Iran, sulle orme del passato

L'itinerario era quello classico proposto da tutti i tour operator specializzati, sufficiente per cogliere il passato glorioso di questo paese: 1° giorno- Roma/Teheran in aereo 20.40/03.55 2° giorno- Teheran 3°giorno- Teheran/Shiraz in aereo 07.25/08:50 4°giorno- Shiraz/Persepoli/Nagsh-e-Rostam/Shiraz 5°giorno- Shiraz/Yadz in pullmann ...

  • di zingaro 1943
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

L'itinerario era quello classico proposto da tutti i tour operator specializzati, sufficiente per cogliere il passato glorioso di questo paese: 1° giorno- Roma/Teheran in aereo 20.40/03.55 2° giorno- Teheran 3°giorno- Teheran/Shiraz in aereo 07.25/08:50 4°giorno- Shiraz/Persepoli/Nagsh-e-Rostam/Shiraz 5°giorno- Shiraz/Yadz in pullmann 438km 6°giorno- Yadz/Isfahan in pullmann 310km 7-8°giorno-Isfahan 9°giorno-Isfahan/Kashan/Teheran in pullmann 390km 10°giorno-Teheran/Roma in aereo 05.10/08.05 Non è mia intenzione farvi l'elenco dettagliato di tutte le località che ho visitato; per questo vi consiglio la "Lonely Planet"che ho verificato essere puntuale ed aggiornata. Vorrei invece trasmettervi le impressioni che ho avuto nell' attraversare questo paese così unico e suggestivo.

COSA VEDERE: -Teheran è una metropoli moderna di 14 milioni di abitanti, quindi con autostrade urbane lunghe decine di chilometri e traffico caotico, comunque merita almeno una giornata intera di visita dato che ci sono un buon numero di musei interessanti che però chiudono alle 16.00. Noi abbiamo visitato quello dei gioielli, mai visti di così grandi, e quello della storia del tappeto dove sono esposti esemplari di 500 anni fa, ma non abbiamo avuto tempo per il museo archeologico, che espone molti reperti di Persepoli e quello della ceramica e del vetro. Ci sono poi le residenze dello Scià che sono interessanti per cogliere il lusso della vita a corte.

-Shiraz è la città che viene usata come base per le escursioni al complesso archeologico di Persepoli ma è anche nota per essere la città natale di due grandi poeti persiani: Hafez e Saadì. La visita dei giardini dove sono situate le loro tombe ci ha permesso di scoprire la venerazione che gli iraniani hanno per questi poeti, recandosi in pellegrinaggio e sostando sulle loro tombe a leggere le loro poesie.

- Persepoli si trova alla fine di una pianura molto estesa, alle pendici di un monte, sopra un basamento di enormi massi. Il complesso archeologico è maestoso ed imponente ed alla sua vista non si può fare a meno di emozionarsi pensando ai suoi palazzi che hanno circa 2500 anni di storia. I bassorilievi in basalto nero che rappresentano processioni di sudditi, provenienti da tutte le regioni del regno, che portano doni al re, sono bellissimi e ben conservati.

La tombe rupestri di 4 grandi re persiani sono anche qualcosa di mai visto da annoverare tra i capolavori dell' Umanità.

-Yadz vanta il primato di centro storico più antico del paese ancora abitato. Situata in mezzo al deserto iraniano, era un'importante tappa delle vie carovaniere verso l' Estremo Oriente. Nella parte antica vi sono ancora le viuzze con muri alti di fango ed è molto suggestivo girovagare al suo interno senza meta. Yadz è ancora la sede della comunità religiosa di Zoroastro. È interessante visitare il loro tempio dove si dice che il fuoco bruci ininterrottamente dal 470 d.C. E specie le Torri del Silenzio, appena fuori città, dove fino a 70 anni fa i seguaci di Zoroastro,non potendoli seppellire in ossequio della loro religione, lasciavano i cadaveri dei propri parenti in modo che gli avvoltoi ne spolpassero le ossa.

-Isfahan è considerata il gioello dell'antica Persia ed una delle città più bella dell'Oriente perchè ricca di monumenti dell'arte islamica del XVII°secolo. Un vero capolavoro è la piazza dell' Imam, originariamente un campo di polo ( i persiani sono stati i primi al mondo a giocarlo) considerata tra le più grandi ma sopratutto tra le più belle al mondo: le cupole delle due moschee che si affacciano su di essa sono rivestite di piastrelle celesti e beige che risplendono al sole con intensità diversa nell'arco della giornata. Un altro spettacolo mi ha anche colpito: i lungofiume ed i ponti antichi sul fiume Zayandeh. Le sponde sono coperte da meravigliosi giardini ed i ponti in stile islamico sembrano usciti dal libro delle fiabe. É stato piacevole passeggiare di venerdi e vedere l'amore che la gente ha per il verde, trascorrendo la giornata festiva facendo il pic-nic( neppure una busta per terra) e giocando coi bambini sui prati oppure prendendo il fresco, seduta sulle rive del fiume. -Kashan si incontra lungo la strada per Teheran. Ci sono stato solo per poche ore comunque da non perdere la visita ad alcune case tradizionali di ricchi mercanti del secolo scorso ricche di splendidi motivi decorativi

  • 1059 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social