Kotor, Santorini, Corfù e Creta in crociera, con MSC Opera

Una settimana in crociera nel Mediterraneo Orientale, facendo tappe a Kotor, Santorini, Corfù, Creta e Bari con MSC Opera, partendo da Venezia
 
Partenza il: 23/06/2019
Ritorno il: 30/06/2019
Viaggiatori: 4
Spesa: Fino a €250 €

Scrivo questo diario di viaggio dedicato ai crocieristi alle prime armi che hanno bisogno di informazioni, che sono quelle che avrei voluto avere io prima di partire. Io e la mia famiglia siamo stati sulla MSC Opera, partita da Venezia a fine Giugno 2019, che ha fatto scalo a Kotor, Mykonos (sostituita poi con Creta), Santorini, Corfù e Bari.

Nave a Venezia: ti dicono di non presentarti troppo in anticipo, in realtà molti dicono che fanno imbarcare prima. Io consiglio di presentarsi un po’ prima perché ci vuole tempo ad arrivare se arrivate dalla stazione di Santa Lucia: dalla stazione bisogna andare a destra e percorrere il comodissimo ponte di Calatrava e i suoi mille gradini, da lì in fondo a destra nella piazzetta c’è il pe0ple mover, che è una piccola metropolitana che ti porta al terminal delle crociere. Può esserci parecchia coda per i biglietti, anche se il people mover in sé ci mette 3 minuti. Una volta scesi c’è da percorrere il terminal delle crociere fino a dove è ormeggiata la propria nave (c’è a disposizione una navetta gratuita, ma non sembrava molto frequente). Da lì la prima coda è per avere il numero d’imbarco, e poi la seconda per imbarcarsi in modo vero e proprio. Noi presentandoci alla prima coda 12.15 (orario consigliato: 12.30) siamo riusciti a salire verso le 14.

Una volta saliti è necessario recuperare la propria cruise card, che ti serve per fare qualsiasi cosa, ma la si troverà già pronta nella propria cabina. I bagagli arriveranno nelle ore seguenti. La cruise card va anche collegata alla propria carta di credito, ed è possibile farlo tramite delle macchinette poste di fianco alla reception (per la Opera la reception è al ponte 5). Collegandola si possono addebitare direttamente tutte le spese della stanza o di altre stanze sulla propria carta, senza utilizzare soldi, che non si utilizzano in nave.

Cibo e bevande: è presente un buffet aperto 20 ore di fianco alla piscina del ponte 11, e due ristoranti sui ponti giù in basso. A pranzo (e credo a colazione) è possibile andare al ristorante, che è un ambiente un po’ più tranquillo e raffinato del buffet in cui tutti sono in costume, ma la varietà di cibi è la stessa. A pranzo al ristorante non ci sarà il proprio tavolo disponibile, ma si andrà in un tavolo libero, al quale verrai accompagnato da un membro dello staff. A cena invece al ristorante ci sono due turni, uno intorno 19-19.30 e un altro verso le 21-21.30, in cui si ordina tramite il menù alla carta. In alternativa si può andare sempre al buffet, dove ci sono dispenser di acqua gratuita (non buonissima a dire la verità), altrimenti va pagata a parte, se non si è in possesso di un pacchetto bevande. Da notare che andando a consumo, verrà addebitato il 15% in più a transazione, per cui l’acqua da un litro costa circa 3 euro, e un caffè circa 1.70 euro. Noi comunque siamo sempre andati a consumo senza troppi problemi. I dispenser disponibili gratuiti sono quello di acqua, di ghiaccio, di acqua calda, caffè americano molto leggero e a colazione di succhi di frutta.

Serate previste in nave: ci saranno due serate eleganti (la maggior parte della gente è vestita semplicemente in modo carino, alcuni in modo decisamente elegante, altri meno, per cui nessuna preoccupazione al riguardo e vestitevi pure come preferite), una serata in bianco e una anni 60-70-80 (non ricordo bene). Ovviamente non è obbligatorio seguire il tema!

Procedura di sbarco dell’ultimo giorno: la sera prima ti verrà assegnato un colore, in base al ponte della tua cabina o ad altri criteri. Il colore si può far cambiare in reception se hai particolari necessità, si appone le etichette ai bagagli e li lasci fuori dalla stanza entro la sera prima. La mattina dopo ci si ritrova a un punto di ritrovo dove attendi di essere chiamato per scendere, e dove ritrovi i bagagli. Noi abbiamo avuto problemi e ci abbiamo messo più di due ore rispetto all’orario previsto, rischiando di perdere il treno. Ciò credo fosse dovuto alle nuove disposizioni del porto di Venezia in seguito all’incidente avvenuto nel canale poche settimane fa, fatto sta che non sono state procedure agili, mentre altre volte le sono.

Ora la parte più complicata da organizzare: le escursioni! Noi abbiamo scelto sempre il fai da te, evitando le costosissime escursioni proposte da msc, e abbiamo fatto benissimo.

Prima tappa: Kotor, in Montenegro. Kotor è una piccola città del Montenegro, molto molto carina da girare. Si può sia sbarcare direttamente, sia con delle lance, poiché non c’è molto spazio al suo porto, credo stia una sola nave da crociera. In ogni caso il porto è a 30 metri dalle porte della città, per cui non sono necessari mezzi. Di fianco alle porte c’è un ufficio turistico dove è possibile prendere la cartina della città, e quando si scende dalla nave si è invasi da chi propone diversi tipi di tour. Per come la vedo io, ci sono tre possibilità in questo scalo:

  • si va al mare, avevo letto dalla spiaggia di Jaz. Credo che l’unico mezzo papabile sia il taxi, dista una decina di km dalla città.
  • si fanno delle escursioni con le agenzie locali, che ti portano nei luoghi vicini. C’è anche un hop on-hop off (il bus rosso turistico) che con 20 euro fa il giro di diversi luoghi della zona, avevo letto che il giro (senza scendere) dura circa un’ora e mezza.
  • Si fa il giro della cittadina, che è molto carina (si paga tutto in euro, per cui nessun problema di soldi) e si può fare una camminata fino in cima, che ti porta in un forte che domina tutta la baia dell’alto, la vista ne vale la pena. L’ingresso alla camminata costa 8 euro (no bancomat) ed è abbastanza impegnativa, dura 45 minuti-un’ora in forte salita, soprattutto se fatta sotto il sole non è semplice. Abbiate scarpe da ginnastica e molta acqua, anche se ci sono venditori durante la salita. In totale per fare questo giro, foto dalla cima e scendere ci vogliono massimo 2 ore. A noi scendendo ha sorpreso un diluvio, vi consiglio di avere dietro un k-way, capitano piogge improvvise in Montenegro. Finita la camminata ci siamo meritati una birra e di ritorno in nave!

Seconda tappa: doveva essere Mykonos, ma per problemi meteorologici siamo scesi invece a Creta, al porto di Chania. Essendo improvvisata non ho molte info, se non il consiglio di NON prendere il bus della MSC, perché di fianco al loro (proprio a 5 metri) c’è il bus locale che con 1.70 euro ti porta in centro a Chania (in forse 15-20 minuti). Ti porta in una piazza e facendo 300 metri (bisogna svoltare due vie ma dalle cartine è molto chiaro) ci si trova alla fermata del bus 21, che in 10 minuti porta alla spiaggia di Agios Apostoloi. E’ una spiaggia di sabbia dorata, con a fianco un bar in cui prendersi un ottimo freddo espresso, e abbiamo pagato 9 euro per 2 lettini e un ombrellone. Per pranzo a un 100 metri verso l’entroterra ci sono delle taverne greche che a ottimo prezzo ti fanno gustare il loro cibo tipico. Il mare era mosso per cui non bellissimo a mio parere, ma ne avevo letto ottime recensioni.

Guarda la gallery
cultura-zzq77

Kotor dalla nave

cultura-ytsmx

Vista di Corfù dalla fortezza

cultura-ec6ma

Spiaggetta di Faliraki a Corfù



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bari
    Diari di viaggio
    puglia: il tacco della stivale come non l'avevi mai visto

    Puglia: il tacco della stivale come non l’avevi mai visto

    Ciao amici viaggiatori,mi chiamo Aurora ed oggi voglio portarvi con me nel tacco dello stivale, nella meravigliosa Puglia!Tappa...

    Bari: cosa fare nel capoluogo pugliese

    Basilica di San Nicola La Basilica si trova nel quartiere vecchio della città ed è stata realizzata secondo i criteri dello stile...

    Puglia: cosa fare in 2 settimane

    Se volete visitare i must della Puglia e avete a disposizione 2 settimane allora non vi resta che continuare a leggere!Abbiamo creato...

    Diari di viaggio
    itinerario in puglia tra le cattedrali romaniche

    Itinerario in Puglia tra le cattedrali romaniche

    Cattedrali romaniche di Puglia, sconfinando poi in Basilicata. Il filo conduttore di un itinerario così, nato quasi per caso, mettendo...

    Diari di viaggio
    6 giorni tra la puglia e matera

    6 giorni tra la Puglia e Matera

    La squadra è sempre la stessa, piccola, affiatata e spensierata: io e mio marito che dopo la pausa covid abbiamo deciso di riprendere a...

    Diari di viaggio
    a caccia di esoterismi nella città dei trulli di alberobello

    A caccia di esoterismi nella città dei trulli di Alberobello

    anche dei numerosi pellegrini che ogni anno, soprattutto per la fine di Settembre arrivano qui ad omaggiare i due santi, in occasione della...

    Diari di viaggio
    matera e bari: due fantastiche bellezze del nostro sud

    Matera e Bari: due fantastiche bellezze del nostro sud

    Partecipanti: un gruppo di sette amiche PRIMA DI PARTIRE Il 2019 è l’anno di Matera capitale della cultura: per questo motivo, un...

    Diari di viaggio
    kotor, santorini, corfù e creta in crociera, con msc opera

    Kotor, Santorini, Corfù e Creta in crociera, con MSC Opera

    Scrivo questo diario di viaggio dedicato ai crocieristi alle prime armi che hanno bisogno di informazioni, che sono quelle che avrei...

    Diari di viaggio
    weekend lungo a matera e bari

    Weekend lungo a Matera e Bari

    Weekend lungo a Matera (e Bari). Il 16 febbraio festeggio il mio cinquantacinquesimo compleanno e mi viene in mente un bel weekend lungo a...

    Diari di viaggio
    da crema a bari, tra sacro e profano

    Da Crema a Bari, tra sacro e profano

    Arrivano le vacanze invernali, qualche giorno di meritato riposo, e la consueta voglia di fare la valigia e partire per una nuova meta,...

    Video Itinerari