Si legge Parma, si pronuncia Langhirano: ecco da dove viene uno dei prosciutti più buoni d’Italia

Un viaggio tra storia, natura e sapori autentici dell'Emilia-Romagna
Cristian Vicari, 10 Lug 2024
si legge parma, si pronuncia langhirano: ecco da dove viene uno dei prosciutti più buoni d’italia

Ci troviamo in Emilia-Romagna, una regione che riserva sempre delle scoperte meravigliose, e Langhirano è proprio una di quelle gemme da esplorare in tutte le sue sfaccettature. Questo borgo si trova in provincia di Parma, è una piccola bomboniera pienissima di cose da vedere e da fare, perfetta per un fine settimana in stile slow tourist.

Pittoresco comune situato nella provincia di Parma, è una meta ideale per chi desidera scoprire le meraviglie dell’Italia rurale. Il castello di torrecchia, costruito nel XV secolo è uno degli esempi più impressionanti di architettura medievale nella regione, lo è infatti la fortezza che non solo offre una vista mozzafiato sulla valle del torrente Parma, ma ospita anche affreschi magnificamente conservati che raccontano storie d’amore e di cavalleria.  

Le radici di questo magnifico borgo affondano nell’epoca romana, ma è nel Medioevo chi borgo acquisisce una fisionomia definita. Le prime testimonianze documentate risalgono al XI secolo, quando il paese era sotto il controllo dei conti di Canossa una delle famiglie nobili più potenti dell’epoca. Questo luogo venne costruito facendo fronte a quella che è una posizione strategica lungo le rotte commerciali tra Parma e la Toscana. Divenne presto, per questo, un centro di scambi di commercio.

Questo ridente borgo ha origini medievali e romane, conserva perfettamente lo stampo storico, una volta giunti all’interno del centro storico vi renderete conto della bellezza e dell’autenticità di questo piccolo paese. 

Cosa vedere a Langhirano, la città del prosciutto

langhirano

Langhirano è senza dubbio la patria del celebre prosciutto di Parma e non poteva che sorgere. Qui il Museo del prosciutto, facente parte del circuito dei musei del cibo, nonché tappa imprescindibile per ogni amante del cibo autentico. Il museo diventerà un viaggio culturale attraverso la storia antica, l’evoluzione tecnica, le curiosità e le applicazioni gastronomiche del prosciutto dolce di Parma, dalla sua invenzione, fino alla produzione attuale, il percorso sensoriale finirà con una degustazione di prosciutto e altre specialità gastronomiche locali.

Immerso nel verde si trova il sentiero d’arte, una passeggiata inaugurata nel 2020 lungo due assi paesaggistici: da nord a sud e da est a ovest, dalla Badia di Santa Maria della neve al Castello di Torrechiara, un incantevole itinerario di 12 km tra vigneti e corsi d’acqua, arricchito da 10 opere d’arte contemporanee con lo sfondo suggestivo del Castello di Torrechiara. Un percorso adatto a tutti, soprattutto a famiglie e amanti dell’arte.  

Il panorama della Badia ed il castello regalano quel tocco magico che rende incantevole questo luogo. Il complesso abbaziale di Santa Maria della neve, commissionato nel 1471 da Piermaria Rossi, è dedicato a Santa Maria della Neve. Sorge in prossimità del torrente Parma, vicino al Borghetto di Torrechiara. Una volta entrati ci si ritrova nello stupendo chiostro con colonnati e arcate sui quattro lati. All’interno della Chiesa raffinatamente decorata e particolareggiata, vi è una navata unica con due cappelle a destra. Ma ciò che vi incanterà sarà sicuramente il Belvedere settecentesco: una terrazza in ferro battuto semicircolare con il soffitto finemente affrescato, al di sotto del quale si apre una veduta a 180 ° sul paesaggio circostante e sul torrente Parma, un incantevole sfondo per i vostri selfie. 

La magia dell’epoca tardo medievale racchiusa nel Castello di Torrechiara

Quando si arriva a Langhirano, sarà impossibile non notare il magnifico castello di Torrechiara, che domina un panorama suggestivo nei pressi del borgo e con la sua maestosità, le sue massicce inconfondibili torri in pietra, traspare tutta la magia dell’epoca tardo medievale. Per giungere in questo luogo sarà necessario attraversare minuscolo borgo e salire fino al suo imponente portone d’ingresso. Costruito tra il 1448 e il 1460 per volere di Pier Maria Rossi, il Castello è dedicato alla sua amante bianca pellegrini, protagonisti di una storia d’amore leggendaria che ammalia con i suoi segreti e riecheggia in ogni angolo. 

Il prosciutto che fa sognare

prosciutto di parma

Langhirano è universalmente riconosciuta come il cuore della produzione del prosciutto di Parma. Questa tradizione ha radici antiche e si basa su tecniche tramandate di generazione in generazione. Questo anche grazie alla combinazione di clima, aria di collina e un processo di stagionatura accuratamente controllato che conferisce al prosciutto. Sapore, unico e inimitabile. Ogni anno questo borgo ospita il Festival del prosciutto di Parma, un evento che celebra questa delizia e che ha reso famoso questo luogo. 

Passeggiando per le vie di Langhirano si può notare l’autenticità di un borgo che ha saputo conservare la sua identità, le strade e le piazze sono animate da botteghe artigiane, enoteche e trattorie dove sarà possibile assaporare la cucina tradizionale parmigiana. In conclusione, Langhirano è più di un semplice luogo come tappa gastronomica: è il borgo che racconta storie di amori medievali, di battaglie, di tradizioni artigianali e di una comunità fiera del proprio passato.



Leggi ancheLeggi gli altri diari di viaggio