Polinesia Francese in autonomia

Viaggio fai da te alla scoperta di Moorea, Tahaa, Huahine, Bora Bora, Maupiti e Tahiti

  • di Lauro
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Polinesia Francese 2017, tre settimane in autonomia

Questa è la terza parte del nostro viaggio di tre mesi in Vietnam, Nuova Zelanda, Polinesia Francese, Nuova Caledonia e Corea del Sud.

Siamo una coppia di pensionati e viaggiamo con il solo bagaglio a mano (trolley + zainetto).

Siamo arrivati a Papeete da Auckland il 13/5/2017 sera e siamo ripartiti da Papeete per la Nuova Caledonia il 3/6/2017.

Abbiamo visitato le seguenti isole facendo il biglietto aereo "Bora Bora Pass" con Air Tahiti: Moorea, Tahaa, Huahine, Bora Bora, Maupiti, Tahiti. Vi dico subito che l’isola che mi è piaciuta di più è stata Maupiti, seguita da Huahine e Bora Bora.

Abbiamo alloggiato in pensioni famigliari, tranne che a Tahaa, con uso cucina per farci la colazione e un pasto in camera. Sconsiglio assolutamente l’Hotel Hibiscus a Tahaa (gestione pessima dell’anziano signor Leo, a causa del quale abbiamo avuto tanti di quei problemi che sarebbe troppo lungo elencare qui) e la pensione Auira a Maupiti (pensione su un isolotto molto isolata, la seconda sera di permanenza non si presentato nessuno per prepararci la cena già pagata e noi, più una coppia di francesi, abbiamo dovuto arrangiarci per cucinare qualche cosa in una cucina da terzo mondo dalla quale è anche scappato un topo).

Il posto migliore dove abbiamo alloggiato è stato il Residence Maupiti a Maupiti.

La Polinesia è un Paradiso?

No, la Polinesia Francese che abbiamo visto noi è molto bella ma non è quel ‘’Paradiso in Terra’’ che il loro ufficio marketing è riuscito ad inculcare nell’immaginario collettivo. Già all’arrivo all’aeroporto di Papeete ci hanno accolti, oltre che con ballerina e suonatori, con uno stampato con il quale ci suggerivano caldamente di difenderci dalle zanzare con vestiti e repellenti per limitare la diffusione della infezione dengue, ed effettivamente solo in Polinesia abbiamo usato molto spesso il repellente anti-zanzare portato dall’Italia. Le isole sono piene di cani randagi di grossa taglia che di solito girano tranquilli dovunque: strade, ristoranti e spiagge, ovviamente lasciando i loro escrementi in giro. Abbiamo saputo di una turista morsicata al viso da un cane randagio a Bora Bora, ma di solito i cani non sono pericolosi ma molto fastidiosi.

La Polinesia è fatta per i turisti che spendono molto perché le poche spiagge delle isole che abbiamo visitato, tutte montuose, sono state quasi tutte accaparrate dai grandi alberghi o da privati che ne impediscono l’accesso con lunghe recinzioni di filo spinato.

Ma anche chi spende molto non è detto che se la passi benissimo a Bora Bora, dove le riviste e i dépliant mostrano esclusivi isolati residence con i bungalow sull’acqua, ma in effetti ci sono centinaia di bungalow sull’acqua di innumerevoli residence uno accanto all’altro, inoltre gli over-water sono su isolotti in punti dove l’acqua è molto bassa con il fondo corallifero, quindi è molto difficile se non impossibile, nuotare nelle vicinanze del proprio bungalow e bisogna prendere una barca ogni volta che ci si vuole spostare.

Il clima è molto variabile con rapida successione di pioggia e sole. Le montagne sono sempre coperte da nubi. Non ci sono mezzi pubblici sulle isole e per muoversi bisogna noleggiare un’auto o una moto: noi abbiamo noleggiato delle moto e spesso abbiamo preso la pioggia. Tutte le isole hanno galline e galli che razzolano liberamente, e i galli sono tutti impegnati nella nobile gara consistente nel cantare il più presto e il più forte possibile. Anche quest’anno tra maggio e giugno, come già l’anno scorso nello stesso periodo, c’è stato uno sciopero che ha fatto annullare moltissimi voli bloccando sulle isole migliaia di persone: l’anno scorso avevano scioperato i dipendenti di Air Tahiti e quest’anno i pompieri, senza i quali gli aerei non possono né partire né arrivare. Lo sciopero è iniziato il 14 maggio con isole completamente isolate per molti giorni e il 3 giugno il nostro volo Papeete-Noumea ha avuto un ritardo di 14 ore.

Ma ovviamente ci sono anche cose molto positive: le isole sono rigogliose, le lagune hanno colori fantastici, le gite in barca sono carissime ma bellissime, la popolazione locale è molto gentile, il clima, quando non piove, è ottimo sia di giorno che di notte, il cielo di notte è pieno di stelle.

Il messaggio che voglio trasmettere è che la Polinesia è bella ma non è quel Paradiso che vogliono venderci

  • 3972 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social