Vietnam da Nord a Sud 5

Il Paese non più associato alla guerra, ai vietcong, al napalm ma alla storia piena di fascino, alla natura, al sorriso del suo popolo e all’armonia dei cinque sapori (acido, amaro, dolce, piccante e salato)
 
Partenza il: 25/03/2016
Ritorno il: 03/04/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Vietnam da Nord a Sud passando per il centro

Mete: Hanoi, Halong, Hué, Da Nang, Hoi An, Ho Chi Minh/Saigon e Delta del Mekong.

Premessa. Volevamo vederlo nel suo complesso e sapevamo di dover fare i conti con le stagioni in quanto il paese, stretto e lungo, presenta climi differenti nello stesso periodo. Il momento peggiore, perché presenti i tifoni, i cicloni e le tempeste tropicali, è tra maggio e novembre mentre il migliore va dalla prima parte di febbraio ad aprile. Perfetto, allora, per trascorrerci la settimana di Pasqua.

La spesa totale a persona è stata di € 1.800 così suddivise:

Volo internazionale in classe economica € 728 a testa: andata Roma–Hanoi e ritorno Ho Chi Minh–Roma con la compagnia Singapore Airlines (scalo a Singapore);

Tour Vietnam Classic € 1.125 ciascuno acquistato on line dall’operatore Stelle d’Oriente (www.stelledoriente.it) dopo aver valutato altre proposte (Amo Vietnam Travel: [email protected], Travelasminute, Toa Associati) e sfogliato dépliant (Hotelplan, Viaggidea, Edenviaggi). Il pacchetto di 8 giorni/7 notti in camera doppia con prima colazione presso hotel di lusso comprende tutti i trasferimenti con mezzi privati con aria condizionata, due voli interni, Crociera di 2 giorni/1 notte ad Ha Long, ingressi ai siti, 9 pasti (7 pranzi e 2 cene con menù fisso), guida locale di lingua italiana, acqua minerale in bottiglia e salviette umidificate durante il tour.

Gli alberghi a 4 e 5 stelle dove abbiamo alloggiato sono stati i seguenti:

Ha Noi: Thien Thai hotel, stanza Deluxe (2 notti)

Ha Long: crociera di due giorni con Aphrodite Cruise, Cabin Luxury (1 notte)

Hue: Eldora hotel, Deluxe city view (1 notte)

Hoi An: Hoi An Historic hotel (2 notti)

Ho Chi Minh: Novotel Saigon Centre hotel, stanza Superior (1 notte)

In Volo. 25 Marzo: ROMA – SINGAPORE – HA NOI

Partiamo da Fiumicino con la Singapore Airlines alle 11,15 e arriviamo a Singapore alle 6,05. Ci assegnano i posti 42, ci sono tre file da tre, l’aeromobile non è pieno e ci si può allargare. Subito salvietta calda per le mani e aperitivo con arachidi. La brochure per i pasti ci illustra cosa mangeremo per pranzo: insalata di tonno, patata, fagiolini, uovo sodo e pachino, a scelta il pollo/pesce con salsa di pomodoro e olive, verdure e patatine novelle oppure straccetti di maiale in salsa di zenzero, broccoli, carote e riso alla cantonese; un panino con formaggino bel paese e gelato biscotto Pan di Stelle! Per intrattenerci tanti film di prima visione, documentari, giochi… da poter fare, ognuno, con il proprio monitor.

I messaggi vengono dati anche in italiano e le hostess sono gentilissime e bellissime nei loro stretti e lunghi sari.

Possibilità di ordinare uno spuntino in qualsiasi momento: panini ripieni, pacchetti di arachidi, barrette ai cereali o mele.

Prima di atterrare la cena (o colazione): tagliolini giapponesi brasati con arista di maiale, verdure cinesi e funghi oppure frittata di cipolle e pomodoro con wurstel di pollo, un paninetto, della frutta, sempre tè e caffè.

Un paio di calzini, spazzolino e dentifricio ci vengono dati, mentre in bagno troviamo colluttorio, pettini, crema per le mani, addirittura assorbenti per noi donne e lametta per gli uomini! 12 ore di volo e siamo a Singapore per uno scalo di circa tre ore e mezza che trascorriamo gironzolando per le lussureggianti composizioni floreali, i laghetti e i negozi del duty free.

Ci rimbarchiamo, posti 33, alle 9,20 e dopo tre ore mezza – durante le quali mangiamo nuovamente un pasto completo: maiale, riso, verdure, insalata russa e budino alla vaniglia – puntualmente atterriamo!

Sul volato avremmo potuto risparmiare parecchio prenotandolo con un più largo anticipo (e non solo tre settimane prima) o partendo in date differenti o utilizzando altre compagnie aeree quali China Southern Airlines, Aeroflot, Thai, Qatar, Turkish Airlines che prevedevano scali molto più lunghi a Bangkok, a Kuala Lumpur, a Hong Kong…

Abbiamo preferito questa spettacolare compagnia aerea perché ci ha consentito di ottimizzare il tempo, di giungere a destinazione non così stremati, in orari perfetti per le nostre esigenze e non ce ne siamo pentiti.

1° Giorno: 26 Marzo. HA NOI

Terra! Aeroporto internazionale di Noi Bai (a 45 km da Hanoi) dove non paghiamo il visto turistico d’ingresso in quanto la nostra permanenza non supera le due settimane (disposizione vigente da un annetto).

Sono le 11,40, i nostri orologi si aggiornano: siamo 6 ore avanti rispetto all’Italia, 5 ore tra qualche giorno quando lì vigerà l’ora legale. Incontriamo Serena, la ventiseienne responsabile di tutto il tour che ci dà il benvenuto con un omaggio, grandi sorrisi e qualche informazione in un italiano perfetto: Ha Noi è la capitale politica del Vietnam; significa città al di qua o circondata dai fiumi e qui vi è il Rosso (un ramo del fiume Giallo cinese) che attraversiamo su un modernissimo ponte dagli archi arancioni.

Il naso appiccicato al finestrino mentre scorrono viali, parchi, monumenti, negozietti di tutti i generi, orribili e pericolosissimi fili elettrici a mo’ di festoni tra un palazzo e l’altro!

E che stranezza le costruzioni! Strette e lunghe! Il motivo principale è il costo altissimo dei terreni per cui i palazzi sono sfruttati più in altezza che in larghezza! Alcuni fanno proprio impressione per la “magrezza”, altri sono curiosissimi! Altra ragione della loro forma è che rievocano i sampan, le barchette che all’epoca fungevano da dimore. Ora abbiamo capito cosa s’intendeva per “case tunnel”.

La circolazione è un vero inferno! Milioni di motorini inquinanti trasportano di tutto di più, auto dagli scarichi devastanti per la salute, risciò, pullman turistici impazzano. I pedoni vengono schivati, sembrano birilli da evitare, noi non so se sopravvivremo alla prima passeggiata. Pare ci sia una tecnica per attraversare e soprattutto per non essere presi in pieno: procedere con passo costante da una parte all’altra della strada, nessuna fermata brusca né dietrofront e i mezzi, nel frattempo, ti lisceranno lasciandoti indenne. Sono tutti abili, fenomenali autisti da far invidia ai piloti di Formula 1. La maggior parte delle persone indossa una mascherina che dovrebbe proteggerla dai gas di scarico, dalle polveri e dal sole, ma non so quanto possa essere utile.

Guarda la gallery
halong-bay-mare-sqxbb

Io una di loro

halong-bay-mare-nt8uw

Odore Pungente



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Da Nang
    Diari di viaggio
    vietnam sull'acqua e tra i motorini

    Vietnam sull’acqua e tra i motorini

    breve rovescio che abbiamo evitato in quanto eravamo in auto o in hotel. Siamo capitati in pieno solo con un forte acquazzone che però è...

    Diari di viaggio
    vietnam su misura 2

    Vietnam su misura 2

    Hoa Lu e visita dei templi dei Re Dinh*.Trasferimento per Ninh Binh, escursione in sampan sul fiume Ngo Dong, baia di Halong...

    Diari di viaggio
    alla scoperta del vietnam

    Alla scoperta del Vietnam

    Dall'1 al 10 gennaio 2018 alla scoperta del Vietnam. Da Hanoi a Saigon in 9 giorniSpesa: euro 2.300,00Eravamo stati in...

    Diari di viaggio
    vietnam: avventura nel sud-est asiatico

    Vietnam: avventura nel Sud-est asiatico

    Ecco finalmente giunta la data per questo viaggio tanto atteso e tanto discusso: il Vietnam. Organizzato circa un paio di mesi prima, ma...

    Diari di viaggio
    vietnam da nord a sud 5

    Vietnam da Nord a Sud 5

    Vietnam da Nord a Sud passando per il centro Mete: Hanoi, Halong, Hué, Da Nang, Hoi An, Ho Chi Minh/Saigon e Delta del Mekong. ...

    Diari di viaggio
    dicembre in vietnam

    Dicembre in Vietnam

    Manuale il piu' possibile pratico di un viaggio intenso e con emozioni personali forti visto che appartengo alla generazione che...

    Diari di viaggio
    indocina: la natura e l'arte

    Indocina: la natura e l’arte

    14 novembre sabato - 15 domenica Il volo, questa volta, è stato veramente lungo: l'aereo, strapieno, ci ha costretti a sedere rigidamente...

    Diari di viaggio
    vitnam in 10 giorni

    Vitnam in 10 giorni

    Thailandia, Malesia, Singapore, Myanmar, Laos, Cambogia. Naturalmente non poteva mancare il Vietnam a conclusione dell’Indocina! IL...

    Diari di viaggio
    10 giorni in vietnam

    10 giorni in Vietnam

    Thailandia, Malesia, Singapore, Myanmar, Laos, Cambogia. Naturalmente non poteva mancare il Vietnam a conclusione dell’Indocina! IL...

    Video Itinerari