Picnic a Dettifoss

Do you see?There is nothing . Così mi ha detto Kristin guardando fuori dal finesrino. In effetti la zona di Keflavik che stavamo sorvolando è piuttosto brulla e offre un paesaggio monotono e piatto. Kristin è una bella ragazza di ...

Diario letto 2441 volte

  • di Counterpart
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Do you see?There is nothing .

Così mi ha detto Kristin guardando fuori dal finesrino.

In effetti la zona di Keflavik che stavamo sorvolando

È piuttosto brulla e offre un paesaggio monotono e piatto.

Kristin è una bella ragazza di Akrenes ,30 km a nord di Reykjavik che il destino ha voluto

Facesse il viaggio Londra-Keflavik nel posto a fianco al mio.

Sempre il destino ha voluto che Kristin stesse tornando da Palermo dove aveva lavorato per 3 mesi

Come babysitter.

Se il viaggio comincia così, ho pensato ,non è male.

Eppure c'erano state delle avvisaglie non molto rassicuranti nei giorni precedenti il viaggio.

Una settimana prima di partire Icelandexpress mi manda un'e-mail scritta in maniera confusa comunicandomi che il mio volo era stato "cancelled ". A quel punto avevo due possibilità:

-non partire ;

-dormire una notte a Londra e prendere il volo per Keflavik il giorno successivo.

Ovviamente ho optato per la seconda che tutto sommato non avrebbe comportato un grande cambiamento nel percorso che avevo programmato in Islanda. Altri segnali oscuri provenivano dal mio gatto che ha sintomi premonitori come accade nei romanzi di Poe.

Il giorno prima della partenza si è presentato in camera miagolando in maniera ossessiva come non ha mai fatto e il giorno dopo me lo sono ritrovato seduto sulla capotte della macchina e non si è mosso finchè non ho innestato la retromarcia. Non da ultimo alcuni giorni prima mi si è rotto il cavalletto della macchina fotografica che ho dovuto ricomprare.

Nonostante il disguido con Icelandexpress l'aereo mi è sembrato bello,spazioso e confortevole per essere di una compagnia low cost. The crew abbastanza informale ci ha consentito di tenere bottiglie, libri e oggetti vari anche in fase di decollo e si è sbrigato molto velocemente nelle solite noiose istruzioni per i casi di emergenza.

Una volta in quota si è abbassato uno schermo per ogni fila di sedili e ci hanno fatto vedere un film islandese in lingua originale che ho rivisto anche al ritorno.

02 settembre

Alle 15.00 arrivo al Keflavik International Airport da cui parto per arrivare all'ostello di Skógar dove avevo prenoto una singola per la prima notte. Detta così sembra facile in realtà il primo impatto con le strade del luogo non è stato facile. Per quanto sembri banale in Islanda tutto è scritto in islandese , una minima indicazione stradale in inglese non la trovi. Da quanto si legge nei vari racconti di viaggio sembra che ci sia una sola strada importante e asfaltata in tutta l'isola , la 1 e che per muoversi sia sufficiente seguirla. In realtà ci sono moltissime strade asfaltate e non, che consentono di raggiungere vari luoghi e sono abitualmente percorse dai residenti locali. Tutte le strade anche quelle sterrate che spesso sono percorribili a fatica con auto normali sono numerate per cui è bene munirsi di una mappa dettagliata per orientarsi perchè spesso non si capisce bene dove ci si trova.

Dunque da Keflavik si segue la 42 fino a Reykjavik e poi bisogna prendere la 1 ma in direzione Vik se si vuole andare a sud. Io invece mi sono perso e sono entrato nella capitale in cui il traffico è sempre molto intenso abbandonandomi per un'ora in giri a vuoto.

Una volta trovata la strada giusta ,1 direzione Vik per l'appunto ,il gioco era fatto bastava solo fare quei 200 km che mi separavano da Skógar. Altro particolare da non sottovalutare le luci della macchina.

Ci sono solo gli anabbaglianti che però hanno una luce meno intensa dei nostri e gli abbaglianti che si possono regolare in altezza e di fatto funzionano come i nostri anabbaglianti. Normalmente ho visto che tengono sempre i fari accesi anche di giorno ma non so se sia obbligatorio

  • 2441 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,