Passaggio in Libano

Propongo la nostra piccola parentesi in Libano all’interno del nostro viaggio in Siria. Per chi è interessato trova la parte siriana nell’apposita sezione. Arriviamo a Jounieh (30 Km a nord di Beirut) da Hama in circa tre ore con un ...

  • di chebellavita
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Propongo la nostra piccola parentesi in Libano all’interno del nostro viaggio in Siria. Per chi è interessato trova la parte siriana nell’apposita sezione.

Arriviamo a Jounieh (30 Km a nord di Beirut) da Hama in circa tre ore con un Taxi collettivo (500 lire a testa, 8 € circa) trovatoci dall’albergo di Hama. Entriamo in Libano dal valico costiero a nord di Tripoli. Dovendo fare il visto di entrata in Libano, il taxista ci aiuta anche nelle pratiche di frontiera. Le frontiere sono ...5. Tre siriane per sicurezza, passaporti e non so che altro, 2 libanesi per sicurezza e documenti. Siriani rilassati, libanesi armati fino ai denti con percorso di entrata tra gimkana di filo spinato. Dovendo fermarci solo 2 giorni ci fanno il visto per 48 che è gratuito. Per la cronaca, i visti a pagamento costano in frontiera mediamente la metà che fatti in Italia all’ambasciata o al consolato. Tutto sommato le pratiche sono rapide, non c’è molta gente.

Il Libano i contrasti non mancano: a tratti sembra la costa azzurra e la vita scorre tranquilla, poi improvvisamente passa una colonna di soldati armati fino ai denti, oppure dietro una curva c’è il posto di blocco armato e blindato. Lo scopo della deviazione libanese era visitare due cantine e concederci un paio di giorni di mare dopo tanto deserto, città e archeologia. Abbiamo scelto Jounieh perché era il posto di mare più vicino a lla Chateau Musar.

L’albergo è il La Medina (lamedina@lamedinahotel.Com), con accesso diretto al mare e volendo la piscina, 82.5 dollari. Non male con staff molto gentile, certo i prezzi non sono quelli siriani.

Jounieh è una piccola Montecarlo dove sono scappati i libanesi cristiani ricchi quando Beirut era sotto le bombe, ma tutto sommato è gradevole e anche se il mare non è il massimo, galleggiano un po’ di sacchetti, lo scenario è piacevole. Di soldi comunque ne girano ancora parecchi e si vede.

Inoltre, finalmente, dopo l’overdose siriana di pollo e agnello ci concediamo due belle cene di pesce. Anche qui, i prezzi siriani sono solo un ricordo, ma il pesce è freschissimo e te lo scegli tu sul bancone, e poi c’è il vino, finalmente di una certa qualità. Siamo stati da Chez Sami, posto molto chic e conto da 90 dollari e dal più modesto Chez Luis (25 dollari).

Ecco, portatevi i dollari perché sono moneta corrente, gli euro sono cambiati rimettendoci qualcosa, alcuni accettano carte di credito ma per esempio in albergo c’era una commissione del 5%.

Già che c’eravamo siamo stati anche a Byblos (fenici, II millennio A.C.) con l’autobus che si fa tutta la costa, economico, frequente e divertente.

Poi finalmente la visita a Chateau Musar. Azienda vinicola di eccellenza nel panorama internazionale con una filosofia caratteristica e vini unici. La visita, su prenotazione, vale la pena. Dopo la visita alla cantina si conclude con la degustazione di “prove di botte” e prodotti finiti, anche di annate storiche. Consiglio l’acquisto in cantina perché da noi sono rari e costosissimi. X contatti mireille@chateaumusar.Com.Lb.

L’ultimo giorno, da Jounieh con un taxi ci facciamo portare a Chateau Ksara, nella valle della Bekaa. Il viaggio dura un paio d’ore e si sale a quasi duemila metri, sui monti del Libano che un tempo erano coperti di cedri e che oggi sono completamente pelati. Poco significativa la visita a Chateau Ksara, azienda fondata dai gesuiti a metà dell’’800 e che ha scoperto per caso di essere “seduta” su uno sviluppo di gallerie di 16 km scavate al tempo dei romani, con una temperatura ideale per l’affinamento del vino. A parte questo, la visita è deludente: l’impiegata recita la parte imparata a memoria ma non ha conoscenze specifiche, la degustazione non ha i prodotti di punta... E i prezzi in cantina sono più alti di quelli al duty free di Damasco. Dopo la visita a Chateau Ksara, un taxi ci porta al vicino paese di Chtoura e da lì con un taxi collettivo arriviamo a Damasco in un’oretta e mezza, compresi i complessi passaggi burocratici in frontiera.

  • 2989 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social