IRAN fai date: scoperte ed esperienze

10 giorni alla scoperta dell'Iran da nord a sud, tra città caotiche e deserti infiniti
 
Partenza il: 21/04/2018
Ritorno il: 02/05/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Perché un viaggio in Iran?

Io, Andrea, e la mia compagna, entrambi di 30 anni, eravamo estremamente affascinati dall’idea di addentrarci ad esplorare un paese così radicalmente differente dal nostro, fortemente isolato ma caratterizzato da una cultura antica, paesaggi esotici e da un’architettura grandiosa.

Di seguito trovate il racconto del nostro viaggio ed in conclusione alcune note organizzative.

Per dare un’indicazione di cioè che ci è particolarmente piaciuto e non abbiamo assegnato un giudizio (da * a *****) ad attrazioni e hotel:

***** Imperdibile

**** Molto bello

*** Bello

** Mediocre

* Trascurabile

Itinerario

Dopo aver dedicato una giornata a Tehran (2 notti) ci siamo spostati a Kashan (1 notte) e poi Isfahan (3 notti). Ci siamo poi diretti a Varzaneh (1 notte) per un’escursione nel deserto e successivamente abbiamo raggiunto Yazd (1 notte). L’ultima tappa è stata Shiraz (2 notti) includendo pure la visita di Persepolis.

Visto (70€) e assicurazione sanitaria (15€) entrambi obbligatori e ottenuti all’arrivo in aeroporto. La procedura è abbastanza semplice, ma l’organizzazione iraniana è decisamente carente per cui occorre avere pazienza. Per fare il tutto abbiamo impiegato circa 1:15.

Con i moduli da compilare non ci è stata richiesta alcuna lettera di invito, ma solo di indicare l’indirizzo del nostro hotel a Tehran.

Programma completo

Teheran (2 notti)

Qui abbiamo pernottato Markazi Hotel (****), semplice ma in una buona posizione per visitare le principali attrazioni. Il personale è stato molto gentile nell’organizzare il transfert dall’aeroporto il giorno del nostro arrivo in Iran avvenuto a notte inoltrata e nel prenotarci il volo interno Shiraz – Tehran (impossibile da prenotare dall’Italia) per la conclusione del nostro viaggio.

Avendo una sola giornata piena a Tehran abbiamo dedicato la mattina a visitare il Golestan Palace (***), il Grand Bazar (***) e la moschea dell’Imam Komeini (**).

Il pomeriggio invece, spostandoci con la metro, abbiamo visto:

– I murales (***) presenti all’esterno della ex ambasciata America;

– Il suggestivo ponte Tabiat (****), da cui si gode di una magnifica vista sulle montagne circostanti;

– La Azadi Tower (*****), uno dei simboli più significativi di Tehran.

Spostarsi con la metro (****) a Tehran è un’esperienza piuttosto forte: ci sono vagoni dedicati alle sole donne (e bambini) e vagoni misti, ma dove il 95% dei passeggeri sono uomini e le poche donne si possono sentire parecchio osservate e un po’ disagio. Ad ogni modo, essendo noi in coppia, abbiamo sempre viaggiato nei vagoni misti, ma consiglierei a donne sole in viaggio si usare solo i vagoni a loro dedicati.

Attraversare la strada a Teheran è un’esperienza unica, ma anche pericolosa. Le prime volte assicuratevi di farlo seguendo la gente del posto per prendere dimestichezza nel “gettarvi” nel traffico – l’unico modo per riuscire ad attraversare.

Chiaramente Tehran, in termini di bellezza, non regge il confronto con le città che si incontrano nel tour classico, però sconsiglio vivamente di saltarla in tronco. Tehran, con le sue modernità, vita frenetica e contraddizioni (le ragazze con il velo ed il naso rifatto, giusto per citarne una) è una realtà unica in Iran. Rappresenta un bel punto di partenza per un viaggio, soprattutto per chi è interessato, oltre alle bellezze architettoniche e naturali, anche ad andare un po’ più a fondo nella conoscenza della cultura e complessità di questo paese.

Kashan (1 notte)

Il mattino successivo, in circa 3 ore di autobus, abbiamo raggiunto Kashan, città nel deserto famosa per le antiche case tradizionali. Effettivamente, passare anche semplicemente una notte in una di queste antiche abitazioni trasformate in hotel merita da solo il viaggio a Kashan.

Qui abbiamo pernottato alla Morshedi House (*****), il migliore degli hotel del nostro viaggio in Iran per via dell’ambientazione e dell’atmosfera di pace e tranquillità.

Il centro di Kashan è molto piccolo e facilmente percorribile a piedi. Nel pomeriggio, senza troppa fretta, abbiamo visitato in succesione la Khan-e Tabatabei (****), la Khan-e Abbasian (***) e l’Hammam-e Sultan Mir Ahmad (****) – un biglietto unico permette di risparmiare un po’ sulle tre visite.

Poi ci siamo diretti alla (moschea) Masjed-e Agha Borzog (***) e al Bazar (****) decisamente molto autentico e poco turistico rispetto ad altri bazar visti in Iran. Nei pressi del caravanserraglio del bazar abbiamo incontrato un signore che, dopo aver negoziato una piccola mancia, ci ha fatto salire sul tetto del bazar da cui si gode di una vista spettacolare sulla città. La sera abbiamo cenato alla Manouchehri House (****), altra maestosa casa tradizionale trasformata in hotel e aperta al pubblico per i pasti – ma che era fuori budget per il nostro pernottamento.

Kashan merita decisamente di essere incusa in un viaggio in Iran e fermandosi una notte, possibilmente in una delle tante case tradizionali, si riesce ad apprezzarla al meglio.

Isfahan (3 notti)

Con 2:30 di autobus, la mattina successiva, siamo arrivati a Isfahan.

Qui eravamo ospitati presso una famiglia di nostri conoscenti nel quartiere armeno di Jolfa; zona molto carina e tranquilla che presenta diversi locali dove pranzare o cenare.

Isfahan è decisamente la città più spettacolare del tour classico dell’Iran e per riuscire a vedere le attrazioni principali servono almeno due giornate piene (anzi meglio tre per godersi l’atmosfera con più calma).

Sfortunatamente il giorno del nostro arrivo il pomeriggio c’è stato un acquazzone torrenziale per cui quel giorno siamo riusciti solamente a fare un giro per il bazar attorno all’ Imam square.

Il secondo giorno, con il sole, siamo ritornati alla suggestiva e immensa Iman square (*****), abbiamo percorso tutto il Bazar-e Bozorg (***) con l’immancabile foto dal tetto (anche se meno suggestiva rispetto a Kashan) arrivando fino alla Imam Ali Square (***) con il suo minareto gigante e poi alla Masjed-e Jameh (****). Il pomeriggio, una volta ritornati in zona Iman square, abbiamo visitato il palazzo Kakh-e Chehel Sotun (**).

La sera abbiamo passeggiato tra i ponti storici SioSe Pol e Khaju (*****) che di notte sono suggestivamente illuminati, fermandoci ad ascoltare i ragazzi che cantavano sotto le arcate.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Iran
    Diari di viaggio
    iran, il nostro primo hijab

    Iran, il nostro primo Hijab

    L'Iran è… la culla dell’ antica civiltà degli Achemenidi, con i fasti di Persepoli e la grandezza di Dario e Serse...L'Iran...

    Diari di viaggio
    super iran!
    pil

    Super IRAN!

    Erano circa 10 anni che volevo farmi un bel viaggione in Iran ma, a causa dell’età dei bambini non abbastanza grandi per godere anche...

    Diari di viaggio
    iran - una settimana di full immersion nella storia

    Iran – una settimana di full immersion nella storia

    Partecipanti: io e Franca. In compagnia di (in ordine alfabetico) Eleonora, Francesca, Giuliana, Jenny, Laura, Marta, Matteo, Michele, Pio,...

    Diari di viaggio
    la risposta che cercavo

    La risposta che cercavo

    più essere separati” (Goethe, Il Divano occidentale-orientale 1814).Visitate l’IRAN è un paese davvero stupendo!Grazie a...

    Diari di viaggio
    iran, il paese dei pic nic!

    Iran, il paese dei pic nic!

    di Vakil. Visita notturna del superbo complesso di Aramgah shah e cheragh, un magnifico santuario dove riposano le spoglie di uno dei 17...

    Diari di viaggio
    iran fai date: scoperte ed esperienze

    IRAN fai date: scoperte ed esperienze

    Perché un viaggio in Iran?Io, Andrea, e la mia compagna, entrambi di 30 anni, eravamo estremamente affascinati dall'idea di...

    Diari di viaggio
    iran on the road, inaspettata meraviglia

    Iran on the road, inaspettata meraviglia

    Come penso quasi tutti i viaggiatori, non sono mai stata in grado di stilare una classifica precisa dei miei viaggi. Poi però sono andata...

    Diari di viaggio
    iran meraviglioso

    Iran meraviglioso

    le varie moschee.Venerdì 02.05.2019 - Trasferimento ad Esfahan. Durante il tragitto ci fermiamo a Nain per la visita della moschea,...

    Diari di viaggio
    panorami di persia

    Panorami di Persia

    Tra la fine di febbraio e i primi giorni di marzo con un viaggio di gruppo, 16 persone, ho visitato l’Iran l’antica Persia uno dei...

    Diari di viaggio
    viaggione in iran

    Viaggione in Iran

    Domenica 15 Aprile Incuriositi da vari racconti di viaggio eccoci qua, pronti a partire per l'Iran, l'antica Persia. Il volo AZ1588 delle...