Quando i sogni diventano realtà: Polinesia Francese

Attraverso la scoperta di sei splendide isole polinesiane abbiamo coronato il sogno del nostro viaggio più bello: la luna di miele. La Polinesia non è solo mare cristallino e paesaggi da togliere il fiato, è anche una terra da scoprire sia dal punto di vista delle prelibatezze culinarie, a noi quasi del tutto sconosciute, che dal punto di vista...
 
Partenza il: 12/06/2017
Ritorno il: 01/07/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

La Polinesia non è solo mare cristallino e paesaggi da togliere il fiato, è anche una terra da scoprire sia dal punto di vista delle prelibatezze culinarie, a noi quasi del tutto sconosciute, che dal punto di vista della gente sempre pronta ad accoglierti con un sorriso.

Una notte di dicembre, sotto il cielo stellato di Kiruna (per chi non la conoscesse è una piccola località del nord della Svezia circa a 100 km oltre il circolo polare artico) apparve in tutto il suo splendore l’aurora boreale, Francesco si inginocchiò e con la voce emozionata mi chiese di sposarlo. Ebbe inizio così la tanto attesa organizzazione del matrimonio dei nostri sogni e soprattutto l’organizzazione della luna di miele.

Francesco nella coppia è lo specialista in questa attività: è bravissimo nel cercare e trovare combinazioni di volo a prezzi stracciati, nell’utilizzare i diari di viaggio dei tpc per rubare informazioni essenziali sulle nostre mete e anche in quest’occasione il compito è stato attribuito a lui.

Il primo passo è stato scegliere la meta… non credo siano trascorsi più di cinque minuti e dalle nostre bocche è uscito all’unisono “Polinesia Francese”. È da sempre stato il nostro sogno e finalmente il 12 giugno 2017 si è realizzato. Quel giorno partenza all’alba dalla nostra casa in Franciacorta per recarci all’aeroporto di Milano Linate perché il volo sarebbe dovuto partire alle 6:50 per Parigi. Dico “sarebbe dovuto” perché Alitalia ha pensato bene di giocarci un brutto scherzetto… per problemi agli impianti dell’aeromobile ci hanno sbarcato e imbarcato su un altro aereo accumulando 2 ore di ritardo sull’orario di partenza (avevamo 3 ore di scalo). Giunti a Parigi CDG abbiamo iniziato a correre per l’aeroporto alla ricerca del nostro terminal senza per altro accorgerci della presenza del bus che offre il servizio gratuito di trasferimento. Arriviamo sfiniti al gate dopo parecchi minuti di corsa sfrenata e fortunatamente l’imbarco era ancora aperto, quindi siamo riusciti a salire sul nostro volo, meno male! Dopo circa 21 ore di volo e 2 ore di scalo tecnico a Los Angeles atterriamo finalmente a Papeete sull’isola di Tahiti. Era già sera pertanto, dopo l’accoglienza del tour operator tahitiano, siamo stati trasferiti al nostro piccolo hotel poco distante dalla città.

TAHITI

Il mattino seguente, dopo una nottata di meritato riposo che ci ha permesso di superare la stanchezza per le 12 ore di jet lag, ci siamo svegliati presto ed abbiamo visitato il centro di Papeete. La prima tappa, dopo aver cambiato i nostri euro in franchi polinesiani, è stata il Marché de Pape’ete ovvero il mercato dove si possono acquistare pareo, collane di conchiglie, cappelli di paglia, prodotti ortofrutticoli locali, carne e pesce e dove è possibile fare uno spuntino nelle piccole bancarelle di cibo da asporto. Non lontano dal mercato si trova la cattedrale Notre-Dame (niente a che vedere con l’omonima parigina, ma comunque degna di una visita). Esaurito il tempo a nostra disposizione torniamo al nostro hotel dove il proprietario ci attende per accompagnarci all’aeroporto: prossima tappa Maupiti.

MAUPITI

Trascorsa circa un’oretta sul piccolo aereo della airtahiti con soltanto 42 posti atterriamo su una striscia di corallo che affiora dal mare ed il ragazzo della nostra pensione con gli occhi sorridenti ci mette al collo la tradizionale ghirlanda di benvenuto fatta con tiare, le tipiche gardenie. Ci è bastato questo per capire che poteva essere solo la Polinesia Francese la meta adatta per la nostra luna di miele. Dopo pochi minuti di navigazione raggiungiamo la nostra pensione, il le kuriri, gestita da una coppia di francesi che fortunatamente parla bene l’inglese. Il rischio infatti sulle isole meno turistiche della Polinesia è quello di trovarsi in una pensione familiare dove parlano solo francese. Ci fanno accomodare nel nostro bungalow collocato nel giardino di palme di cocco e a pochi passi dalla spiaggia. Giusto il tempo di lasciare le valigie e di infilarci il costume e ci incamminiamo lungo la costa. La nostra pensione si trova sul Motu Tiapaa, un isolotto situato all’interno della laguna pertanto la nostra passeggiata è stata relativamente breve ma ci ha offerto dei paesaggi strepitosi, spiagge di sabbia bianchissima, acqua trasparente, piccoli squaletti pinna nera che nuotavano vicino a riva e un tramonto fra i più belli mai visti fino ad allora. La giornata si conclude con la cena insieme agli altri ospiti della pensione che pur non parlando bene in inglese ci hanno raccontato alcune loro esperienze di viaggio. Andiamo a letto presto, cosa che faremo praticamente per tutto il nostro viaggio, abituandoci ai ritmi polinesiani: sveglia quando sorge il sole intorno alle 6 ed a letto poche ore dopo il tramonto.

Il giorno successivo decidiamo di visitare l’isola principale noleggiando due biciclette che ci facilitano il tour completo (circa 9km). Pranziamo nell’unico ristorante dell’isola, il Taona, dove assaggiamo alcuni piatti tipici a base di pesce. Trascorriamo il pomeriggio sulla fantastica spiaggia di Tereia l’unica presente sull’isola, dalla quale raggiungiamo a piedi il motu Auira.

Per il terzo giorno a Maupiti decidiamo di partecipare ad un’escursione con la quale ci accompagnano a fare snorkeling nel giardino di corallo dell’isola dove rimaniamo estasiati dai colori dei coralli e dai pesci che ci nuotano a fianco. Nel pomeriggio ci accompagnano al point Manta dove alcuni gruppi di mante nuotano tranquille sotto di noi e si fanno immortalare dalla nostra fotocamera subacquea.

Trascorriamo infine l’ultima mattinata a Maupiti nella tranquillità della nostra pensione che ci fornisce gratuitamente i kayak con i quali raggiungiamo il motu a fianco, il Motu Pitihahei. Nel pomeriggio il tempo si annuvola ed annuncia un imminente acquazzone, ma a noi poco importa in quanto prendiamo il volo per Raiatea.

RAIATEA E TAHAA

Giunti alla nostra terza tappa polinesiana veniamo trasferiti al nostro hotel, Sunset Beach Motel, dove pernottiamo in un bungalow molto spazioso e dotato di cucina, anche se noi preferiamo uscire a cena. Il ristorante dell’hotel Raiatea Lodge, poco distante, fornisce il servizio di shuttle gratuito, molto comodo visto che in Polinesia i taxi sono carissimi. Assaggiamo per la prima volta il Mahi-Mahi, la lampuga, e subito ce ne innamoriamo… sarà una scelta costante per gran parte delle nostre cene in Polinesia.

Guarda la gallery
borabora-8yxq7

Raiatea - Marae Taputapuatea, il tempio più antico e sacro della Polinesia

borabora-nsa6x

Tahaa - il Gulliver, la nostra crociera polinesiana

borabora-jswq6

Maupiti - attimi di relax vista mare

borabora-sncab

Fakarava - spiaggia rosa

borabora-8528e

Fakarava - vista dalla Raimiti Pension

borabora-snmr7

Bora Bora - Cinquanta sfumature di blu

borabora-71yr1

Bota Bora - al passo dell'Heiva

borabora-c5mph

Moorea - tramonto mozzafiato



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bora bora
    Diari di viaggio
    luna di miele tra australia e polinesia francese!

    Luna di Miele tra Australia e Polinesia Francese!

    Il 2019 è stato l’anno che ci ha visto convolare a nozze e come meta della nostra luna di miele abbiamo scelto un mondo lontano dove...

    Diari di viaggio
    polinesia francese fai da te in famiglia

    Polinesia Francese fai da te in famiglia

    All'inizio di ogni viaggio c’è sempre una partenza. E poi un arrivo, altre partenze, altri arrivi, fino al ritorno a casa. Come diceva...

    Diari di viaggio
    polinesia francese in autonomia

    Polinesia Francese in autonomia

    su una collinetta vicinissimo all’aeroporto, facilmente raggiungibile a piedi sapendo la strada, ma quando siamo arrivati di notte era...

    Diari di viaggio
    quando i sogni diventano realtà: polinesia francese

    Quando i sogni diventano realtà: Polinesia Francese

    La Polinesia non è solo mare cristallino e paesaggi da togliere il fiato, è anche una terra da scoprire sia dal punto di vista delle...

    Diari di viaggio
    honeymoon in paradiso: new york e polinesia francese

    Honeymoon in paradiso: New York e Polinesia Francese

    Rientrati da pochi giorni dal nostro viaggio di nozze, è arrivato il momento di scrivere il diario. Dal 20 giugno all’11 luglio, tre...

    Diari di viaggio
    viaggio in paradiso 2

    Viaggio in paradiso 2

    Abbiamo cominciato a programmare questo viaggio nell'ottobre del 2015 e con la mia amica dell'Agenzia Framboyant di Genova abbiamo fatto...

    Diari di viaggio
    viaggio in polinesia, passando da tokyo

    Viaggio in Polinesia, passando da Tokyo

    La Polinesia da tempi immemori, è sempre stata per me “la meta di viaggio” e per questo ho voluto tenerla da parte, diciamo così, per...

    Diari di viaggio
    polinesia, una volta è per sempre

    Polinesia, una volta è per sempre

    Il motivo per cui ho scelto di andare in Polinesia è la mia proverbiale curiosità: verificare la veridicità dei racconti sulla...

    Diari di viaggio
    viaggio di nozze in polinesia 4

    Viaggio di nozze in Polinesia 4

    Eccoci qui finalmente in volo verso il Paradiso terrestre, stiamo sorvolando l’oceano atlantico per atterrare a Los Angeles e poi di...

    Diari di viaggio
    i sogni si avverano... nella polinesia francese

    I sogni si avverano… nella Polinesia francese

    Ci sono luoghi che cambiano la nostra vita …. e noi li abbiamo trovati nelle isole della Polinesia Francese. Il sogno della mia vita, fin...

    Video Itinerari