Viva Liguria

Viaggio attraverso la Liguria in una breve vacanza: dalle Cinque Terre a San Remo, passando da Genova, la riviera di levante e quella di ponente, il suo entroterra, fino ad arrivare a Montecarlo
Scritto da: osky500
viva liguria
Partenza il: 02/09/2018
Ritorno il: 08/09/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Era molto che desideravo visitare le Cinque Terre: perché allora non fare una vacanza attraverso la Liguria con tappa anche li? L’itinerario indicativo sarà quindi Genova, Cinque Terre, Portofino, Sanremo, Apricale e tappa finale a Montecarlo. Con la possibilità di modificare il nostro itinerario di giorno in giorno (e così faremo).

GENOVA: ACQUARIO, PORTO E CENTRO STORICO

Partiamo presto di domenica mattina in direzione Genova: precisamente Acquario . Abbiamo trovato i biglietti su Groupon ad un prezzo ridotto (conviene!) e oltretutto saltiamo la fila alle casse. All’acquario dedichiamo circa 2 ore e mezza (l’avevo già visitato ma ogni volta è sempre stupendo e c’è qualcosa di nuovo); con il biglietto dell’acquario si può accedere anche alla sfera tropicale e all’ascensore panoramico (Il Bigo) da cui si ha una vista stupenda sul porto e su Genova. Pranziamo nel mercato di Street Food che è proprio di fronte all’ascensore, fritto di pesce e patatine. Poi ci incamminiamo in direzione del centro storico lungo la via San Lorenzo. C’è tantissima gente. La giornata è molto bella e pian piano arriviamo alla Piazza De Ferrari. Qui ci gustiamo un gelato e sempre muniti di cartina (recuperata all’ ufficio turistico vicino al BIGO) ci dirigiamo verso via Garibaldi che è, insieme ai Caruggi e al suo sistema di Palazzi dei Rolli, patrimonio dell’ Unesco. Prima però, tappa all’ascensore di Castelletto da cui si ha un altra vista di Genova dall’alto (ticket andata-ritorno di 1 euro). Dopo aver percorso via Garibaldi e aver visitato Palazzo Doria Dursi, sede del municipio di Genova(la domenica ingressi gratuiti), percorriamo via Cairoli. Da qui arriviamo in Piazza della Nunziata per imboccare poi via Prè, dove visitiamo Palazzo Reale (anche qui ingresso gratuito). Dopo una piccola merenda a base di focaccia, ritorniamo al parcheggio (Parcheggio Garage Olimpo via Dino Bellucci 10r, prezzi onestissimi) per partire direzione Lavagna. Abbiamo prenotato un albergo a Lavagna per poter essere abbastanza vicini alle Cinque Terre, Portofino e Sestri Levante e perché i prezzi degli alberghi sono decisamente più contenuti.

SESTRI LEVANTE, CINQUE TERRE E PORTO VENERE

Arriviamo all’ Hotel Miramare di Lavagna (camere pulite, prezzi giusti, colazione ottima e abbondante, parcheggio a pagamento di fronte all’ Hotel) verso le 17. Check-in e, dopo un’oretta di riposo, lasciamo l’albergo e andiamo direzione Sestri Levante. L’intenzione è di fare un giro per il centro storico e poi fermarci a cena. Parcheggiamo sul lungo mare di fronte alle spiagge e ci incamminiamo verso la Baia del Silenzio: bellissima! Le classiche case colorate dei pescatori, una attaccata all’altra, racchiudono questa baia come un piccolo anfiteatro. E i pescatori seduti all’aperto su sedie di legno a giocare a carte, bere un calice di vino e rammendare le reti: sembrano degli attori messi li apposta! Continuiamo la nostra camminata nel centro storico incrociando i mercatini dell’artigianato. Poi pizza al Ristorante Coccodrillo e rientro in albergo.

La mattina successiva sveglia presto per poter sfruttare tutta la giornata a visitare le Cinque Terre. Decidiamo di parcheggiare a Levanto (15 euro tariffa 24 ore) dove prendiamo il treno che attraversa le Cinque Terre (qui in stazione paghiamo la Cinque Terre Card: € 7,50 1 giorno 1 adulto). Con la Card puoi prendere tutti i treni che si fermano nelle stazioni delle Cinque Terre).Con il treno arriviamo a Riomaggiore. Dopo averla visitata (stupenda!) prendiamo il traghetto che ci porterà a Porto Venere. Anche questa bellissima con i suoi Caruggi, la chiesa di San Pietro e il Castello Doria che domina sul mare. Pranziamo al Bajeicò (pasta al pesto fatto da loro e gamberetti: buonissima, si mangia stile street food, quindi in piedi!). Dopo pranzo ritorniamo al traghetto per continuare a visitare le Cinque Terre. Optiamo per scendere alla fermata di Monterosso a Mare per poter godere della meravigliosa vista di questi luoghi dal mare e scattare qualche fotografia. Semplicemente spettacolari. Uniche. La testimonianza di come l’uomo sia riuscito a conquistare certi luoghi dove la natura è padrona e a crearsi una vita qui. Una volta a Monterosso, riprendiamo il treno per poter visitare anche le altre località: Vernazza, Corniglia e Manarola. Verso sera rientriamo a Levanto e quindi al nostro Albergo. Ceneremo a Lavagna, al ristorante Delfino Verde (ottimi prezzi) e faremo due passi attraverso il porto: grandissimo e con tanti bellissimi Yacht ormeggiati.

PORTOFINO, CAMOGLI, GARLENDA e SAN REMO

E’ la nostra terza giornata in Liguria. Come da programma arriviamo a Portofino. Parcheggiamo a pagamento ( 5 euro un’ora!) e visitiamo il borgo. Piccolo e caratteristico (molto bella anche la strada per arrivarci). Non c’è molto da vedere, quindi dopo un’ora scarsa recuperiamo l’auto e decidiamo di andare a Camogli (non molto lontana). Camogli ci ha colpito molto: un villaggio di pescatori che ha mantenuto intatta la sua parte storica dove ancora si possono osservare gli uomini intenti nelle loro faccende quotidiane. Qui pranziamo in una focacceria e poi ripartiamo. Voglio arrivare a Garlenda (provincia di Savona, entroterra di Albenga) dove ha sede il FIAT 500 CLUB ITALIA di cui sono affiliato. Qui, oltre alla sede del club, c’è anche il museo dedicato alla FIAT 500. Devo ringraziare la mia ragazza Cinzia che mi ha lasciato fare questa deviazione, anche se poco interessata. Dopo aver visitato il museo ripartiamo verso l’albergo prenotato a San Remo (Nyala Suite Hotel: piscina, vista mare,parcheggio privato, camere ampie e colazione spettacolo! Oltre che ottimi prezzi). Per sera decidiamo di visitare San Remo e cenare lì. Bellissima anche di sera con il Teatro Ariston e il Casinò a fare contorno alla via principale (pedonale).

DOLCEACQUA, APRICALE E SEBORGA

Questa giornata è dedicata alla visita dei tipici borghi dell’entroterra ligure alle spalle di San Remo. Al programma si aggiunge la tappa a Dolceacqua grazie al consiglio del mio collega Andrea. Arriviamo così a Dolceacqua, prima tappa di questo piccolo tour. Che dire, sembra un set di un film ambientato nell’epoca medievale. Viuzze tra case in pietra dove si può passare solo a piedi, il castello Doria che domina su tutto e tutti. Vecchie insegne ad indicare osterie o negozi. Bellissimo. Un posto così pensavo esistesse solo nei film o nelle illustrazioni dei bambini. Ripartiamo in direzione Apricale, seconda tappa. Bella anche lei con i suoi saliscendi, stretti fra i muri delle case che come tanti lego compongono questo borgo dove alla cima c’è la chiesa della Vergine Maria (sul campanile potete vedere una bicicletta ancorata lassù, è un installazione dell’artista Sergio Bianchi che nel 2000 tenne una mostra nel borgo dedicata alla mancanza di gravità e, a titolo dimostrativo, fissò una bicicletta al campanile. Alla conclusione della mostra la bici non è mai stata tolta e negli anni è diventata un po’ il simbolo di Apricale). Molto caratteristiche anche le cassette della posta create da un artigiano locale per tutti i residenti del centro storico. Eccoci così alla terza e ultima tappa: Seborga (o Principato di Seborga, come lo definiscono gli abitanti). Il motivo della nostra visita è dato dal fatto che è nell’elenco dei Borghi più Belli d’Italia ma anche perché questo borgo ha una storia singolare. A partire dagli anni cinquanta del XX secolo alcuni membri della comunità di Seborga hanno rivendicato un’indipendenza dalla Repubblica Italiana in virtù di un presunto antico status di Principato di cui la località anticamente avrebbe goduto. I cittadini di Seborga eleggono perciò anche un principe con funzioni prettamente simboliche; viene coniata una moneta, chiamata Luigino che non ha valore legale, emessi documenti e francobolli. Alla fine ciò che posso dire di questo borgo è che oltre a essere davvero piccolo, è particolare: la parrocchiale di San Martino e il Palazzo dei Monaci affacciati sulla stessa piccola piazza sono unici. In tutte le vie, fuori dalle case potete trovare la bandiera bianco-azzurra di Seborga, simbolo di un’identità che è molto sentita tra gli abitanti di questo borgo.

Guarda la gallery
liguria-zzegc

Apricale

liguria-38vxv

Dolceacqua

liguria-q9p6j

Riomaggiore

liguria-b2q9b

Cervo

liguria-hyt5b

Murales a Cervo



    Commenti

    Lascia un commento

    Camogli: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari