Islanda, in tre stagioni

Inverno, autunno, primavera. Queste sono state le tre stagioni durante le quali ho avuto la fortuna e il privilegio di visitare questa terra unica.
 
Viaggiatori: da 2 a 5
Spesa: 1000 €

Inverno, autunno, primavera. Queste sono state le tre stagioni durante le quali ho avuto la fortuna e il privilegio di visitare questa terra unica. Negli ultimi anni il turismo dell’isola è aumentato a dismisura e secondo me, è un gran peccato. Certi luoghi andrebbero tutelati dai viaggi di massa molto più di altri, per non distruggerne quell’equilibrio perfetto e surreale che riescono a regalare a chi le respira e le visita. Probabilmente sono troppo di parte, l’Islanda era uno dei miei sogni e sono riuscita a realizzarlo più volte, preferendola spesso a nuove terre e continuerò a metterla in cima alla mia classifica, nonostante gli altri paesi meravigliosi che ho avuto modo di attraversare. Snæland (questo, uno dei molti nomi attribuiti a questa isola misteriosa: “terra innevata”) è un tenero soufflè ricoperto di zucchero a velo, con una scorza tosta e quell’animo caldo che la rende succulenta in un’esplosione di sapori e colori. Qui il clima cambia repentinamente, il suo umore varia di ora in ora, più ti sposti al suo interno e più ti ritrovi nel mezzo di una tormenta, poi un sole forte che fa brillare la neve. Arcobaleni, aurore boreali per i più fortunati, cascate di tutte le forme e dimensioni, antichi alloggi di torba, vasti campi sbuffanti vapore che uniscono monti e mare, rocce e scogliere dai lineamenti geometrici scolpite dai secoli e dal vento… l’Islanda è questo e altre mille sorprese. E’ una fiaba, è l’amore dal quale vuoi sempre tornare. Dopo la prima volta, ho avuto timore di tornarci una seconda, figuriamoci la terza, questo perchè ogni luogo del pianeta ha la sua sorpresa iniziale e ho temuto che certe emozioni non potessero tornare di nuovo, avevo paura di restare delusa, che potesse perdere quella scintilla ai miei occhi e invece no. L’Islanda è un qualcosa che è fuori da ogni tempo ed ogni spazio, dove mille scenari naturali si incontrano e si scambiano rapidamente, dove il terreno è vivo, si muove e respira. È dove la luna è gigantesca e dove la notte regala spettacoli che continuerò a voler vedere ogni volta che ne avrò l’occasione. È riconciliazione, è serenità, è riflessione, è il posto in cui anche il cuore del peggior criminale ha un sussulto d’amore, è un regalo del mondo…e non esagero mai quando dico questo.

Qui è dove ho incontrato la felicità pura, è dove la vivo ancora ed è dove andrò a cercarla di nuovo. Generalmente tutto inizia dall’aeroporto di Keflavík, dove consiglio di noleggiare una buona 4×4 se si è dalle quattro persone in su, altrimenti ve la potete cavare anche con una utilitaria, ma in inverno eviterei di esser troppo temerari e spingersi su strade al di fuori della Hringvegur, a meno che non controlliate passo passo la situazione delle strade sui siti islandesi consigliati. La prima volta stavamo per impantanarci nel ghiaccio in mezzo al nulla, fortunatamente la piccola Yaris Serie 2 non ci ha tradito nemmeno sotto la neve, però ecco… vi suggerisco di non esagerare se non siete in possesso di un 4×4, evitate le strade contrassegnate dalla lettera “F” poichè l’assicurazione non coprirà gli imprevisti!

Detto questo, torniamo al nostro itinerario.

Se si arriva di giorno, indicherei delle deviazioni da non sottovalutare prima di arrivare a Reykjavík.

C’è il ponte che unisce i due continenti, Eurasia e America, molto suggestivo. Da qui si prosegue la guida con colonne sonore islandesi, ambient e perchè no… anche un po’ di silenzio che riesca a far respirare addirittura le orecchie. Giunti dalle parti di Grindavík, troviamo la ormai nota Blue Lagoon, le sue acque sulfuree celesti come il cielo sono sicuramente da immortalare, magari davanti ad un caffè. Per quanto mi riguarda, le terme che ho preferito maggiormente sono state le “Hot springs Secret Lagoon”, in prossimità dell’ultima tappa del Golden Circle (che vedremo più avanti).

Quando si arriva a Reykjavík si notano modernità e colori, tanti colori, a febbraio noterete ancora le lucine di Natale in giro e vi chiederete se gli islandesi siano un po’ scordarelli… non è così! Le luci vengono lasciate di proposito per dare colore ed allegria durante il periodo più buio dell’anno.

Un paio di giorni possono bastare per percorrerla tutta, ammirare la chiesa luterana Hallgrímskirkja, mangiare ricche zuppe e pane di segale, entrare nei vari negozietti e passeggiare la sera sotto la cangiante Harpa Concert Hall.

Dalla capitale, ogni volta ho proseguito in direzione Golden Circle, che consta di tre tappe fondamentali: la prima sosta è il parco nazionale Þingvellir, con i suoi percorsi tra pietre laviche, distese immense e piccole cascate come quella di Öxarárfoss. La seconda è la valle dei geyser, dove si possono contemplare alti getti di vapore e acqua che provengono dal sottosuolo. E’ l’unico posto in Europa a regalarci questo spettacolo, e ne vale davvero la pena aspettare che Strokkur (il solo geyser ancora pienamente attivo) si carichi dalle viscere più profonde del terreno per poi scoppiare in una colonna fumante alta circa 40 metri. L’ultima tappa del Circolo D’Oro sono le cascate Gullfoss, il cui nome sta a significare proprio “cascata dorata” grazie al bagliore che riflette quando il sole fa capolino su di essa. Già una giornata come questa riempie gli occhi di splendore, immaginate quanto altro ha da offrire quest’isola fantastica?

A proposito del Circolo D’Oro, suggerisco deviazioni a mio avviso molto appropriate, quali: Brúarárfoss, una cascata nelle vicinanze dei geyser, la cui particolarità sta nella sua acqua blu che appare come un dipinto. Non è facilissima da raggiungere nei periodi invernali, però è una passeggiata che regala un gran bel premio per gli occhi. Nel mio caso, ho visitato qualcosa di molto simile dalle parti di Akranes, ma Brúarárfoss è ancora sulla wishlist nel caso in cui tornassi in estate. Infine, come già anticipato, concluso il Golden Circle si potrebbe effettuare una sosta rilassante presso i bagni termali della Secret Lagoon, i più antichi d’Islanda. Queste terme non sono molto frequentate e le preferisco proprio per la loro locazione pacifica, priva di caos ed esuberanza. E’ qui che in un freddo giorno di fine marzo mi sono immersa in queste acque calde e dopo poco ha cominciato a nevicare… pace al 100%.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Akureyri
    Diari di viaggio
    tour dell'islanda 2

    Tour dell’Islanda 2

    Giorno 1: 24 luglio Volo Wizzair Milano Malpensa – ReykjavikArrivati in hotel, il Grand Reykjavik Hotel, sistemiamo i bagagli in...

    Diari di viaggio
    viaggio family in islanda, la terra delle cascate

    Viaggio family in Islanda, la terra delle cascate

    L’idea di andare in Islanda in gruppo (siamo 4 adulti e 4 bambini con età variabile tra i 6 e i 9 anni) è maturata dopo il viaggio a...

    Diari di viaggio
    iceland: wild at heart

    Iceland: Wild at heart

    Dopo 26 anni siamo riusciti a coronare il sogno di ritornare in Islanda, un paese dal clima imprevedibile con temperature abbastanza fredde...

    Diari di viaggio
    islanda, on the road tra fuoco e ghiaccio

    Islanda, on the road tra fuoco e ghiaccio

    Eccomi qui, pronta a raccontarvi quello che, ad oggi, è sicuramente uno dei viaggi più belli, emozionanti e appaganti fatti in vita...

    Diari di viaggio
    islanda: magia pura con l’aurora boreale

    Islanda: magia pura con l’aurora boreale

    montagne verdeggianti. Esperienza unica anche se il tempo nuvoloso ci ha sconsigliato di fare l’ennesimo bagno termale.Itinerario...

    Diari di viaggio
    islanda, in tre stagioni

    Islanda, in tre stagioni

    Inverno, autunno, primavera. Queste sono state le tre stagioni durante le quali ho avuto la fortuna e il privilegio di visitare questa...

    Diari di viaggio
    il giro dell'islanda lungo il ring, in 7 giorni!

    Il giro dell’Islanda lungo il ring, in 7 giorni!

    Sabato 10/08 Roma Reykjavik - Notte a Reykjavik. Auto Thrifty Pernottamento: Center Hotel SkjaldbreidDomenica 11/08Prime...

    Diari di viaggio
    l'islanda: la terra dalle mille cascate

    L’Islanda: la terra dalle mille cascate

    - 18:30. Netto, 10 - 19. Hagkaup, 8 - 24. Netto, sud della città, 10 - 21. Krambúð, 8/9 - 23:30.Giorno 8 (26 giugno) Gentle...

    Diari di viaggio
    tour dell'islanda

    Tour dell’Islanda

    Siamo partiti da Milano Malpensa con il volo della Wow alle ore 01.20 e atterrati alle 03.45 ora locale.Cose da sapere: l'ora...

    Diari di viaggio
    in islanda alla ricerca delle foche
    G..

    In Islanda alla ricerca delle foche

    foche. Si trova poco dopo la Guesthouse Hof dove abbiamo dormito (in direzione Keflavik). Ne abbiamo viste 9 che si riposavano sugli...