Indians e Cowboys

Un viaggio negli spazi del mitico west tra rocce rosse, praterie, canyons, geyser, montagne, cascate e laghi prima di mordere la grande mela.

  • di lobos
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

29.07.2010 BOLOGNA – DENVER

Sveglia antelucana per l'appuntamento con il volo che, dopo il cambio di aeromobile, ci porterà direttamente a Denver e, dopo altri 30 minuti di taxi, nell’accogliente doccia dell’hotel.

30.07.2010 DENVER

Clima ideale per la giornata dedicata completamente alla downtown di Denver con un occhio di riguardo per Colorado State Capitol, Larimer Square, Lower downtown, 16th street, museo d’arte contemporanea ed infine un passaggio al Coors field (tempio del baseball dei Colorado Rockies)

31.07.2010 DENVER-CHEYENNE-WEATHLAND (km 400)

Dopo il chek-in e la scelta dell'auto che ci accompagnerà per il tour partenza per Estes Parck (Rocky Mountain) dove cominciamo a prendere confidenza con gli spazi sconfinati che sono l’essenza della stessa America.

Nel pomeriggio sosta a Cheyenne, capitale del Woyming dove passeggiamo piacevolmente nella Depote Plaza all’ombra della Old train station.

Ultima tirata per raggiungere Weathland dove in mezzo al nulla (scelto esclusivamente come tappa intermedia per accorciare il percorso del giorno successivo) ci aspettano i confort di un motel sul quale, a quanto pare, molti altri hanno fatto il nostro stesso ragionamento visto il tutto esaurito.

01.08.2010 WEATHLAND – CUSTER (km 360)

Mattinata di viaggio per raggiungere, all’ora di pranzo, Hot Springs e nel giro di altri dieci minuti il Wind Cave National Park che sotto il verde brillante delle praterie nasconde un sottosuolo ricco di cavità e grotte naturali tutte percorribili e delle quali un ranger ci racconta la storia, fin troppo nei minimi dettagli.

Dopo la visita al Garden of Eden Cave, ripartiamo con destinazione Custer dove ci accoglie una grandinata mica male ma che si esaurisce nel giro di pochi minuti e quindi possiamo allungare il percorso verso il Memorial dedicato al capo indiano Cavallo Pazzo. Rientro in motel, passeggiata e cena sulla “main street” di Custer.

02.08.2010 CUSTER – SPEARFISH (km 430)

Entriamo in South Dakota dove ci aspetta Monte Rusmore, prima tappa della giornata, dove fortunatamente anticipiamo la massa turistica e complice la schiarita del cielo ci consente di apprezzare nel modo migliore i volti dei quattro presidenti scolpiti nella roccia.

Lasciato alle spalle un monumento artificiale ci dirigiamo verso Badlands dove il monumento è la natura stessa e dove affrontiamo un percorso in mezzo a pinnacoli e guglie scolpiti dall'acqua i cui colori sono esaltati proprio dal contrasto del cielo particolarmente cupo e carico di pioggia che ci investe fortunatamente alla fine del tour, mentre siamo comodamente seduti al self service prima dell’uscita dal parco.

Lasciate nuvole e pinnacoli svoltiamo in direzione ovest verso la tappa successiva senza tralasciare lungo il percorso la visita presso la base aerea di Ellsworth sede del South Dakota Air & Space Museum, che ovviamente non possiamo esimerci dal visitare.

03.08.2010 SPEARFISH – BILLINGS (km 590)

Dopo la visita alla Devils Tower la montagna che svetta per 206 metri dalla sua base e raggiunge i 1534 metri sul livello del mare, il percorso ci porta, dopo temporali, grandinate e centinaia di chilometri sulllo storico campo di battaglia di Little bighorne con i suoi monumenti in memoria dei guerrieri Lakota-Cheyenne , del 7° cavalleggeri e la lapide sulla tomba del generale Custer.

04.08.2010 BILLINGS – CODY (km 180)

Pochi chilometri ci separano dalla full immersion nel mondo western

  • 3724 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social