Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

E ancora una volta vado “in zìr per la Romagna” a caccia di tesori, luoghi insoliti e storie passate da raccontare.
 

Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’ dal solito trambusto della costa, vitale e affollata. È primavera, la stagione del risveglio della natura e passare del tempo in campagna, è come godere di una sorta di liberazione dalla morsa del grigiore invernale. Tutto profuma di fiori ed erba tagliata, mentre la brezza marina arriva fin oltre le colline accarezzandole di aria salmastra. Mauro, il mio caro amico sempre pronto a seguirmi in nuove avventure ed io, arriviamo a Mondaino, borgo malatestiano al confine con le Marche. Attenzione, qui siamo in Romagna e anche se questo piccolo scrigno di tesori domina la Vallefoglia marchigiana, il dialetto, la cucina, lo spirito delle genti di “Mundaìn” è quello tipico romagnolo.

Un po’ di storia

A circa 15 km dal mare di Cattolica, Mondaino è arroccato sulla cresta di un lungo costone di roccia, che divide le valli dei fiumi Tavollo e Foglia. La sua storia si perde realmente nella notte dei tempi, infatti scavando nel sottosuolo sono stati trovati reperti di insediamenti risalenti all’età del ferro. Già in epoca romana, si ipotizza che qui ci fosse un tempio dedicato alla dea della caccia Diana, perché con ogni probabilità questo luogo era ricco di selvaggina. Si pensa infatti che il nome Mondaino derivi da “daino”, perché erano proprio questi animali che popolavano i boschi della zona. Mons Damarum ovvero Monte dei Daini.

Altre teorie fanno risalire il nome al termine gotico Mundawins, che significa luogo fortificato. Mondaino era infatti un avamposto militare impiegato alla difesa delle zone di confine, come la vicina Montegridolfo. Questa teoria è avvallata dal fatto che la fortificazione presente passò di mano più volte, tra i comuni di Rimini, governati al tempo dal casato Malatesta, al ducato di Urbino della stirpe nemica dei Montefeltro. Furono i Malatesta ad ampliare la fortezza estendendo le mura e costruendo muraglioni  “a scarpa” difficili da espugnare. Mondaino ebbe inoltre un’importanza strategica indiscussa: è qui che in più di un occasione, i Malatesta e i Montefeltro siglarono patti di pace, ovviamente quasi mai rispettati.

In zìr per Mondaino

Varcato l’imponente arco d’ingresso della cinta muraria, Porta Marina, si viene catapultati indietro nel tempo. La piazza Maggiore è la prima cosa che si incontra, ampia e ariosa fa da ingresso all’antico borgo medioevale. La sua bellezza ottocentesca è data dalla forma semicircolare che ospita un loggiato neoclassico proprio ai piedi della Rocca Malatestiana. Questo è il ritrovo degli abitanti del paese che la chiamano piazza “Padella”. Assieme all’adiacente via Roma, vista dall’alto crea infatti la forma di una padella. Se si volge lo sguardo a sinistra, si può vedere una cosa curiosa: si tratta della Piazzetta delle Grazie. Qui un tempo sorgeva una chiesetta con lo stesso nome, lo si vede dal selciato dove ancora sono impresse le fondamenta delle mura perimetrali. Inoltre sull’unico muro rimasto, come in un altare all’aria aperta, è presente l’immagine della Madonna delle Grazie, a ricordo dell’antico luogo sacro.

La Rocca Malatestiana, alle spalle della grande piazza è a mio parere, l’attrazione del paese. La sua struttura, imponente e ottimamente conservata, è di grande impatto visivo. Da una bolla di Papa Sisto IV sembra che la sua costruzione risalga al 1300 ad opera del popolo di Mondaino. All’epoca era solo un forte, che fu ampliato e abbellito da Sigismondo Pandolfo Malatesta il quale fece costruire i torrioni, i camminamenti sotterranei scavati nel tufo, la cinta muraria, aggiungendo anche le splendide merlature ghibelline. Si potrebbe stare ore a parlare delle similitudini che questa fortezza ha con altri castelli e manieri della zona. La bellezza delle roccaforti romagnole è per me unica e mi incuriosisce ogni volta, come una continua fonte di stupore. La rocca è sede del Comune di Mondaino ed ospita il Museo Paleontologico. Questo luogo è ogni anno protagonista silente delle manifestazioni che si tengono in paese. Una tra tutte è Il Palio del Daino, una delle più affascinanti celebrazioni storiche nazionali nel suo genere. Riconosciuto a pieno titolo dal Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, grazie alla straordinaria meticolosità con cui vengono curati i singoli dettagli, il Palio si tiene ogni agosto.

Il Palio del Daino

Arrivato quest’anno alla sua 35esima edizione, Il Palio del Daino rievoca la pace firmata da Sigismondo Malatesta e Federico da Montefeltro nel 1459. Questi due capi di diverse e nemiche fazioni, si incontrarono proprio nella rocca per suggellare la pace, dopo di che si diedero ai festeggiamenti. Ecco che la festa oggi riproposta, dura 4 giorni iniziando con la rievocazione in cui un castellano da il benvenuto a Federico di Montefeltro, seguito dal giullare di corte che racconta la storia delle due personalità. Insieme agli sbandieratori risuona lo sparo della bombarda che segna l’inizio dei festeggiamenti.

Per 4 giorni il borgo si anima attraverso spettacoli, mostre e bancarelle che ripropongono le arti e i mestieri tipici dell’epoca medioevale. Tra le strette vie si aggirano cavalieri e dame, giullari ed armigeri, saltimbanchi, menestrelli e giocolieri pronti ad allietare i forestieri. I piani bassi delle case del borgo si trasformano in osterie e in botteghe dove imparare le antiche arti come la battuta del cuoio, l’arte dell’affresco, il ricamo e il mosaico. Nelle taverne all’aperto si possono gustare piatti ispirati al 1500 in un’atmosfera unica, tipica di una sagra di paese, ma dai connotati medioevali. La rievocazione è precisa e minuziosa, gli abiti indossati dai figuranti, dai venditori e dagli oste sono quelli tipici dell’epoca e la lingua parlata è spesso quella antica.

Da non perdere le fosse dove viene stagionato il Formaggio delle Fosse della Porta di Sotto. Il mulino che lo ospita si trova in una delle viette del paese ed è un luogo unico, dove viene fusa cultura, storia e tradizione enogastronomica romagnola. È qui che bisogna andare se si cercano i sapori perduti. Un angolo di Romagna ad un passo dalle terre del Montefeltro, dove usanze diverse si combinano, a due passi da Porta Montanara dentro la cerchia muraria del castello. Il mulino è meraviglioso, ristrutturato in ogni dettaglio è così suggestivo che non può non essere visitato. Inoltre si possono assaggiare e comprare i prodotti di questa antica azienda in loco, è un vero viaggio nella gastronomia romagnola.

Guarda la gallery
mondaino_romagna_ph_lara_uguccioni

progetto_senza_titolo

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_1

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_10

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_11

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_14

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_3

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_6

fisarmoniche_galanti_mondaino_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_7

mondaino_romagna_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog

mondaino_romagna_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_1

mondaino_romagna_copyright_ph_lara_uguccioni_la_valigia_gialla_blog_2



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Emilia-Romagna
    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    reggio emilia: città del tricolore, dell'erbazzone e dei ponti di calatrava

    Reggio Emilia: città del Tricolore, dell’Erbazzone e dei ponti di Calatrava

    Focalizzate il pensiero sulla pianura padana, volate sull'unica regione “di traverso” – l’Emilia-Romagna - e ora cercate una...

    Diari di viaggio
    un natale alternativo

    Un Natale alternativo

    L'utopia di ogni anno è passare le feste al riparo, lontani da pranzi e cene con parenti e vicino a luoghi che curano l'anima. Questa...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    santarcangelo di romagna, un pomeriggio tra le mura del castello

    Santarcangelo di Romagna, un pomeriggio tra le mura del castello

    Non pensavo che una giornata di maggio potesse essere così calda e afosa. Spinta dalla mia solita determinata curiosità, borraccia e...

    Diari di viaggio
    dove andiamo in vacanza quest'estate? a cattolica, nella regina dell'adriatico!

    Dove andiamo in vacanza quest’estate? A Cattolica, nella regina dell’Adriatico!

    Sta arrivando di nuovo la stagione estiva ed in tanti si chiedono dove passare le vacanze quest’anno. Io un’idea ce l’ho e oggi ve ne...

    Diari di viaggio
    la terra dei motori

    La terra dei motori

    Primo o ultimo non conta... L'importante è avere dato il meglio di sé in ogni singolo giro.Zaino in spalla, giusto qualche cambio...

    Diari di viaggio
    saludecio, una capitale antica sulle colline della romagna

    Saludecio, una capitale antica sulle colline della Romagna

    Appollaiato su di un poggio che degrada dolcemente verso il mare, si trova uno dei borghi più interessanti del panorama della bassa...

    Diari di viaggio
    la via del sale, varzi - sori in 3 giorni

    La via del sale, Varzi – Sori in 3 giorni

    Questa mia avventura è stata decisa al più qualche giorno prima della partenza. Ho avuto uno spiraglio di tempo per buttarmici e.. direi...

    Se non ora, quando? Tour in moto lungo tutta l’Italia

    È dal 2014 che viviamo in the road insieme (io, Andrea; Sonia, la mia ufficiale in seconda; la nostra moto, una Royal Enfield Classic...