1. Vergognarsi di essere Italiano

    di , il 20/1/2004 00:00

    Ma perchè, tutte le volte che sono all'estero, mi devo vergognare di essere italiano?

    Non voglio generalizzare, ma l'italiano all'estero è un vero cafone. Urla, trilla, salta, si dimena tra la folla. Sei in metropolitana e lo senti , sempre con un tono di voce più alto della media, fare battutacce idiote, se non offese sul posto in cui sono. Famigliole esagitate invadono tutto e tutti. Ragazzini, cresciuti guardando i Pokemon, si trasformano in ossessi la cui unica necessità è raggiungere il primo Mcdonald's nel raggio di 500metri. Già e a proposito del mangiare... Partono con la convizione che la cucina italiana sia la più buona al mondo ( non metto in dubbio che sia iper-gustasa) snobbando qualsiasi altro piatto regionale, trasformandosi tutti in novelli Bigazzi.

    Entrano nei musei privi di interesse, passano davanti all'arte come se si trovassero al banco frigo al supermercato. Ma se non interessa perchè ci andate???

    Ma la risposta è semplice: per vantarsi con i colleghi,

  2. Turista Anonimo
    , 23/2/2004 00:00
    Scusa, Ilaria, ma tu per caso riesci a comprendere i discorsi che fanno tra loro tedeschi o australiani, per esempio ? Magari alcuni di loro dicono le stesse nefandezze che hai sentito dire agli italiani cui ti riferivi. E' come le canzoni ... i testi di quelle in inglese non sembrano mai così stupidi come quelli in italiano ...
  3. Ilaria Riviera
    , 22/2/2004 00:00
    Ciao,

    purtroppo spesso i comportamenti degli italiani all'estero (come d'altronde anche in Italia) sono vergognosi...all'estero forse sono ancora peggio, perchè tanti pensano che fuori casa nessuno ci faccia caso, invece è proprio fuori casa che ancora con più attenzione mi soffermo a guardare certi atteggiamenti volgari, di superiorità e purtroppo è vero, a volta noto questi comportamenti anche in persone di un certo livello sociale e culturale, gente che viaggia per poter raccontare quanto ha speso e quante stelle aveva l'albergo...durante i miei viaggi ho sentito dire frasi spiacevoli tipo " le Fiji fanno schifo"...avete capito bene!! oppure " 'sti poveri morti di fame " in paesi poveri, ma sono felice che durante i miei viaggi ho conosciuto anche tante care persone, come per esempio Betta e Claudio, o Vera e Nikki, miei cari amici con i quali da anni condivido con entusiasmo le esperienze di viaggio e di vita, gente che ama conoscere posti e gente nuova con rispetto e umiltà.

    Comunque vi consiglio una lettura divertente a proposito dell'argomento trattato, L'Imperfetto viaggiatore di Beppe Severgnini.....non è proprio un parlar male degli italiani all'estero, ma sono delle osservazioni del loro comportamento.....fa morire dal ridere.

    Ciao
    Ilaria
  4. Cristina 9
    , 13/2/2004 00:00
    Ok, la similitudine faceva schifo e il poscritto era fatto apposta per istigarti.
    Però c'ho ragione... e i fatti mi cosano (come direbbe l'assessore Songini).
    ^_^
  5. Turista Anonimo
    , 12/2/2004 00:00
    eh .. eh ... lacri ... stai un pò estremizzando ...
    i comportamenti all'estero cui ci si riferisce non corrispondono di certo a quelli di uno che va ad una festa e si ubriaca e fa casino. anche perchè le feste sono fatte anche per ubriacarsi ... certo che se comincia a prendere a pugno gli altri partecipanti alla festa e a sfasciare l'appartamento ... allora, se permetti, personalmente, comincerei un pò a riesimare questa amicizia ... tu che faresti, gli stringeresti la mano ?
  6. Cristina 9
    , 12/2/2004 00:00
    Ciao Rambutan, non dico che mi senta corresponsabile, ma capisco chi si possa vergognare in queste situazioni.
    Non dico che sia giusto o sbagliato, bello o brutto, semplicemente lo capisco. Ed è capitato anche a me.

    P.s.
    Se un tuo amico si ubriaca ad una festa e fa casino, diventa un semplice conoscente?
    Nessuna seconda chance, amici di Rambutan, meditate!!!
  7. Turista Anonimo
    , 11/2/2004 00:00
    Un'altra cosa che ho notato che la cafoneria di questi individui è direttamente proporzionale al loro stato sociale e ai loro conti correnti...mi spiego meglio: quanti più soldi hanno, nonchè titoli (prof. ing. comm. cav. del cav. ecc. ecc.), tanto più sono burini...per non usare un'altra parola. Ciao Rambutan, salutoni.
  8. Turista Anonimo
    , 11/2/2004 00:00
    Ciao, Lacri.
    Mi spiace ma per me vedere degli italiani che si comportano male all'estero non è la stessa cosa di
    "andare ospiti a casa di qualcuno e vedere un tuo amico che si comporta, scusate il milanesismo, da pirla.".
    Semplicemente, perchè personalmente non ho amici che si comportano da pirla nè all'estero e nè in Italia, e se un domani capitasse (come in realtà è già capitato con un individuo) smetterebbero di essere miei amici ed al ritorno a casa, poco alla volta, diventerebbero dei semplici conoscenti.
    Davvero non capisco per quale motivo occorra martoriarsi e sentirsi in qualche modo corresponsabili per comportamenti tenuti da parte di persone che nemmeno si conoscono.
  9. Cristina 9
    , 11/2/2004 00:00
    Anche a me è capitato di essere in qualche paese straniero e, vedendo un connazionale comportarsi in modo disgustoso, vergognarmi.
    E' come andare ospiti a casa di qualcuno e vedere un tuo amico che si comporta, scusate il milanesismo, da pirla.
    Basta ricordarsi che le persone che ti circondano lo sanno che tu non sei necessariamente come il tuo amico, e fanno le dovute distinzioni.
  10. Turista Anonimo
    , 11/2/2004 00:00
    Hai ragione, Sam !!! A me fa davvero ridere (o forse mi rende perplesso) tutta questa gente che si rende conto di come sono fatti (siamo fatti) gli italiani quando vanno all'estero. Ma quando stanno a casa loro, con chi hanno a che fare, con lituani e islandesi ? Poi, magari gli stessi che all'estero fanno tanto gli schizzinosi coi propri concittadini, sono gli stessi che in Italia ti passano davanti quando sei in fila, in auto ti tagliano la strada premeditatamente o ti mandano affanculo per la minima cosa o ancora si portano via da Pompei (come ho visto fare coi miei occhi) pezzettini di pavimento come "ricordo" ...
  11. Turista Anonimo
    , 10/2/2004 00:00
    quello che vi dirò c'entra con il tema del forum? forse si...perchè di alcuni italiani bisogna vergorgnarsi anche in Italia!
    Andate su Google, scrivete......sporco razzista.....e cliccate....mi sento fortunato.....e buon divertimento.
    Sam
  12. Turista Anonimo
    , 9/2/2004 00:00
    Non mi vergogno di come si comportano gli altri e non mi identifico negli altri, siano essi italiani, danesi o maltesi, perchè per me gli altri sono gli altri. E in ogni caso gli italiani non sono poi tanto peggio di altri.
  13. Turista Anonimo
    , 4/2/2004 00:00
    Quello che dice Simone è vero, anche se credo che ce ne siano molti di popoli che si sentono superiori quando viaggiano. E' anche vero che ci sono italiani viaggiatori di cui essere orgogliosi, quindi c'è un po' di tutto, per quanto mi concerne io cerco di fare del mio meglio per comportarmi in modo civile quando viaggio anche perchè se sentissi un connazionale dire con tono infastidito "quello è italiano, tepareva" non me lo perdonerei mai.
  14. Turista Anonimo
    , 31/1/2004 00:00
    Ho fatto vari viaggi in questi anni (ne ho 42) e se posso esprimere la mia idea riguardo gli italiani in vacanza ne sono contento.
    L'italiano in vacanza è un disastro continuo, in generale ha poco rispetto per la popolazione che lo sta ospitando (cosa molto grave, anzi gravissima) , pretende molto, solamente perchè in zone remote della terra con dei bei centoni una famiglia può viverci dei mesi l'italiano pretende che tutto gli sia dovuto, ripeto, in generale, poi è ovvio che ci sono italiani in giro da esserne orgogliosi, però secondo me non è tanto la questione di vergognarsi o no di essere italiano, la questione è che molte volte ci sentiamo un po' superiori alle popolazioni che ci stanno ospitando, può sembrare una cosa di piccolo rilievo invece è molto grave perchè questa superiorità (non c'è da essere molto fieri sentirsi superiori ad un paese del quarto mondo) può essere l'anticamera del odio e della discriminazione nei confronti di altri popoli. Ripeto, parlo dell'italiano in vacanza a livello generale, poi è ovvio che ci sono italiani in giro per il mondo da esserne veramente fieri ed orgogliosi.
  15. Turista Anonimo
    , 30/1/2004 00:00
    Marcello, Billy sono con voi!
  16. Turista Anonimo
    , 30/1/2004 00:00
    "Non voglio generalizzare, ma l'italiano all'estero è un vero cafone"

    se gli altri italiani vogliono essere cafoni all'estero, mi faccio una risata alla faccia loro. e non mi verggno affatto di essere italiana.
    se loro son cafoni mica vale la proprietà che l'italia intera sia cafona?
    come se un tedesco fa il cafone in italia [o 200 tedeschi fanno i cafoni in italia] non è che penso che la germania sia un paese di cafoni.
    e se uno all'estero si fa idea dell'italia guardando qualche turista....vuol dire che ha il cervello limitato...e il suo giudizio mi scivola.....