Vietnam: avventura nel Sud-est asiatico

Un luogo dove convivono il vecchio e il nuovo, l'antico e il moderno, la guerra e la pace, la natura e le città
Scritto da: kenny88
vietnam: avventura nel sud-est asiatico
Partenza il: 04/02/2015
Ritorno il: 28/02/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Ecco finalmente giunta la data per questo viaggio tanto atteso e tanto discusso: il Vietnam. Organizzato circa un paio di mesi prima, ma sognato di andarci già dall’anno prima, dopo esser stati in Thailandia e in Cambogia. Per il secondo anno di fila abbiamo scelto un’altra meta nel Sud-est asiatico, in quanto ci siamo innamorati di quei posti, e soprattutto… in Vietnam ci abbiamo lasciato il cuore.

Partiamo con un volo Thai Airways dall’aeroporto di Roma Fiumicino, facciamo un breve scalo di due ore a Bangkok e ripartiamo alla volta del Vietnam… Prima destinazione: Ho Chi Minh City. Atterriamo all’aeroporto Sgn alle ore 9:15, cambiamo qualche euro e ci immergiamo nella cultura locale. Prendiamo il bus 152 che ci porta vicino il nostro hotel.A causa del caldo umido e la stanchezza del volo intercontinentale ci mettiamo a dormire un pò. In serata ci incontriamo con un mio collega, anche lui in vacanza in Vietnam, e la sua fidanzata vietnamita. Trascorriamo la serata in un ristorante del posto “Quan Bui” dove mangiamo tante prelibatezze.

Il giorno dopo è dedicato alla visita della città con annessi vari musei come quello delle belle arti, poi al mercato di Ben Thanh, la Bitexco Financial Tower, il fiume Saigon, il teatro municipale. Pausa per il pranzo in un ristorantino all you can eat nel centro commerciale “Vincom Center”, ma non siamo rimasti soddisfatti. Nel pomeriggio continuiamo la visita della città con la Cattedrale di Notre Dame, la posta centrale, la pagoda dell’Imperatore di Giada, il tempio hindù di Mariamman. Tornando in hotel, abbiamo fatto una passeggiata nel parco XXIII Settembre, e siamo rimasti stupiti dalla qualità delle attrezzature ginniche presenti in questo parco. Per cena optiamo in un altro ristorantino “Nha Hang Ngon”, e dopo cena finalmente proviamo il famoso caffè vietnamita.

Il giorno seguente è l’ultimo giorno a Saigon, ma ci torneremo dopo l’escursione di due giorni al Delta del Mekong. Di buon’ora andiamo al mercato di Ben Thanh e successivamente al mercato di Binh Tay. Pranzo in un altro ottimo ristorante “Quan An Ngon”. Nel pomeriggio ci dedichiamo alla visita del museo delle riunificazioni e al museo dei residuati bellici. Per cena proviamo uno dei piatti tipici del Vietnam in uno dei più famosi ristoranti di Ho Chi Minh: “Banh Xeo Muoi Xiem”… ovviamente il piatto è il Banh Xeo e il Bahn Khot.

Il mattino dopo sveglia presto per partire per il tour organizzato dall’agenzia (prenotato direttamente a Saigon) per il Delta del Mekong. Prima di arrivare a destinazione, facciamo un’escursione alla pagoda di Vinh Trang. Una volta giunti al porto, saliamo sul battello e inizia l’escursione sul Delta del Mekong: arriviamo alla prima isola “Con Tan Long”, dove visitiamo una fabbrica di caramelle di cocco; seconda isola: “Unicorn Island”, dove visitiamo un allevamento di api; nel tour è compreso un assaggio di miele con thè, polline e lime; chips di banana e miele; croccante di noccioline e vino di banana. Da quest’isola prendiamo le tipiche barchette vietnamite a 4 posti e facciamo un giro per i canali fino ad approdare di nuovo sulla terraferma, per degustare i tipici frutti esotici: papaya, ananas, mango, dragon fruit, cocomore, jack fruit, mangosteen. Inoltre, assistiamo a uno spettacolo di canti e balli popolari. La giornata volge al termine, e ci riportano in hotel a Can Tho; per cena optiamo per un ristorantino dove mangiamo dell’ottimo pesce.

Il giorno dopo siamo in partenza per il Floating Market di Cai Rang. Passare accanto a mille barchette che vendono generi alimentari di ogni tipo sul fiume Mekong, è stata un’esperienza incredibile. Dopo il mercato galleggiante è l’ora della visita alla fabbrica di Noodles e, infine, ai giardini e i frutteti dove mangiamo tanta frutta esotica. Una volta tornati a Can Tho, ci fermiamo per un pranzo veloce e ci dedichiamo alla visita del tempio di Ong. Nel pomeriggio torniamo ad Ho Chi Minh e decidiamo di salire sulla Bitexco Tower (il grattacielo più alto di Saigon) dove prendiamo un ottimo caffè con una vista mozzafiato della città.

Dopo cena decidiamo di andare in una spa per provare il favoloso massaggio vietnamita.

Il giorno seguente partiamo con il bus della Sinh Tourist, alla volta di Mui Ne. Arriviamo per l’ora di pranzo e decidiamo, prima di arrivare in hotel, di fermarci in un ristorantino dove mangiamo degli ottimi noodles con pesce e verdure. Finalmente arriviamo al Resort di Mui Ne, favoloso, con accesso diretto alla spiaggia (anche se non potremmo mai farci un bagno poiché è sempre mosso il mare)… Ci accontentiamo della super piscina. Il pomeriggio è dedicato al relax tra piscina e giardino.

L’indomani con l’autobus gratuito del resort ci facciamo portare a quello che sarà uno dei posti più belli e al tempo stesso più surreale di tutto il viaggio: il Giardino delle Fate. Noi abbiamo fatto tutto il percorso del ruscello fino alla cascata, fermandoci di tanto in tanto sulle dune circostanti. Terminata la visita andiamo con un bus alle dune rosse…è quasi sconvolgente stare in mezzo al deserto in Vientam, in quanto se si pensa al deserto i primi posti che vengono in mente sono l’Africa, la Mongolia o la penisola Arabica… Dopo le dune decidiamo di fare una passeggiata al villaggio di Mui Ne e al suo porto.

Il giorno dopo altra corsa, altro posto… partiamo alla volta di Da Lat, un paesino di montagna e noto posto di villeggiatura di molti francesi all’epoca del loro dominio sui vietnamiti. Il pomeriggio lo dedichiamo alla visita del palazzo estivo “Bao Dams”, e alla Casa Pazza. Passeggiata sul laghetto artificiale, e giretto al centro commerciale.

Il giorno seguente prendiamo la tipica “Cremalliere” (cremagliera) direzione Trai Mat, mecca per i buddhisti. Visitiamo la pagoda di Linh Phuoc e tornati a Da Lat per visitare i giardini di fiori e il mercato.

L’indomani partiamo alla volta di Nha Trang, un paesino di mare. Purtroppo il mare non è dei migliori, quindi ripieghiamo sulla visita alla Cattedrale e alla pagoda di Long Son. Sul lungomare in tardo pomeriggio ci godiamo uno spettacolo in vista del Capodanno Cinese.



    Commenti

    Lascia un commento

    Can tho: leggi gli altri diari di viaggio