Libano fai da te

Un meraviglioso viaggio da Beirut a Byblos, da Tripoli ad Harissa, Sur e Saida in bus
 
Partenza il: 27/12/2014
Ritorno il: 07/01/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

La prima domanda, nonché la domanda che pongono tutti: Come mai in Libano?

Vediamo allora cosa è questo piccolo Stato, vicino e lontano e tanto temuto quanto ignorato.

Il giorno 27 dicembre partiamo con un volo Mea da Malpensa con arrivo a Beirut dopo quattro ore. Sull’aereo conosciamo Sandro, un libanese che vive a Milano da 35 anni, che ci tranquillizza un poco sulla situazione attuale. Dopo le dovute procedure burocratiche, che non prevedono il pagamento del visto d’entrata ,prendiamo un taxi per il nostro albergo, WH hotel , in Hamra, Beyrut,zona ricca di bar, ristoranti e alberghi che si raggiunge in una ventina di minuti. La città ,che ha circa due milioni di abitanti, si sviluppa tutta sul mare e si presenta subito molto caotica.

Il tempo è gradevole , nonostante sia inverno le temperature sono miti , circa 17 gradi e quindi facciamo una passeggiata lungo la Cornicheil lungomare, e scegliamo un delizioso ristorante sul mare per festeggiare il compleanno di mio marito. Prendiamo un tipico menù libanese a base di spiedini di carne, accompagnato da un dolce profumo di shisha, la tipica pipa ad acqua degli arabi.

Il giorno successivo partiamo a piedi alla conquista della città. Vediamo lo scoglio dei piccioni in Corniche e la cosiddetta downtown, la parte moderna dove spicca la Moschea stupenda AL Amin dalle cupole blu che si può visitare anche all’interno.

Ciò che ci colpisce è la quantità di filo spinato e i presidi militari in difesa di questa zona che l’hanno resa un po’ surreale. In contrasto il Beirut Souq , recentemente rifatto non ha più nulla di antico, ma è moderno con numerosi negozi pieni di griffes e di gente.

In seguito ci trasferiamo al Bliss Hotel, sempre in località Hamra ,davanti al campus universitario AUB. La zona presenta notevoli differenze pur essendo a poche centinaia di metri dal primo hotel, si capisce che ci troviamo in un’area studentesca piena di locali e ristoranti per giovani, dove non mancano rivendite di alcolici. Dopo esserci informati ci dirigiamo alla stazione Di Cola in Beirut est e prendiamo un minibus o busta, come viene chiamato qui, direzione Sur(Tiro). Arriviamo dopo due ore circa, dopo aver cambiato a Saida(Sidone). Non c’è nemmeno un turista europeo… Andiamo a vedere le rovine del sito di Al-Mina e giretto nel souq, che questa volta è autentico. Il porticciolo dei pescatori e la cittadina sono proprio incantevoli… forse lo è un po’ meno il caffè… Terminiamo la nostra visita con le rovine del sito Al-Bas e riprendiamo un taxi-service, cioè condiviso con altri passeggeri per Beirut.Facciamo rifornimento di dolcetti in una vicina pasticceria e ceniamo in hotel.

Il giorno dopo cambiamo stazione, questa volta è a nord, Dawra, direzione Tripoli, per andare ad Harissa dove si trova la statua della Nostra Signora del Libano. Si sale con la teleferica che bisogna prendere nella cittadina di Junie. La vista è spettacolare su tutto il golfo di Beirut. Tutt’intorno ci sono monasteri e conventi cristiani e sicuramente torneremo per incontrare un padre francescano.

Riscendiamo e con un taxi raggiungiamo un’altra meta turistica vicina, le grotte di Jeita, dove si ammirano splendide stalattiti e stalagmiti, una vera e propria attrazione per grandi e piccoli, l’attrattiva turistica più visitata del Libano.

Dopo il rientro abbastanza tribolato per il cambio di vari mezzi di trasporto in mezzo ad un traffico pazzesco decidiamo di provare un ristorantino caratteristico in zona Gemayze, le Chef, famoso per il suo Hummus e altri tipi di mezze (antipasti) che non deludono le aspettative. Proviamo anche il famoso vino rosso delle cantine di Ksara… non male. Giretto serale con visita a Place d’Etoile,chiesa di San Giorgio, attaccata alla moschea Al-Omari, simbolo di apertura e convivenza religiosa.

Il giorno 31 sarà una giornata speciale, non tanto perché sia l’ultimo dell’anno, ma perché il tempo è splendido e dalla solita stazione di Cola prendiamo il minibus per la città di Balbeck,nella valle della Becka, dove si trova un sito romano fantastico. Già il viaggio è tutto un programma , in quanto dobbiamo cambiare busta e … per finire salgono una ventina di ragazze siriane che si accatastano sul retro e vanno a rinnovare il permesso di soggiorno. Il sito è stupendo, ben conservato e merita proprio il suo nome, Heliopolis, la città del sole. C’è pure un diplomatico con tanto di scorta che ci chiede da dove veniamo.

Terminata la visita facciamo un giro in città e nel souq ma ahimè si sentono scoppi e rimbombi atroci… la Siria è vicina…

Prima di rientrare in albergo facciamo un giro per Beirut dove riconosciamo l’antico Holiday Inn, emblema dei bombardamenti della guerra civile che ancora lascia segni tremendi. Il maestoso edificio è bucherellato e si innalza austero di fianco al moderno e allegro albergo Phoenicia.

Il primo giorno dell’anno si respira aria di festa, ma non per questo ci fermiamo e decidiamo di andare a Saida. Visitiamo il tranquillo castello sul mare, giro nelllo splendido e autentico souq dove troviamo le famose saponette e assaporiamo un delizioso pane cotto al forno in compagnia di alcuni ragazzini locali.

Partiamo alla volta della vicina Beiteddine dove si trova il palazzo dell’emiro e il paese di Deir al –Qamar; suspense ad un check point e minibus che va ad una velocità folle su stradine di montagna. Mio marito ha dovuto persino fingere un malore per farlo rallentare.

A questo punto vorrei aprire una parentesi sul mondo dei taxisti. Essendo in Libano presente la doppia moneta dollaro\lira libanese, che vale quanto la vecchia lira italiana ,è sempre difficoltoso contrattare il prezzo del percorso, poiché non esiste un tassametro e giocano molto sull’incomprensione Lira\dollaro.Ogni mondo è paese!

Rientrati in albergo decidiamo di prenotare le due prossime notti fuori da Beirut, nella cittadina di Byblos o Jebeil, sulla costa, a circa 40 km.

La cittadina, di circa 40.000 abitanti, è considerata tra le più antiche del mondo, con il porto, il sito archeologico da dove si gode una vista a 360 gradi e si scorgono monti e mare ; il ristorante da Pepe, una vera istituzione, molto famoso negli anni 50\60 che andremo a provare per cena. Ci informiamo anche sulla fermata da dove partirà l’autobus per Tripoli, che consiste nel bel mezzo della superstrada Beirut\Tripoli…AIUTOOO.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Beirut
    Diari di viaggio
    fantastico libano
    pil

    Fantastico Libano

    IN GENERALE Era da un po’ di tempo che mi girava per la testa di fare un viaggetto in Libano, un Paese poco esteso che si presta per...

    Diari di viaggio
    il meglio del libano in una settimana

    Il meglio del Libano in una settimana

    ITINERARIO Partenza 4/08/18 Milano MPX - Beirut (Alitalia servito da MEA) Ritorno 10/08/18 Beirut - Milano MPX (Alitalia servito da...

    Diari di viaggio
    libano, un tuffo nella storia

    Libano, un tuffo nella storia

    “Fate che il vostro spirito avventuroso vi porti sempre ad andare avanti per scoprire il mondo che vi circonda con le sue stranezze...

    Diari di viaggio
    libano sorprendente

    Libano sorprendente

    Libano sorprendente vissuto dal 13 al 18 aprile 2017 in coppia e speso € 1.200 a persona. Mete: Beirut, Beiteddin, Deir El Kamar,...

    Diari di viaggio
    sotto l’ombra del cedro

    Sotto l’ombra del cedro

    A BEIRUT – Come sempre avviene durante un viaggio, dedico gli ultimi momenti a Beirut alla ricerca di qualche souvenir da portare a casa....

    Diari di viaggio
    libano fai da te

    Libano fai da te

    La prima domanda, nonché la domanda che pongono tutti: Come mai in Libano? Vediamo allora cosa è questo piccolo Stato, vicino e lontano e...

    Diari di viaggio
    libano quasi fai da te

    Libano quasi fai da te

    Alla ricerca di un Paese nuovo da visitare e con pochi giorni a disposizione, ci siamo lambiccati il cervello per settimane quando come per...

    Diari di viaggio
    il libano in otto giorni

    Il Libano in otto giorni

    Questo diario di viaggio è scritto da una giovane coppia di archeologi di vicino oriente, che si sono recati spesso in questo angolo...

    Diari di viaggio
    libano e giordania

    Libano e Giordania

    Quest’anno per il nostro anniversario optiamo per il Middle East. Riccardo vive e lavora a Beirut e nonostante i continui movimenti...

    Diari di viaggio
    libano, il paese dei cedri

    Libano, il Paese dei cedri

    la strada principale in direzione nord-sud) con le sue colonne (originali romane riutilizzate, complete di capitelli) e le sue botteghe, le...