Il mio viaggio a New York

Alla scoperta dei quartieri della Grande Mela
 
Partenza il: 12/07/2018
Ritorno il: 20/07/2018
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Giovedì 12 luglio 2018

Ore 12:30 arrivo all’aeroporto JFK stanchi perché il viaggio è stato abbastanza lungo anche se la compagnia aerea Delta Air Lines ci ha offerto ogni comfort.

Stanca ma comunque contenta di aver affrontato questa mia paura di stare così tante ore in aereo.

Rilassata per avere i piedi in terra, affronto con spirito positivo una lunga fila di tutti quelli che come noi entrano per la prima volta in America e devono fare il controllo, Riccardo invece si dispera un po’, ha voglia di sentirsi libero, comprensibile!

Alla dogana troviamo ad accoglierci un giovane afroamericano simpatico, occhi sorridenti…

”Hooo!! Italiani!!” “Io parlo un po’ italiano”… e così in modo gentile ci prende le impronte digitali e ci fa lo scanner agli occhi ed eccoci pronti per entrare in quella città che per me sembrava da sempre un sogno.

Per un attimo mi si stringe la gola mi s’inondano gli occhi, ma è vero sono a New York, grazie a Massimo, spirito da viaggiatore e anche a Riccardo, ragazzo europeo in cerca di miti americani, quelli che agli occhi di noi genitori risultano frivoli e insignificanti.

Massimo con molta destrezza ci porta nel quartiere di Brooklyn dove in Putnam Avenue ci attende Ashta, la ragazza che ci ha affittato casa con formula Airbnb.

La casa è molto carina, un openspace arredato moderno-vintage con oggetti che fanno tanto America: frigo grande, microonde super tecno, coffee americano. Al centro c’è la cucina con un tavolo in legno semplice, alto e sgabelli neri … sarà il nostro punto di ritrovo, di partenza, di arrivo. L’openspace si trova su una tipica casa a schiera (brownstone) americana, con finestre bay window (finestra a golfo); per questo c’è molta luce, come a casa nostra, e non sarà difficile svegliarci presto.

Dopo esserci ripresi un po’ dal viaggio, nel pomeriggio c’infiliamo di nuovo nella Metro (Subway) e Massimo ci porta al parco Dumbo, lungo il fiume… con vista sul ponte di Brooklyn e skyline di Manhattan.

Questo punto è molto bello: ci sono turisti ma anche newyorkesi in relax sui prati, un punto speciale per scattare foto soprattutto al tramonto o più tardi, quando calano le prime ombre sulla città e si accendono le prime luci. Si sta molto bene, ma il fuso orario diverso si comincia a sentire tranne che per Massimo che quando è in vacanza sembra una batteria a ricarica continua.

Ci sono bei ristorantini lungo l’East River… frequentati da americani ma un po’ cari e noi optiamo per una catena di hot-dog, il primo di una lunga serie.

Torniamo a casa, ma non prima di aver fatto una passeggiata. La metro è ancora affollata di gente nonostante fossero le 11 di sera, ma la nostra avenue è molto tranquilla e dormire con quelle luci soffuse, che arrivano dalla strada attraverso le bay windows, è veramente bello.

Venerdì 13 luglio 2018

Ci svegliamo abbastanza presto per via del fuso orario che ancora ci disturba. Colazione seduti al tavolo che per me è già diventato simbolo della casa. Mangiamo classici cookies grandi con uvetta e cioccolato, succo di frutta, latte e caffè all’americana, il tutto acquistato ieri sera tardi durante il ritorno a casa, perché qui per la gioia di Massimo i negozi restano aperti 24 ore su 24.

Partiamo con la metro e ci dirigiamo al ponte di Brooklyn per attraversarlo a piedi e fare l’ingresso a Manhattan.

Il ponte, completato nel 1883 (il primo in acciaio) ha rappresentato per lungo tempo il ponte sospeso più grande del mondo e visto da vicino è ancora più colossale di come te l’immagini. Arrivati a metà l’emozione ha la meglio su di me e gli occhi cominciano a lacrimare perché è reale, sono sul ponte che ho sempre sognato!

Proseguiamo, non prima di aver scattato decine di foto, ed eccoci a Manhattan: da qui ci dirigiamo nell’area storica del quartiere di South Street Seaport, zona del porto dove tutto ha avuto inizio o quasi. Gli immigrati europei, una volta passata la dogana nell’isoletta di Ellis Island, si ammassavano nel South Street Seaport per poi mettersi in cerca di fortuna. Nel cammino io e Riccardo ci prendiamo un caffè all’americana da Starbucks e giriamo per la città con il bicchiere in mano imitando gli americani. Passeggiando arriviamo fino a Wall Street, simbolo finanziario americano e per tutto il mondo, ma di quello che era e che gli ha dato il nome non è rimasto nulla.

Proseguiamo in direzione di Trinity Church, oramai i grattacieli sono i padroni dell’area circostante ed è necessario alzare lo sguardo al cielo per arrivare a vedere dove finiscono i palazzi. Il campanile della Trinity Church può vantarsi di aver dominato in passato lo skyline di Manhattan facendo da faro di benvenuto per le navi che arrivavano nel porto di New York. Ora la chiesa con il suo campanile sembra come un vecchio personaggio, detentore del sapere e della storia della città, protetto tutto intorno dagli altissimi edifici, i giovani della metafora.

Proseguiamo nella direzione del grattacielo più alto degli Stati Uniti, il One World Trade Center, sorto sul sito delle precedenti torre gemelle. Attraversiamo la zona su cui sorgevano le torri gemelle e vediamo che al loro posto sono state costruite due grandi vasche che hanno nel perimetro una cascata di acqua e l’opera rende veramente l’idea del vuoto che le torri hanno lasciato, sia fisico che nell’anima di New York. Il OWTC visto da sotto sembra una scala per l’infinito e l’invito a salire è allettante. In pochissimo tempo un ascensore super tecnologico ci porta in cima e mentre si sale nelle pareti dell’ascensore si rivive la storia della crescita urbanistica di New York, dall’inizio ai giorni nostri. Dall’alto lo spettacolo è notevole, peccato i cristalli di protezione che bloccano un po’ la visuale nitida del panorama.

L’ultimo obiettivo della giornata è ammirare uno dei simboli di New York, la Statua della Libertà, donata dai francesi in simbolo di amicizia e riconoscenza per questa città, che ha rappresentato per gli immigrati europei una “porta di accesso” al nuovo mondo.

Guarda la gallery
cultura-zt547

IL MIO NEW YORK

cultura-stksb

IL MIO NEW YORK

cultura-e1c3k

IL MIO NEW YORK

cultura-aaak3

IL MIO NEW YORK

cultura-8c4zk

IL MIO NEW YORK

cultura-3r2gy

IL MIO NEW YORK

cultura-8223u

IL MIO NEW YORK

cultura-xk288

IL MIO NEW YORK



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Manhattan
    Diari di viaggio
    primavera a new york 2

    Primavera a New York 2

    Questa primavera cogliamo l’occasione di una defezione da parte di un paio colleghi, per partecipare all’ultimo momento a un viaggio di...

    Diari di viaggio
    un sogno chiamato america

    Un sogno chiamato America

    È dal dopo guerra che il tutti desiderano conquistare un solo luogo. Lontano, sfarzoso, sognante: l'America. Io non sono da meno. Non nego...

    Diari di viaggio
    quattro amici in giro per new york

    Quattro amici in giro per New York

    Non siamo giovani, ma pieni di energia e con tanta voglia di vedere il più possibile. Certo abbiamo corso, visto tantissimo e malgrado...

    Diari di viaggio
    new york: la grande mela dove è sempre bello ritornare

    New York: la Grande Mela dove è sempre bello ritornare

    che si rivede volentieri. Da non perdere la "galleria dei sussurri": per trovarla seguite le indicazioni per la zona ristoranti e cercate...

    Diari di viaggio
    capodanno 2019 a new york

    Capodanno 2019 a New York

    Ed eccoci finalmente negli Stati Uniti e quale città migliore per iniziare se non NYC?! Prima di raccontarvi la nostra settimana...

    Diari di viaggio
    new york una giungla di grattacieli

    New York una giungla di grattacieli

    Perché New York? Non ha mai fatto parte dei miei sogni di viaggio, ma Giò desiderava visitarla e io sono sempre pronta a preparare la...

    Diari di viaggio
    la grande mela... ghiacciata!

    La Grande Mela… ghiacciata!

    e ci dirigiamo verso la prossima meta: il ponte di Brooklyn che ci stupirà per la sua bellezza! Lo percorriamo tutto, fino alla sponda...

    Diari di viaggio
    new york, la nostra prima volta: diario di un viaggio indimenticabile

    New York, la nostra prima volta: diario di un viaggio indimenticabile

    Dopo 16 giorni (agosto 2018) strabilianti, meravigliosi e indimenticabili - eccomi a scrivere questo diario tutto dedicato alla “Nostra...

    Diari di viaggio
    il mio viaggio a new york

    Il mio viaggio a New York

    Giovedì 12 luglio 2018 Ore 12:30 arrivo all’aeroporto JFK stanchi perché il viaggio è stato abbastanza lungo anche se la compagnia...

    Diari di viaggio
    new york in pratica

    New York in pratica

    8 giorni pieni a New York come turisti fai da te non sono uno scherzo. I consigli pratici sono ben utili e butto giù come l'ho...

    Video Itinerari