Tour dell’Islanda

Alla scoperta dell'isola lungo la Ring Road e le piste interne
 
Partenza il: 17/06/2017
Ritorno il: 28/06/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Siamo partiti da Milano Malpensa con il volo della Wow alle ore 01.20 e atterrati alle 03.45 ora locale.

Cose da sapere: l’ora islandese è due ore indietro rispetto a quella italiana

Come vestirsi: premesso che il tempo cambia spesso però, solitamente, piove è meglio vestirsi a cipolla come quando si va in montagna: maglia termica, pile, centogrammi e guscio antiacqua. Per le donne va bene giaccavento con antiacqua, scarponcini da montagna se si fanno trekking in alternativa scarpe da trekking. Il sole sorge alle 03.00 di mattina e tramonta a mezzanotte.

Si paga tutto con carta di credito. È obbligatorio sapere il pin per fare rifornimento, mentre non è necessario cambiare i soldi (neanche per piccolo spese di qualche euro). I prezzi sono indicati con la valuta locale (corona islandese – il cambio in questo momento è 1 euro = 116 Isk). I distributori di carburante non accettano tutte le carte di credito e spesso sono solo automatici. Nei distributori N1 c’è la possibilità di acquistare carte di carburante prepagate con importo pari a 3000 – 5000 – 10000 isk;

La “Ring Road” è una strada ben tenuta a scorrimento piuttosto veloce con limite di 90 km/h;

Le strade indicate con la lettera F sono strade non asfaltate, permesse soltanto alle macchine 4×4. Solitamente sono di facile accesso anche ai piccoli 4×4; I guadi, invece, sono fattibili soltanto con grandi 4×4.

Gli alcolici non sono venduti nei supermercati, ma solo in appositi negozi.

Il costo dei ristoranti è molto molto alto rispetto ai prezzi italiani (basta pensare che il costo medio di una colazione in ostello è di 20 euro a persona). In tutti i ristoranti o fast food è sempre servita acqua fresca in modo gratuito. Il costo medio delle bibite è alto: 6 euro per una coca cola – 10 euro per un succo – 12 euro per una birra piccola. I supermercati più grossi sono Bonus e Nettó che si trovano soltanto nelle cittadine più grandi (Reykjavik – Selfoss – Egilsstaoir – Akureyri).

Il costo del cibo è elevato anche se accessibile, sicuramente unico modo per non dover sempre uscire a cena.

Tutte le prenotazioni delle camere le ho fatte con Booking circa quattro mesi prima della partenza. Le colazioni non erano mai comprese a eccezione di rari casi. Il bagno quasi sempre in comune, onestamente erano tutti puliti. I prezzi delle camere li riporto nel racconto. Le prenotazioni tramite Booking si sono rivelate molto comode anche per comunicare alle strutture l’orario di arrivo. La macchina l’ho prenotata tramite internet con la compagnia Geysir. Il costo del Suzuki Jimmy 4×4 per 10 giorni è stato pari a 750 euro. La macchina era molto molto vecchia. Siccome abbiamo bucato una gomma, il costo per questo inconveniente è stato pari a 300 euro. Costo veramente eccessivo per una foratura, cosa molto frequente in Islanda sulle F road. Come compagnia non la consiglio affatto, poco professionali nel caso di bisogno. Unico vantaggio che può ritirare e consegnare la macchina in aeroporto a qualsiasi ora.

Consiglio, se non avete tanti giorni a disposizione, di evitare la zona a nord, piuttosto fare bene la zona sud e le piste centrali. La gita per vedere le balene potete farla da Reykjavik.

L’Islanda, a differenza di altri paesi, è un posto dove la forza della natura sovrasta ogni altra cosa e, spesso, vi troverete fermi per ore in luoghi magici.

TOP FIVE

Trekking Landmannalaugar

Blu Lagoon jökulsarlon

Gold Circle

Trekking kerlingarfjoll

Husavik – Whale Watching

1° giorno: aeroporto di Keflavik – Selfoss

Appena atterrati e ritirato il nostro vecchio Suzuki Jimmy siamo partiti alla volta del Circolo d’Oro. Prima tappa a 23 km da Reykiavik è stato il Parco Nazionale di Pingvellir dove abbiamo ammirato le zolle continentali. Accesso gratuito, parcheggio P1 a pagamento. Se proseguite per un chilometro circa ci sono altri due parcheggi gratuiti. Bella passeggiata adatta a tutti. Seconda tappa a Geysir dove si possono ammirare le sorgenti di acqua bollente e il bellissimo getto di Strokkur, alto circa 20 metri. Terza tappa a Gulfoss dove si può vedere una grande cascata. Abbiamo aggiunto al Circolo d’Oro la cascata di Seljalandsfoss, molto carina in quanto c’è un percorso attrezzato che ti porta sul retro della cascata. Rientro e pernottamento a Selfoss alla guesthousee skolavellir costo 60€ a camera molto bella con bagno in comune e jacuzzi in giardino, c’è la cucina ci siamo fatti da mangiare il supermercato è a 500 metri.

2° giorno: Selfoss – Vik

Abbiamo imboccato la strada in direzione di Vik e dopo pochi chilometri abbiamo presso la Strada 32 fino all’incrocio con la F208 con la quale siamo arrivati a Landmannalaugar. La strada per arrivarci è piuttosto lunga, ci vogliono circa 4 ore e non sono presenti guadi. La F225 strada alternativa con i guadi era chiusa. Questo è il punto di partenza per tantissime passeggiate molto belle. È presente un campeggio e una pozza naturale di acqua calda dove è piacevole immergersi dopo le passeggiate. Da qui parte il famoso trekking che raggiunge Porsmork. Noi abbiamo fatto il trekking di 3 km seguendo il sentiero rosso, poi bianco e infine verde. Durata del percorso 3 ore. Inizialmente si attraversa il campo lavico fino a raggiungere un pianoro dove è possibile ammirare tutte le vette circostanti color caramello. Con una bella salita poi si giunge alla vetta Brennisteinsalda dove si ammira il panorama a 360 gradi. È necessario avere scarponi da montagna, perché durante la salita bisogna attraversare un piccolo nevaio. C’è la possibilità di fare anche il percorso breve, più semplice, adatto alle famiglie. Alla partenza è possibile acquistare la cartina dei sentieri al costo di 350 isk. Rientro e pernottamento a Vik presso Puffin Hotel Vik. Anche se avevano prenotato una notte in ostello, al nostro arrivo ci è stato proposto un cambio con camera con bagno in hotel e prima colazione inclusa (costo 180 euro a camera). Hotel bello, ma troppo caro. La colazione è buona, abbastanza ricca a buffet (il costo per acquistarla è 2200 isk a persona! Meno male che era compresa!). Dopo cena siamo partiti per cercare i simpatici Puffin sul promontorio di Dyrholeay dove è presente una colonia molto numerosa. Purtroppo scopriamo che dal 15 maggio al 25 giugno questo promontorio è chiuso ai turisti per non disturbare questi uccelli che nidificano sulle scogliere. Saremo costretti a cercarli nelle prossime tappe nei fiordi orientali.

Guarda la gallery
islanda-t7sn3

TOUR DELL'ISLANDA 2017

islanda-hwvaw

TOUR DELL'ISLANDA 2017

islanda-4nu9m

TOUR DELL'ISLANDA 2017

islanda-5u4qn

TOUR DELL'ISLANDA 2017

islanda-f7j28

TOUR DELL'ISLANDA 2017



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Akureyri
    Diari di viaggio
    tour dell'islanda 2

    Tour dell’Islanda 2

    Giorno 1: 24 luglio Volo Wizzair Milano Malpensa – ReykjavikArrivati in hotel, il Grand Reykjavik Hotel, sistemiamo i bagagli in...

    Diari di viaggio
    viaggio family in islanda, la terra delle cascate

    Viaggio family in Islanda, la terra delle cascate

    L’idea di andare in Islanda in gruppo (siamo 4 adulti e 4 bambini con età variabile tra i 6 e i 9 anni) è maturata dopo il viaggio a...

    Diari di viaggio
    iceland: wild at heart

    Iceland: Wild at heart

    Dopo 26 anni siamo riusciti a coronare il sogno di ritornare in Islanda, un paese dal clima imprevedibile con temperature abbastanza fredde...

    Diari di viaggio
    islanda, on the road tra fuoco e ghiaccio

    Islanda, on the road tra fuoco e ghiaccio

    Eccomi qui, pronta a raccontarvi quello che, ad oggi, è sicuramente uno dei viaggi più belli, emozionanti e appaganti fatti in vita...

    Diari di viaggio
    islanda: magia pura con l’aurora boreale

    Islanda: magia pura con l’aurora boreale

    montagne verdeggianti. Esperienza unica anche se il tempo nuvoloso ci ha sconsigliato di fare l’ennesimo bagno termale.Itinerario...

    Diari di viaggio
    islanda, in tre stagioni

    Islanda, in tre stagioni

    Inverno, autunno, primavera. Queste sono state le tre stagioni durante le quali ho avuto la fortuna e il privilegio di visitare questa...

    Diari di viaggio
    il giro dell'islanda lungo il ring, in 7 giorni!

    Il giro dell’Islanda lungo il ring, in 7 giorni!

    Sabato 10/08 Roma Reykjavik - Notte a Reykjavik. Auto Thrifty Pernottamento: Center Hotel SkjaldbreidDomenica 11/08Prime...

    Diari di viaggio
    l'islanda: la terra dalle mille cascate

    L’Islanda: la terra dalle mille cascate

    - 18:30. Netto, 10 - 19. Hagkaup, 8 - 24. Netto, sud della città, 10 - 21. Krambúð, 8/9 - 23:30.Giorno 8 (26 giugno) Gentle...

    Diari di viaggio
    tour dell'islanda

    Tour dell’Islanda

    Siamo partiti da Milano Malpensa con il volo della Wow alle ore 01.20 e atterrati alle 03.45 ora locale.Cose da sapere: l'ora...

    Diari di viaggio
    in islanda alla ricerca delle foche
    G..

    In Islanda alla ricerca delle foche

    foche. Si trova poco dopo la Guesthouse Hof dove abbiamo dormito (in direzione Keflavik). Ne abbiamo viste 9 che si riposavano sugli...

    Video Itinerari