11 giorni a zonzo per l'Islanda in autonomia

11 giorni per vedere tutto ciò che non é "l'interno" sono pochi ma con un pò di organizzazione ce la si può fare.

  • di el moody
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

11 giorni per vedere tutto il possibile di questa magica terra..

Cosa fondamentale: muoversi in anticipo!

Essendo l'Islanda la meta più costosa mai visitata ci siamo posti di non spendere più di €2500 cad. in tarda primavera abbiamo acquistato direttamente dal comodissimo sito dell'aereoporto di keflavik un volo con 1 scalo a €350 cad a/r, da un sito di noleggio una 1.2 benzina a €700.

Poi in base al tragitto scelto (più o meno il giro in senso orario dell'intera isola) ed alle zone ricche di attrazioni naturali abbiamo prenotato il posto letto. calcolando che in Islanda costa parecchio mangiare nei ristoranti abbiamo optato per la metà delle notti un cottage (mediamente €120 a notte) e cenavamo in casa, per il restante una soluzione b&b (mediamente €100) e ci gustavamo i delizioni piatti di pesce.

Prime due notti a Reykjavik, vale la pena di conoscerla questa città a misura d'uomo, ricchissima di ristoranti strepitosi. in un raggio di 100km le prime attrazioni: la cascata gullfoss, il parco di thingvellir, geysir, i primi crateri e valli fumanti.

Subito una annotazione: la velocità massima é ovunque di 90km/h, i controlli sono rari se non nella parte sud ma se non avete intenzione di farvi un tour de force 90 é la velocità giusta per gustarvi gli innumerevoli colori che incontrerete e per non investire le pecore che vi attraversano la strada. in 11 giorni l'islanda ve la girate tutta solo optando per il "tour de force", e difatti ci siamo presi una multa! :)

3° notte a stykkisholmur, per arrivarci abbiamo girato attorno alla penisola che termina col vulcano snaefellsjokull e, se avete letto "viaggio al centro della terra" sarà ancora più emozionante essere lì!

4° notte nell'estremo nord ad Isafjiordur. ci separano 4h di battello da Stykki che ci lascia direttamente nel mezzo dei fiordi, poi 400km di strada. brutta! nei fiordi le strade fanno cacare, poco asfalto tanto sterrato ma sono senza dubbio tra le zone più affascinanti ed é bello perdersi! spiagge caraibiche (breidavik é gigantesca, la più lunga abbia mai visto) dove solo le foche osano, scogliere a picco sul mare dove se vi va di lusso non c'é un tempo da lupi e potete osservare i puffins. noi ci abbiamo rinunciato; piscine di acqua calda disperse sul territorio e spesso accessibili gratuitamente; montagne che formano valli a U con le punte pare tagliate col coltello tutte alla stessa altezza; e poi le cittadine che quando ci arrivi dopo ore di nulla ti chiedi come facciano a vivere così isolati. ma é solo curiosità, ovunque in Islanda avrete supermercati e ristoranti sempre aperti, campeggi pulitissimi e ricezione GSM e 3G garantita.

5° e 6° notte ad Akureyri, per arrivarci altra sparata di 500km. città strategica: a meno di 70km ce n'é da vedere per una settimana! noi dopo la splendida godafoss abbiamo dedicato un giorno alla strepitosa zona vulcanica del krafla ed al lago myvatn che attorno a se tra voragini che si aprono nella terra e solfatare ci ha lasciato senza parole. noteremo spesso questa sensazione: vuoi che gli islandesi parlano poco, vuoi che sei spesso in mezzo a territori desolati sterminati, ma quando ci si guarda attorno spesso la contemplazione sostituisce la voglia di parlare.

6° e 7° notte ad Husavik, ancora più a nord. qui se avete soldi da spendere e se non trovate brutto tempo vi consigliamo il viaggio in battello alla ricerca delle balene. trovarsele davanti che sbattono la loro coda sulla cresta dell'acqua é davvero emozionante. ad Husavik imperdibile anche il museo della balena e quello più stravagante (ed unico al mondo) del museo fallologico: la scienza applicata ad un organo coperto spesso da troppo pudore. nota: se volete osare un viaggio senza contanti questo é l'unico posto in islanda dove non abbiamo potuto usare la carta di credito. il giorno dopo lo splendido canyon di asbyrgi, la zona naturalistica di rautholar dove costeggiando a piedi uno strepitoso canyon vi invitiamo a perdervi tra le imponenti montagne di basalto e crateri rossoneri. infine, poco più a sud, la colossale cascata di dettifoss: prendetevi anche qui un pò di tempo e godetevela, io non ho mai trovato in vita mia la natura infuriarsi tanto.

  • 32045 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. raffaele2008
    , 10/7/2012 10:31
    ciao volevo chiederti notizie sul clima nel periodo metà fine agosto. Credi che sarà piovoso o freddo??
    grazie per la tua cortesia
    Raffaele

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social