Matera e Bari: due fantastiche bellezze del nostro sud

Mini-tour di due giorni a Matera ed un giorno a Bari, in un gruppo di sole donne

Diario letto 565 volte

  • di BarbaraCera
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 7
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Partecipanti: un gruppo di sette amiche

PRIMA DI PARTIRE

Il 2019 è l’anno di Matera capitale della cultura: per questo motivo, un gruppo di amiche che non l'ha mai vista mi invitano ad unirsi a loro per una gita alla scoperta di questa perla ancora poco conosciuta. Siamo in sette e solo in due l’abbiamo visitata, ancora molti anni fa. Entrambe ci dichiariamo felici di tornarci e facciamo bene : la troveremo perfino più bella che nei nostri bei ricordi ! :-D

Confesso che parto un po’ titubante, perché temo che un gruppo di sette persone non sia poi così facile da gestire. Con mia somma gioia ed anche meraviglia sarò piacevolmente smentita : la convivenza è stata piacevolissima e ringrazio tutte le altre partecipanti dei tre splendidi giorni trascorsi insieme.

PRIMO GIORNO - LUNEDÌ 18 NOVEMBRE - MATERA

Un comodo volo Ryan Air – prenotato due mesi prima a prezzi modici - ci porta da Bergamo a Bari. Abbiamo scelto di volare perché Bari è collegata molto bene sia via treno che via bus- navetta a Matera. Appena atterrate, abbiamo la fortuna di riuscire a prendere al volo il bus-navetta che ci porta alla stazione di Matera in un’oretta circa. Il nostro appartamento – prenotato attraverso booking - è ubicato lì vicino e lo raccomando per pulizia, per vicinanza al centro e per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Si tratta dell'appartamento VISITAZIONE HOLIDAY SASSI SUITE. È l’ora di pranzo e la nostra esplorazione della città parte dall’aspetto gastronomico : mangiamo divinamente in un ristorante delle vicinanze, raccomandatoci da un condomino. Si tratta di MISERIA E NOBILTA’ (in onore del mitico Totò), che tra il resto ci fa conoscere i peperoni cruschi : sono dei peperoni tipici della zona, dalla buccia molto fine. Una volta essiccati, sono fritti e si gustano belli croccanti (belli cruschi, appunto). È ottimo anche il pane di Matera, tanto che qualcuna di noi lo acquisterà per portarlo a casa in assaggio ai familiari. Il sole splende nel cielo e – dopo il lauto pranzo – facciamo un giro del Sasso Caveoso, dopo essere transitate dal Sasso Barisano e dalla splendida Cattedrale romanica che domina i sassi dall’alto della collina. Quest’anno protagonista della scena materana è anche il mitico SALVADOR DALI’, con una mostra che avremo il piacere di visitare il giorno seguente. Oggi ci limitiamo a vedere tre delle quattro opere a cielo aperto che sono dislocate nel centro di Matera : IL CAVALLO della nuovissima stazione ferroviaria progettata da Boeri, L’ELEFANTE TRAMPOLIERE di Piazza Vittorio Veneto ed IL PIANOFORTE DANZANTE in Piazza San Francesco d’Assisi. Manca la quarta nonché ultima opera : L’OROLOGIO MOLLE, ubicato proprio vicino all’entrata della mostra. Prima di partire i telegiornali ci avevano prospettato condizioni di allagamento pericolose, ma già il venerdì prima del nostro arrivo il padrone di casa ci aveva rassicurate sul totale ritorno alla normalità. In effetti percorriamo via Bruno Buozzi – vista al telegiornale come un fiume d’acqua – perfettamente asciutta e transitabile. Solo in alcuni punti la pavimentazione un po’ sconnessa testimonia la furia dell’acqua dei giorni precedenti la nostra visita, anzi : ci viene detto che la furia dell’acqua imperversa spesso in queste zone, ma fortunatamente quasi sempre senza gravi conseguenze. Nel Sasso Caveoso, ci fermiamo in un bar (ALTIERI CAFFÈ) che segnaliamo perché è davvero caratteristico, in quanto costruito all’interno di un antico sasso riadattato. E’ una zona che pullula di alberghi diffusi, di negozietti e di attività ricettive di vario genere. Dagli Anni Ottanta infatti i due Sassi (il più nuovo Barisano e soprattutto il più antico Caveoso) sono stati risistemati a testimonianza di un passato tutto sommato recente – quando all’interno di queste grotte scavate esseri umani ed animali convivevano in condizioni igieniche semplicemente pessime – le cui caratteristiche piacciono molto sia ai turisti che al mondo del cinema. Da Pasolini a Mel Gibson, sono moltissimi i nomi noti che hanno fatto di Matera la protagonista di film indimenticabili. Questo interesse del cinema è comprensibilissimo, perché anche noi siamo completamente rapite dalla singolarità costruttiva di Matera, così suggestiva, così diversa, così particolare nel suo essere molto simile ad un presepe vivente. Prima di rientrare in appartamento, prenotiamo due visite guidate presso MATERA CITY TOUR, che consigliamo per la professionalità del personale. Per cena mangiamo un’ottima pizza presso la pizzeria GIROTONDO Via Don Minzoni, 2), che consigliamo per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Anche questa struttura è nelle vicinanze del nostro appartamento

  • 565 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social