La Grande Mela… ghiacciata!

I miei 8 consigli per vivere al meglio New York nel periodo delle Festività Natalizie
Scritto da: antonellap-1
la grande mela... ghiacciata!
Partenza il: 03/12/2018
Ritorno il: 07/12/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Tanti sono i siti e i blog specializzati sui viaggi a New York, spesso ben curati, aggiornati da appassionati o da connazionali che nella Grande Mela gestiscono delle Agenzie di Viaggio. Non vi darò quindi dettagli che potete reperire in modo più puntuale altrove ma vi racconterò quella che è stata nostra esperienza e quelli che sono i nostri personali consigli per organizzare un viaggio in questa città nel periodo invernale, visto che ovviamente il freddo influenzerà le scelte sul vostro itinerario.

Abbiamo voltato con Delta Airlines, volo diretto all’andata e con scalo al ritorno.

1° consiglio: se potete, almeno nel viaggio di andata evitate gli scali intermedi. Oltre a farvi perdere tempo può capitare (e per noi non è la prima volta) che se lo scalo è breve, le vostre valigie non siano sufficientemente veloci a imbarcarsi nella coincidenza. Se al ritorno è una scocciatura, all’andata può rappresentare un grosso disagio e a volte una bella spesa per acquistare ciò che vi manca nei primi giorni di viaggio.

Atterrati a New York JFK, abbiamo preso una navetta (prenotata dall’Italia con GoAirlink) che ci ha portato direttamente al nostro Hotel, l’Holiday Inn Financial District a Lower Manhattan.

2°consiglio: valutate bene la scelta sul pernottamento e muovetevi con molto anticipo sulla prenotazione in quanto il rapporto qualità/prezzo sul pernottamento a New York è in genere pessimo. Informatevi anche sulle segnalazioni di presenza delle pulci; ebbene si! Anche nei 4/5 stelle paiono essere una vera piaga della città. (esistono appositi siti, si chiamano bed bugs, cercate su Google).

Poi, tenete anche conto della distanza dai luoghi che volete visitare perché, ad esempio alcune zone di Brooklyn possono dalla mappa sembrare vicine a Manhattan ma poi, di fatto, sono mal servite dai mezzi e vi sottraggono troppo tempo o vi impediscono di uscire comodamente la sera (sia per i tempi di percorrenza, sia perché alcuni quartieri la sera si trasformano in peggio…in particolare quando la temperatura scende e tantissimi barboni si rifugiano in massa nelle stazioni della metro).

Valutate di pernottare in New Jersey anziché a Manhattan. Avevo visto dei bellissimi hotel aldilà del fiume Hudson con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Io ho desistito visto che in alcuni blog ho letto che erano scomodi da raggiungere ma in realtà si tratta di una fermata di treno della linea PATH che si prende comodamente anche dalla stazione dentro l’Oculus ovvero a due passi da dove abbiamo pernottato noi, quindi, di fatto, con 10’ in più di viaggio potete spendere molto, molto meno…sinceramente tornassi a New York io sceglierei questa alternativa!

Arriviamo nel tardo pomeriggio, ci sistemiamo e proviamo a fare un piccolo giro esplorativo anche per cercare di rimanere alzati e smaltire il fuso orario: visitiamo l’Oculus, il World Trade Center e la zona di World Street (la sera tarda è un ottimo momento per vedere il Charging Bull di Wall Street senza le orde di turisti).

1° GIORNO: il nostro è stato un viaggio di 4 giorni pieni. Ci starebbe stato bene un quinto giorno, per vedere alcune cose che avevamo messo in preventivo di visitare e che per mancanza di tempo (o altri piccoli intoppi) abbiamo dovuto escludere ma, tutto sommato, dire che 4 giorni sono stati un buon compromesso.

Ci dedichiamo alla zona di Lower Manhattan. Come prima cosa prendiamo il traghetto gratuito (utilizzato dai pendolari) per Staten Island e che vi permette di vedere la Statua della Libertà e un bel colpo d’occhio sullo Skyline cittadino e sul fiume Hudson. Il tragitto dura 25’ a tratta, arrivati a Staten Island dovete scendere e riprenderlo nella direzione opposta (non potete rimanere a bordo). Per noi è una gita straconsigliata, preferibile alle costosissime crociere turistiche.

Scesi dal traghetto, a piedi visitiamo il WTC e il Memorial 9/11, l’Oculus e tutta la zona di Wall Steet e del Financial District.

Passiamo in hotel per una piccola pausa relax (e anche per scaldarci un pochino) e poi prendiamo la metro per dirigerci al Madison Square Garden perché avevamo preacquistato un biglietto per la partita dei Knicks – la squadra di basket newyorkese che gioca nell’NBA.

3° consiglio: partecipare a un evento sportivo a New York è una esperienza secondo noi imperdibile ! in particolare, durante i mesi freddi, è anche un modo per fare un qualcosa di molto, molto tipico, al chiuso e quindi al caldo. Durante l’evento è bello mangiare sugli spalti come fanno gli americani (non mancano dentro l’arena pizze, hamburger e ovviamente birra & hot dog), così come non mancano innumerevoli spettacoli che intrattengono gli spettatori durante i tempi di attesa e le pause (ragazze pon pon, lancio delle magliette con i cannoncini, filmati, musica, quiz e tante, tante altre cose). Sappiate inoltre che, anche dai posti più in alto e quindi un po’ più economici (che poi purtroppo economici non sono…), si vede benissimo !

2° GIORNO: Non si può partire per New York senza avere acquistato uno degli innumerevoli Pass per visitare le varie attrazioni (musei e altro). Le combinazioni sono tantissime, ci sono quelli dove decidete per quanti giorni deve valere il pass e le attrazioni sono tutte comprese e quelli strutturati esattamente all’opposto, ovvero decidete quante attrazioni volete visitare e poi avete un anno di tempo per poterle vedere. On-line trovate diversi siti ben fatti con tutte le spiegazioni che vi occorrono per scegliere e anche delle comode tabelle di comparazione. Quasi tutti in comune hanno che non si tratta più di un Pass cartaceo ma di un Pass virtuale, lo acquistate e vi arriva una mail da stampare o salvare sul cellulare con un QR code da mostrare alla cassa. Alcuni pass inoltre vi consentono di saltare le code che comunque, almeno quando siamo stati noi, non erano comunque così lunghe come immaginavo.

Noi abbiamo scelto il Seightseeing Pass per 3 attrazioni e, al momento dell’acquisto abbiamo trovato anche una bella offerta per acquistare 4 attrazioni al prezzo di 3 e così ci siamo trovati ad avere a disposizione anche un abbonamento per i bus Hop On-Hop Off per 72 ore.

Guarda la gallery
america-bzeab

Christmas in Central Park

america-7mqdk

Little Italy

america-5hzq7

camera con vista

america-8kmpz

Skyline



    Commenti

    Lascia un commento

    Manhattan: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari