 16:52
    Le vicende dei Popoli del mare, i re del mare già antichi per gli antichi, meritano di essere indagate.

    Il mio primo post... un saluto a Syusy&Patrizio - che seguo sempre con grande interesse - e a tutti i forumisti!
    Ithokor
  3. .machiavelli.
    , 14/5/2008 20:48
    Un intervento riporta i fenici e trattandosi di una discussione sui popoli del mare bisogna precisare che questo grande popolo di mercanti attraversò in lungo e largo tutto il Mediterraneo grazie alle conoscenze tramandate dagli avi...i misteriosi popoli del mare. Porpora, rotte, metallurgia, scambi commerciali, pantheon di dei...questi famosi colonizzatori si avvalevano di un bagaglio culturale acquisito in 1000 anni di civiltà precedenti. I popoli del mare sono progenitori di molte civiltà nate dopo il XI a.C.
    Ciao da Zio Mack.
  4. Syusy Blady
    , 14/5/2008 13:37
    Ringrazio Leonardo Melis per essere subito intervenuto in questo forum dopo il nostro incontro di qualche giorno fa!
    I suoi interventi saranno fondamentali per aiutarci a capire e sviluppare i progetti con Adriatica sulle rotte dei Popoli del Mare
  5. shardanaleo
    , 14/5/2008 08:15
    Una presentazione descrittiva dei POPOLI DEL MARE presa dal libro di LEONARDO MELIS.

    I POPOLI DEL MARE

    SHARDANA: Shrdn, Shardin, Sher-Dan. Principi di Dan, spesso indicati come i veri promotori delle invasioni che si ripeterono a ondate successive fin dal 1700 a.C. (Hiksos?). Costituivano anche la flotta d’appoggio per il trasporto truppe e vettovaglie, non disdegnando ogni tanto di sganciarsi dal resto della coalizione per tentare imprese di pirateria sulle coste ricche d’Egitto e Grecia. Sono identificati con gli abitatori delle Isole Sarde. Affiancano Ramessu (Ra-Mose, Ramses II) a Qadesh contro gli Ittiti. Probabile il loro inglobamento nella tribù di Dan da parte di Mosè. Gli antichi li chiamavano anche Eraclidi, Tespiadi, Tirrenidi, Pelasgi (ma quest’ultima denominazione potrebbe essere riferita ai loro cugini Pheleset, mentre Tirrenidi indicava anche i fratelli Tursha). Probabilmente erano i Danai citati da Omero nell’Iliade insieme a Tjeker (Teucri), Likku (Lici) e Akawasa (Achei). Per gli autori greci discendevano da Danao esule dall’Egitto. Ma è più probabile che emigrassero in Sardegna verso il 2300-2000 a.C. dall’Asia Minore (durante l’Impero Akkadico?), in seguito ad una carestia durata più di trecento anni.

    TJEKER: Teucri. Omero nella sua Iliade li identifica con i Troiani. Con i Shardana costituivano la flotta della Coalizione. Anche i Tjeker si stabilirono in Palestina nel periodo dell’Esodo. La città costiera di Dor, da loro fondata (dal romanzo “Il viaggio di Wenamun” 1080 a.C.), avrebbe dato il nome ai distruttori di Micene: i Dori, secondo alcuni studiosi, appartenenti ai Popoli del Mare. Le Tribù di Issacar e Aser appartenevano a questo Popolo.

    AKWASHA: Ekwesh, Akaiasa. Forse gli Achei di Omero. Meneptah dice che erano dei circoncisi come i Shardana, particolare usanza che proverebbe la possibilità del coinvolgimento della tribù perduta di Dan e di Mosè nello scenario dei Popoli del Mare.

    LIKKU: nella battaglia di Qadesh stanno con gli Ittiti, insieme a un contingente di Shardana (Questi ultimi però stavano in maggior parte con gli Egizi), marinai provetti, forse Liguri o più sicuramente Lici. Parteciparono anch’essi alla guerra di Troia, come alleati dei Teucri-Tjekker.

    LIBU: sicuramente Libici. Durante il regno di Meneptah (1220) sono protagonisti di una rivolta che rischia di travolgere l’impero egizio. Nel 945 a.C. s’impadroniscono del potere in Egitto con l’aiuto dei Shardana e fondano la XXII dinastia.

    TERESH (Tursha): Tyrsenoi, Tirreni, Etruschi. Stretti parenti dei Shardana, coi quali fondarono parecchie città in Iberia, Italia e Sardegna: la biblica Tarshish o Tartesso, la sarda Tharros (da loro anche il nome del maggior fiume sardo, il Thirso), Nabui (Neapolis) sempre in Sardegna. Dopo l’ultima invasione (1.200 a.C.) abitarono probabilmente la Lidia, governati dagli Eraclidi (Shardana), come racconta Erodoto. Verso il IX secolo, forse per una carestia, o molto più probabile per la pressione degli Assiri, si stabilirono nella penisola italica col consenso dei Shardana, i quali cedettero loro l’influenza della parte orientale del Mare Sardo che da loro prese poi il nome di Tirreno. Tale concessione però dovettero pagarla acconsentendo che a governarli fossero i re scelti fra i dignitari sardi. Gli storici romani chiamavano i lucumoni etruschi col nome di Sardi, spiegando che essi erano scelti tra i Sardi (Strabone); “reges soliti sunt esse Etruscorum, qui Sardi appellantur” (Festo), e nei LUDI CAPITOLINI troviamo: “Quia Etrusca gens orta est Sardibus” anche se sembra un’esagerazione dare l’origine dei Thursa ai Sardi.

    SHAKALASA: Shekelesh, probabilmente Siculi o Sicani. Un ritrovamento, a Monte Dessueri (SR) in Sicilia, di anfore identiche a quelle della necropoli di Azor, presso Giaffa (XI sec. a.C.), porterebbe a pensare che anche i Shekelesh fossero coinvolti negli avvenimenti raccontati dalla Bibbia, come Shardana, Tjekker e Phelets. Le pajare nel Salento (Puglia), simili a “Nuraghes”, sono opera dei Sakalasha?

    PHELETS: Pulutasi, Filistei, forse i mitici Pelasgi. La Bibbia dice che venivano da Kaftor (Creta), annoverandoli però fra i popoli “Camiti”. Ciò non è esatto: essendo essi Anatolici (o anche Egei) erano invece discendenti da Japhet come il resto dei Popoli del Mare. Diedero il nome alla Palestina. A differenza di Danai (Shardana) e Tjeker che si unirono alle tribù guidate da Mosè, i Phelets furono sempre in contrasto col Popolo Ebraico. Ma furono probabilmente la guardia del corpo del Re Davide (Samuele II-15).

    DENEN: Danen, Danuna, Danai (gli stessi Sher-Dan), probabilmente si unirono agli Ebrei nell’Esodo, formando o aggiungendosi alla tribù di Dan, dalla quale si staccarono per andare a “vivere sulle navi” una volta arrivati in Palestina e scomparendo poi misteriosamente. Ma è probabile che salpassero per la Sardegna per poi colonizzare le terre del Nord-Europa, da dove ripartivano coi loro alleati per imprese di conquista e di pirateria. Forse i fantastici Iperborei spesso nominati dai Greci altri non erano che i Danen abitatori delle Isole del Settentrione. Ricordiamo che i primi colonizzatori dell’Irlanda furono, secondo la mitologia, i Tuatha de Danan e che la Grande Madre di tutti gli Dei era in Irlanda Danu e in Inghilterra Dona.

    WESHESH: Wasasha. Corsi? O forse Wilusha, dal nome ittita di Ilio-Troia. E’ probabile che, come i Shardana, risiedessero in varie località. Nel Papiro di Harris Ramses III li chiama, infatti, “Washesh del mare”.

    MESHWESH: mercenari Libici, forse le tribù beduine, i nomadi del deserto.

    SAKSAR: Sassoni?

    DORI: non sono citati dagli Egizi, ma erano pure loro appartenenti ai Popoli del Mare dell’ultima invasione del 1200 a.C. Forse provenivano dalla città Tjeker di Dor, in Palestina.

    I POPOLI DEL MARE avevano un aspetto, a noi ben noto, tramandato dai bronzetti che in grande quantità sono sparsi per tutta l’area mediterranea e principalmente in Sardegna, Lazio Toscana, Cipro, Creta…

    Da: “Shardana i popoli del Mare” di Leonardo Melis (7° edizione)
    Sito web www.shardana.org
  6. shardanaleo
    , 4/5/2008 09:19
    Salute e vino a tutti!
    ieri siamo stati, Con SUSY e la troupe di turisti per caso, l'intera giornata in casa di LEONARDO MELIS. L'autore di "SHARDANA I POPOLI DEL MARE" colui che ha dato l'inizio a quella che ormai è diventata una TENDENZA anche in italia: la storia dei SHARDANA e i POPOLI DEL MARE.
    L. Melis sarà in egitto entro l'anno, invitato dalle autorità di luxor per un'evento di carattere internaizonale, che includerà i SHARDANA, RAMESSE e l'EGITTO. Una scoperta di valore planetario sarà resa ufficiale davanti a 1.000.000 DI spettattori e diverse TV di tutto il mondo.
    I Viaggi dei POPOLI DEL MARE nel Ii millennio a.C. prenderanno vita ai nostri occhi assai presto. Anche in italia, grazie a Susy e al suo staff.
    a seguire...
    SHARD...
  7. davovad
    , 21/4/2008 23:54
    Una teoria su Atlantide la ubica nell'altipiano boliviano. L'autore afferma che i fenici discendevano dagli antichi abitanti di Atlantide.
  8. Redazione
    , 6/6/2008 13:16
    Adriatica l'estate prossima partirà sulla rotta dei Popoli del Mare: Syusy, Orso e lo Skipper Filippo Mennuni stanno progettando l'itinerario, già pubblicato sul sito nella sua prima bozza:
    - Settimana dal 19 al 25 luglio: Enna (escursioni a Rocca di Cerere, Pergusa, Pietraperzia), Siracusa (Parco archeologico della Neapolis, Fonte Ciane), Vibo Valentia (Megaliti di Nardo di Pace), Capo Rizzuto, Crotone (Elefanti di Pietra).
    - Settimana dal 26 luglio al 1 agosto: Crotone, Santa Maria di Leuca (Grotta Porcinara e le altre grotte carsiche), Ugento (Mura Ciclopiche), Otranto, Lecce (Poggiardo), Galatina.
    - Settimane dal 2 al 15 agosto: Itaca, Laguna di Patrasso, Messolonghi, Lepanto, Delfi, Canale di Corinto, Atene, Eleusi, Egina, Ydra, Nafplio, Epidauro, Tirinto, Micene.
    Ma chi sono questi misteriosi "Popoli del Mare"? Voi lo sapete? Sulla loro origine si accavallano ipotesi, storie e leggende... Da dove venivano i POPOLI DEL MARE?
    Apriamo il dibattito su una delle questioni storiche più ignorate, che può invece riservarci molte sorprese
    E parliamo anche del viaggio, dei porti, delle tappe previste nelle quattro settimane di navigazione.
    Qualche Turista per Caso vuole salire a bordo? Chi salpa con Syusy?