Salento on the road (in bicicletta)

Viaggio in bici da Bari verso il Salento con divagazioni a Matera e Castel del Monte

Diario letto 7792 volte

  • di ulisse aldo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Salento on the road (in bicicletta)

PARTECIPANTI:

Ernesto

Federico

Ulisse

Giorni previsti 7+1

Partenza da casa il giorno 31 maggio e ritorno il giorno 7 giugno

Ernesto, che ha pianificato il viaggio, ha ideato brillantemente di viaggiare fino a Bari in aereo e di spedire le biciclette con un corriere con destinazione il B&B che ci ospiterà la prima notte e l'ultima in terra pugliese, per cui il corriere recupererà le biciclette nello stesso B&B e ce le recapiterà a casa.

I voli diretti Venezia – Bari e ritorno, prenotati con largo anticipo, sono costati pochissimo e di questo dobbiamo ringraziare subito il nostro pianificatore che sarà, per vvii motivi il capo-gita del gruppo.

1° giorno

Arrivo all'aeroporto di Bari Palese alle 8.30 dopo un volo puntualissimo e regolare, rapido spostamento in taxi al B & B prenotato, VILLA AURORA, dove abbiamo trovato la grande disponibilità dei titolari che ci hanno messo a disposizione un comodo locale per montare le biciclette ed attrezzarle per il primo giorno di cicloturismo.

Si parte. Cerchiamo la stazione ferroviaria dove prendiamo un treno che ci porta fino a Ruvo di Puglia, da dove partiamo pedalando, dopo una buonissima colazione di mezza mattina in una pasticceria in cui abbiamo apprezzato quello che credo sia uno dei dolci tipici, una barchetta di pastafrolla ripiena di crema e cotta al forno (il pasticciotto). La prima meta del nostro viaggio é Castel del Monte, un edificio del XIII secolo fatto costruire dall'imperatore Federico II in Puglia, nell'attuale frazione omonima del comune di Andria, a 18 km dalla città, nei pressi della località di Santa Maria del Monte.

Bellissimo, con la pianta ottagonale, ad occhio non sembra costruito con fini militari, qualcuno dice che possa esser stato un tempio dedicato allo studio delle arti, rimane ancora un luogo di misteri.

Da Castel del Monte puntiamo verso Trani e ci fermiamo a Corato per consumare il nostro pranzo take away su una panchina. Arriviamo a Trani città con un centro storico molto bello e ben conservato con la splendida Cattedrale, bell'esempio di architettura romanica- pugliese.

Da Trani, costeggiando il mare, imbocchiamo la strada di ritorno attraversando Bisceglie, Molfetta e Giovinazzo, tutti paesi belli ed interessanti dal punto di vista storico ed architettonico.

Arriviamo al nostro B&B VILLA AURORA con 110 Km nelle gambe, rispettando il programma di Ernesto, la serata si conclude con una abbondante e meritata cena.

2° giorno Bari - Matera

Lasciamo il B&B, si parte con le borse al seguito e comincia il nostro viaggio con destinazione Matera, la distanza è indicativamente di circa 60 Km, ma noi scegliamo di percorrere strade secondarie per evitare il traffico il che comporta, ovviamente, un allungamento del chilometraggio. Abbiamo attraversato l'altopiano delle Murge, ci siamo fermati ad Altamura dove ci ha sorpresi un forte temporale per cui breve sosta per mangiare la tipica focaccia locale ed una serie di biscotti tipici molto buoni, poi partenza in direzione Matera che raggiungiamo con una certa facilità ed in tempo per ammirare i Sassi ancora con la luce del sole. Abbiamo dormito in un albergo, Hotel Italia, con le finestre affacciate direttamente sui Sassi, da dove la sera si godeva una vista scenografica veramente bella.

Anche oggi 100 Km con qualche centinaio di metri di dislivello.

3° giorno Matera- Taranto

Si parte di buon mattino da Matera in direzione di Taranto attraversando la zona delle Gravine, incisioni erosive simili a canyon, tipiche morfologie carsiche della Murgia. Raggiungiamo Gravina di Puglia, poi, ci dirigiamo verso Castellaneta. Entrambe le cittadine sono ai margini di questi profondi canyon, abbandoniamo il tracciato delle gravine per cui rinunciamo per motivi di tempo alla visita di Mottola e Massafra, famosa per i suoi insediamenti rupestri, con rammarico ci dirigiamo in direzione di Taranto, ci fermiamo a Palagiano e delle persone disponibilissime ci indicano la strada più tranquilla per raggiungere Taranto, sosta in un locale, per mangiare la Puccia, dove i gestori gentilissimi e forse meravigliati dal trovarsi di fronte a dei ciclisti del NordEst ci circondano di premure e consigli

  • 7792 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social