Weekend a Marrakech per mamma e bambino

Tre giorni a Marrakech, trekking sulle vicine montagne e passeggiata nel deserto.

Diario letto 1744 volte

  • di rosaz2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Partenza da Malpensa il 27 febbraio come programmato.

All’aeroporto di Marrakech ci controllano la temperatura è ci fanno compilare un modulo che ci chiede se siamo stati ultimamente in Cina, visto il dilagare del corona virus. La procedura è molto veloce e in poco tempo siamo fuori dall’aeroporto e possiamo iniziare la nostra breve vacanza a Marrakech.

Ad attenderci, nei 30 gradi esterni, troviamo il taxi prenotato dall’hotel che con 15€ ci porta a destinazione.

Fatte le formalità del check-in e lasciati i bagagli (solo gli hotel di lusso e media alta categoria accettano carte di credito, il nostro naturalmente non le accetta)andiamo a piedi in piazza Jemaa El Fna, centro della Médina e brulicante di vita ad ogni ora del giorno . Attraversiamo gli stretti e variopinti vicoli affollati di bancarelle dove i venditori cercano di venderci ogni tipo di mercanzia.

La piazza El fna è un’esplosione di colori e profumi: dagli incantatori di serpenti, alle scimmie, alle griglie con ogni tipo di carne, ai venditori di spezie e Argan. La prima sera preferiamo un piccolo ristorante in una via vicino alla piazza, tanjin e panino con patatine per il piccolo, naturalmente tutte bevande “alcol free”, prezzo totale 12€.

Torniamo verso le 22 in hotel passando per i vincoli del mercato che stanno chiudendo. Nonostante l‘ ora tarda e il fatto che molti negozi siano chiusi e ci sia meno gente per le strade, non percepisco in nessun momento di trovarci in una situazione di pericolo.

Il giorno seguente visitiamo i siti principali della Médina che raggiungiamo tutti a piedi, con una riserva d’ acqua, visto i 31 gradi: palazzo Bahia, Palais Badi, tomba di Saadiens per ognuno il prezzo è 70 dirham adulto e 30 bambino.

Quello che ci ha affascinato di più è sicuramente il Palais Badi per la sua maestosità che si percepisce nonostante siano rimaste solo rovine. Mi ero guardata la loro storia la sera prima, quindi la guida non è necessaria anche perché, con la guida, la visita a tutti quei siti sarebbe comunque risultata troppo pesante per Diego.

Alle 16 torniamo in hotel per rilassarci in piscina dopo i 14 km di cammino che indica il contapassi, ce lo siamo meritati!

La sera tappa obbligata in piazza El Fna, questa volta ceniamo sulla terrazza di un piccolo ristorante in una via laterale da cui si vede la piazza: con il tramonto e il richiamo alla preghiera che proviene dai minareti è una delle immagini emozionanti di questo viaggio che ricorderemo.

Cena couscous e spiedini: totale 10€.

Per il sabato ho prenotato un tour all’ interno (tramite il sito viator) che comprende montagne di Atlas, cascate, villaggio beduino, gita in cammello nel deserto. Spesa totale 32€.

Il pullmino ci passa a prendere puntuale alle 9.00, dopo aver raccolto gli altri partecipanti, iniziamo il tour. La parte che ci appassiona di più è sicuramente il trekking sulle montagne per visitare le cascate e il giro in cammello nel deserto: i colori del tramonto la rendono un’esperienza emozionante.

La sera, nonostante il tour avesse previsto il ritorno alle 16.30… l’effettivo rientro è alle 21.30, ma per noi non fa molta differenza, la medina brulica ancora di vita. Non troviamo posto in nessun ristorante del centro così decidiamo di provare le griglie delle bancarelle della piazza el Fna, condividendo il tavolo con dei ragazzi spagnoli. Atmosfera allegra e tutto ottimo. Prezzo totale 10€.

Terminati gli ultimi acquisti, visto che è una bellissima serata limpida e la temperatura è mite nonostante sia mezzanotte, facciamo ritorno a piedi in hotel. Anche qui le strade ci sembrano molto sicure. Incontriamo due bambini di pochi anni che stanno vendendo dolci lungo la strada principale, a pochi passi dal banchetto della madre, tiriamo fuori i giochi che abbiamo nello zaino e che ci siamo portati al tour e glieli regaliamo, noi ne abbiamo già tanti e a loro invece, da come li guardano e ci sorridono, hanno cambiato sicuramente la giornata

Il giorno seguente si torna a casa, taxi per l’aeroporto 100 Dirham (10€), riportiamo con noi il ricorso dei colori, dei profumi e dell’ospitalità di questo affascinante paese.

  • 1744 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social