L’Islanda: la terra dalle mille cascate

Diario di viaggio sull'Islanda che ripercorre ogni tappa della nostra avventura. Inoltre sono presenti molti consigli su vari temi quali il meteo, quando andare, alloggi, noleggi auto, ecc... Non resta che leggere il nostro diario e prenotare al più presto!
Scritto da: rho87
l'islanda: la terra dalle mille cascate
Partenza il: 19/06/2018
Ritorno il: 30/06/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Alla scoperta dell’Islanda

L’Islanda… così abbiamo deciso che questa sarebbe stata la nostra destinazione di quest’anno.

Durata del viaggio: 19 Giugno – 30 Giugno

Volo: andata con Norwegian, ritorno con Vueling (prenotato su piratinviaggio.it verso fine marzo). Prezzo a persona 500 euro.

Come molti hanno detto, il miglior modo per visitare l’isola è sicuramente noleggiare una macchina. Facendo diverse ricerche online e inviando qualche mail per richiesta di preventivi, alla fine abbiamo prenotato con Blu Car Rental, che prenotando via mail, mi hanno fatto un piccolo sconto e aggiunto gratuitamente il secondo conducente. Il prezzo totale incluse tutte le assicurazioni (inclusa la SAAP) è stato di 703 euro per 12 giorni.

Consigli utili

Periodi Migliori: dipende cosa volete visitare in Islanda. Se avete intenzione di girarvela comodamente in auto, magari una 2WD, visitando le maggiori attrazioni lungo la Ring Road, sicuramente il periodo migliore è da giugno fino a metà settembre, dove le temperature massime si aggirano intorno ai 18 gradi, con una minima intorno ai 9/10 gradi. Tutte le strade principali sono di nuovo agibili, in quanto la neve si è sciolta del tutto, e quindi vi sarà più facile girare l’isola. Inoltre in quel periodo non farà mai notte, e le attrazioni, sono aperte 24h, consentendovi di visitarle in qualsiasi ora vogliate.

Se invece avete intenzione di cercare di vedere l’aurora boreale, i periodi migliori sono da dicembre fino a marzo, quando le ore di sole, saranno solo 3, e avrete più probabilità di vederla. Inoltre le temperature sono molto più fredde, e per spostarvi, è consigliato il noleggio di un 4WD.

Alloggi: il consiglio che vi do, è di affrettarvi nel prenotare le strutture, in quanto, appena usciti dall’area di Reykjavik, le strutture sono pochissime, e potreste trovarvi in situazioni nelle quali sono rimaste poche opzioni, con prezzi molto alti e con dei servizi pessimi. Noi abbiamo soggiornato in qualsiasi tipo di struttura, dal semplice b&b, al campeggio, e ci siamo trovati sempre molto bene.

Se volete risparmiare, il campeggio è un ottima opzione. Molti sono i campeggi lungo l’isola, e chi più, chi meno, offrono tutti degli ottimi servizi. In nessun camping, c’è bisogno di prenotare, anche perché gli spazi sono enormi, e a detta loro, non sono mai pieni. Esiste una carta con costo di 149 Euro, che vi da la possibilità di accedere a determinati camping con tutti i costi dei servizi già inclusi nella carta. Trovate le info al sito www.campingcard.is

Denaro: armatevi di carte di credito, carte prepagate o bancomat, e lasciate i contanti a casa. Noi in 12 giorni di permanenza in Islanda, non abbiamo cambiato un centesimo. Tutto, dai parcheggi auto, al costo per andare nei bagni pubblici, è stato pagato con carte.

Strade: esiste una strada principale che, come un anello, percorre l’sola, collegando tutte le maggiori attrazioni: essa prende il nome di Ring Road, ed è contraddistinta dal numero 1. Si tratta di una strada a doppio senso e, per la maggioranza dei km, con una corsia sola per senso di marcia. E’ una strada completamente asfaltata, tranne che per pochi km nella parte est dell’isola, comunque percorribile con una normale 2WD. Tutte le strade asfaltate (pavel roads) e le strade con brecciolino/ghiaia (gravel roads), sono contraddistinte con un numero, es. 93; invece le strade sterrate (offroad), sono contraddistinte con una F prima del Numero, es. F208, e sono percorribili esclusivamente con le 4WD. I limiti delle strade sono in generale di 50 km/h in città, 80km/h sulle gravel roads, e 90 km/h sulle strade asfaltate. Molti autovelox sono presenti nell’area di Reykjavik e nel sud dell’isola. Rispettateli se non volete farvi addebitare dalla compagnia di car rental, una multa salata! Vi consiglio il sito http://www.road.is/ per tenere sotto controllo la situazione delle strade su tutta l’isola.

– Meteo: il meteo in Islanda è imprevedibile, e in 12 giorni abbiamo sperimentato quasi tutto: forte pioggia, sole, freddo, caldo, vento a 60 km/h. Inoltre il tempo, cambia molto velocemente, e nel giro di 5 minuti, potreste ritrovarvi dal diluvio al sole. Per il meteo consultate il sito http://en.vedur.is/ App disponibile per le piattaforme IOS e Android.

Anche il sito http://vegasja.vegagerdin.is/eng/ è molto utile, in quanto sono disponibili le riprese di webcam sparse per tutta l’isola e la situazione dei venti.

Cosa mangiare: l’Islanda è un paese molto caro: si arriva a pagare 12 euro per una draft beer da mezzo litro, oppure al supermercato, un pacco di patatine 5 euro, e ancora circa 100 gr di emmental tagliato a fettina circa 8 euro. Per non parlare dei ristoranti: portate principali, tra i 30/40 euro! Quindi se non volete far piangere il portafogli già dal primo giorno, vi consiglio di soggiornare in appartamenti, fare la spesa e cucinarvi da voi. I migliori supermarket nei quali fare la spesa sono: Bonus, che ha prezzi da discount e qualità non troppo eccelsa; Kronan e Netto sono leggermente più cari, ma con qualità superiore a Bonus. Esistono altri supermercati molto più cari e anche aperti 24h, ma vi consiglio di andarci esclusivamente se ne avete bisogno.

Comunque ci sono dei ristoranti molto buoni in tutta l’isola, e ognuno ha dei piatti tipici della zona. I piatti che vi consiglio di provare sono quelli a base di Pecora; le zuppe, sia a base di pesce, sia a base di carne, tutte molto buone; gli hot dog, specialmente quelli del chioschetto a Reykjavik nell’area del porto semplicemente fantastici.

Noleggio auto: noleggiate l’auto in base alle vostre esigenze. Dipende sempre che tipo di viaggio avete in mente di fare: per tre o quattro giorni di permanenza una 2WD piccola, come una Toyota Aygo, va benissimo; per una permanenza di 12 giorni e la necessità di girare tutta l’isola, una 2WD più grande è perfetta, tipo Kia Rio come la nostra. Se avete intenzione di esplorare la parte interna dell’isola attraverso le offroad, la scelta è quella di una 4WD, ovviamente con costi più alti.



    Commenti

    Lascia un commento

    Akureyri: leggi gli altri diari di viaggio