Sorprendente Sofia

La capitale di un Paese giovane e dinamico che si apre sempre più al turismo
 
Partenza il: 04/09/2018
Ritorno il: 08/09/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

SOFIA (4-8 sett. 2018)

Non nego che per noi anzianotti i paesi dell’est, quelli al di là della vecchia Cortina di Ferro abbiano un certo fascino. Il fascino del misterioso, dello sconosciuto, del proibito… Naturalmente ora tutto è cambiato, ma un po’ di quel fascino è rimasto. E così dopo aver visitato un po’ di Est eccoci a Sofia , una delle capitali più antiche d’Europa. È una grande città in veloce sviluppo dopo un complesso passato che ha visto susseguirsi Traci, Romani, Slavi, Regni Bulgari, dominazioni Bizantina e Turca per finire come città satellite di Mosca. Un crogiolo di popolazioni e culture che hanno lasciato il segno. Insomma una città interessante che merita assolutamente di essere visitata.

Quasi al centro della città si erge l’alta statua nera e oro di Sofia, simbolo della città e allegoria della sapienza. Davanti la scenografica piazza Indipendenza (ex Lenin) con i possenti edifici costruiti in epoca sovietica ora Presidenziale e museo Archeologico Nazionale dominata in fondo dal palazzone dell’ex sede del partito Comunista Bulgaro. Sotto la grande piazza si estendono le vestigia della Serdica romana da poco restaurate e ancora in fase di scavo. Quasi all’interno del palazzo Presidenziale troverete, in mezzo a resti romani, la rossa chiesetta di San Giorgio (la rotonda) anch’essa risalente al IV secolo e che dopo numerose vicende (è stata anche moschea) è giunta fino a noi con i suoi importanti cicli di affreschi di varie epoche. Da notare che quasi tutte le chiese appartengono al rito ortodosso bulgaro. I cattolici in Bulgaria sono pochissimi. Nella piazza prospiciente al Palazzo presidenziale (canonico cambio della guardia alle 12) e al museo Archeologico si trova una bella fontana che di notte cambia forma e colori. Se proseguite lungo la gialla strada dedicata allo zar Liberatore (Alessandro II di Russia) troverete il palazzo della Galleria Nazionale d’Arte con davanti i bei giardini prospicienti anche al Teatro Nazionale nell’angolo opposto. Non male veramente.

Poco più avanti ecco la chiesa russa di San Nicola che sembra uscita da un libro di fiabe e che naturalmente merita una sosta. Si prosegue e sulla sinistra del palazzo dell’Assemblea Nazionale eccoci al cospetto della maestosa cattedrale di Alessandro Nevski e della grande piazza che la circonda. È il simbolo della città ed è la chiesa più imponente della Bulgaria. La costruzione in stile neo-bizantino è abbastanza recente e fu progettata in segno di riconoscenza verso la Russia per il suo ruolo avuto nella guerra che portò alla cacciata dei Turchi dalla Bulgaria nel 1878. Dedicata in un primo tempo ai santi Cirillo e Metodio fu intitolato poi al santo-guerriero russo Alessandro Nevski vissuto nel XIII secolo. Grandioso, ma suggestivo l’interno come quasi tutte le chiese ortodosse. In questo caso l’arredo è particolarmente ricco di marmi e materiali preziosi e fanno spicco i due baldacchini ed in particolare quello reale.

Uscendo sulla destra si può visitare la cripta con il museo delle icone: ce ne sono circa 300 dipinte dal IX al XIX secolo.

A pochi passi dalla cattedrale, seminascosta tra gli alberi, si trova la più dimessa chiesa di Santa Sofia in mattoni rossi. Sul lato ovest si trovano il monumento al Milite Ignoto e il grande leone in ricordo dei soldati che combatterono per la libertà dello Stato bulgaro. Si pensa che sia la chiesa di culto ortodosso più vecchia della città con una storia molto complessa costellata di distruzioni e ricostruzioni alle spalle e naturalmente con un trascorso da moschea. Importanti scavi ancora in corso al di sotto della basilica, narrano della storia di questo complesso costruito su un antico cimitero. Su un albero, davanti all’ingresso, si trova ancora la campana che fu suonata alla cacciata dei Turchi: non c’era il campanile.

Sempre nella grande piazza intorno ai giardini e al monumento dei Volontari si tiene il mercatino delle pulci dove si può acquistare un po’ di tutto compreso piccole icone a buon prezzo. Proseguendo per il Boulevard dello Zar si va a sbattere nella grande mole dell’Università e poco avanti si entra nel parco sul quale svetta il monumento all’Armata Russa ( 1952) alto ben 34 metri e contornato da bassorilievi in tipico stile socialista. Il monumento piuttosto controverso è comunque rimasto al suo posto come altri simboli del passato regime e come non è stato fatto in altri paesi dell’ex blocco comunista.

Il centro di Sofia offre ancora molto. A pochi passi dalla statua di Sofia all’inizio del Bl Maria Luiza (la regina italiana) troverete la moschea di Benya Bashi o dei Molti Bagni visto che in zona c’erano le terme romane e poi i bagni turchi. La moschea è la sola rimasta delle numerose costruite durante il dominio turco. Dietro la moschea si estende un arioso giardino con fontana sul quale si affaccia il bel palazzo ora museo Storico della Città di Sofia abbastanza interessante e che prima della ristrutturazione ospitava le terme. Sul lato sinistro, da fontanelle pubbliche, sgorga ancora acqua termale dai 37 ai 45 gradi utilizzata dai locali. Dato che ci siete davanti alla moschea non potete mancare il mercato centrale di Hali bella costruzione dei primi del novecento dove si può mangiare e acquistare un po’ di tutto compreso souvenir di buona qualità. Dietro si erge la notevole mole della Sinagoga una delle più grandi dell’Europa sud-orientale che naturalmente merita la visita. Durante la seconda guerra mondiale quasi tutti gli ebrei bulgari furono salvati dalla deportazione dai governanti e dalla zar Boris nonostante la Bulgaria fosse uno stato alleato della Germania hitleriana.

Ancora avanti e raggiungerete il caratteristico e antichissimo mercato delle Donne dove si vende veramente di tutto. Proseguendo per Bl Maria Luiza si arriva al ponte dei Leoni dominato, appunto, da quattro maestosi leoni e dedicato a quattro librai uccisi dai Turchi.

Ma non è finita. Sulla grande piazza alla destra della statua di Sofia seminascosta da frondosi alberi dai quali emerge la verde cupola si erge la chiesa di Sveta Nedelja, una bella e importante chiesa naturalmente ortodossa più volte ricostruita. È una chiesa molto amata dai Bulgari e anche molto suggestiva come lo sono quasi tutte le chiese ortodosse. Qui si celebrano numerosi matrimoni: ci siamo divertiti a vederne un paio… Proseguendo si entra nel salotto buono di Sofia e cioè nel Bl Vitosha lungo viale pedonale su cui si affacciano, negozi, caffè e ristoranti. Il viale vi porterà diretti al frequentatissimo parco con il gigantesco Palazzo della Cultura.

Guarda la gallery
cultura-sttjn

10- Sveta Nedelja

cultura-9ncqq

11-cattedrale Nevskij

cultura-thr2c

2-Banja bashi

cultura-fvnxd

3-S.Nicola

cultura-xyv23

1-Sofia

cultura-wnhfa

6-Rila

cultura-msnj1

7-Rila 2

cultura-haebd

4-casa lumaca

cultura-2hm1a

5-Boyana

cultura-25kar

8-Rila 3

cultura-b6qc3

9



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bulgaria
    Diari di viaggio
    bulgaria: sofia e plovdid

    Bulgaria: Sofia e Plovdid

    Viaggio in Bulgaria, tre notti, quasi quattro giorni, due a Plovdid e due a Sofia. Plovdid è stata capitale europea della cultura nel...

    Diari di viaggio
    bulgaria, istruzioni per l'uso

    Bulgaria, Istruzioni Per l’Uso

    BULGARIA Istruzioni Per l’Uso Una vacanzina rapida al 50%Buongiorno a tutti sono di nuovo Roberto (MODICAT2) guida turistica a...

    Diari di viaggio
    weekend a sofia 5

    Weekend a Sofia 5

    Per molta gente le capitali europee da visitare restano le classiche super gettonate, Londra, Parigi, Vienna o Barcellona, ma negli ultimi...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    bulgaria on the road, da sofia al mar nero

    Bulgaria on the road, da Sofia al Mar Nero

    Ferie estive 2019, io e Donatella decidiamo di trascorrerle visitando la Bulgaria insieme a Riccardo e Milly con cui siamo affiatati ed...

    Diari di viaggio
    sofia, capitale dai mille volti

    Sofia, capitale dai mille volti

    La periferia è cupa, grigia, e desolante Appena ci arrivi, vorresti già scappare. Il tragitto dall'aeroporto al centro città non è...

    Diari di viaggio
    bulgaria e macedonia: quando i balcani ti sorprendono – parte i

    Bulgaria e Macedonia: quando i Balcani ti sorprendono – parte I

    Capita che nella scelta di una meta da visitare si faccia talvolta affidamento sui ricordi di quanto visto in qualche programma Tv o su...

    Diari di viaggio
    sorprendente sofia

    Sorprendente Sofia

    SOFIA (4-8 sett. 2018) Non nego che per noi anzianotti i paesi dell’est, quelli al di là della vecchia Cortina di Ferro abbiano un certo...

    Diari di viaggio
    viaggio nella bella bulgaria

    Viaggio nella bella Bulgaria

    Benvenuti nel Paese più economico della comunità europea. SABATO 25 AGOSTO 2018 Partenza da Pisa con volo Ryanair delle 18,25 e arrivo a...

    Diari di viaggio
    weekend a sofia 3

    Weekend a Sofia 3

    party ad content" width="100%">

    Video Itinerari