Verso Kashgar

Marco Polo arrivo' a Kashgar da ovest, con suo padre e suo zio. Era il tredicesimo secolo, l'Italia del Duecento fioriva letterariamente ed conomicamente, nonostante la Cristianita' avesse perso i regni d' Outremer conquistati con le crociate, e con essi Gerusalemme. Venezia controllava gran parte dei mercati del Mediterraneo orientale, dove...
 
Viaggiatori: da solo

Marco Polo arrivo’ a Kashgar da ovest, con suo padre e suo zio. Era il tredicesimo secolo, l’Italia del Duecento fioriva letterariamente ed conomicamente, nonostante la Cristianita’ avesse perso i regni d’ Outremer conquistati con le crociate, e con essi Gerusalemme. Venezia controllava gran parte dei mercati del Mediterraneo orientale, dove comprava la seta da rivendere in Italia ed in Europa. La seta arrivava con le carovane, gia’ filata, tessuta e colorata, dal lontano oriente fino ai mercati di Stambul, Cairo, e Damasco. Nessuno sapeva come fosse prodotta. Si credeva fosse una fibra vegetale, o una magia…

[Battiato: Nomadi] Marco Polo risali’ la via della seta verso oriente, ne segui’ il ritorno delle carovane (nota per me stesso: che cosa cavolo portavano le carovane al ritorno? certo non viaggiavano scariche…Devo informarmi…

Anche senza un atlante e’ facile vedere con gli occhi della mente il percorso delle carovane. Dalle coste della Palestina, da Tiro, da Sidone, da San Giovanni D’Acri i mercanti e i loro cammelli ripartivano verso la Siria, attraversavano il Giordano e si inoltravano verso oriente. Facevano sosta a Damasco per rifornirsi di datteri e farina prima di affrontare il deserto che si stende fra la Siria e la terra in mezzo ai fiumi. Dopo il deserto c’era Baghdad, e piu’ oltre gli altopiani della Persia. I cavalli prendevano il posto dei cammelli, i sacchi e gli involti di merce trasbordati da un animale all’altro. E poi di citta’ in citta’ attraverso la Persia, fino alle terre degli Afghani. Qui le carovane piegavano a nord per evitare le montagne di quella terra e si tenevano lungo il bordo meridionale delle steppe dell’Asia centrale. Banditi e predoni erano preferibili alle orribili piste meridionali attraverso le terre degli Hazara per Kabul. Ma le montagne non si potevano evitare per sempre: nel cielo d’ oriente, in faccia ai carovanieri, come un muro alto fino al cielo si ergevano, allora come oggi, i picchi innevati dell’Hindu Kush, l’ Uccisore di Indu’.

Ancora una volta la mercanzia veniva scaricata dai cavalli, e ricaricata, questa volta su muli, asini, o portatori. I passi scoscesi e i sentieri delle montagne uccidevano uomini ed animali in larghe quantita’. Arrivare ai piedi delle montagne troppo tardi nell’annata significava dovere aspettare la fine dell’inverno per poter passare, o cercare invece la strada del sud verso la valle dell’Indo attraverso il passo del Khyber, l’unica arteria transitabile in inverno fra L’Afganistan e l’India, dove ancora nel diciottesimo secolo un’intero esercito inglese fu completamente distrutto dalle tribu’…Ma cosi’ si allungava di mesi…

[Litfiba: Istanbul] Le carovane impiegavano settimane a passare le montagne, deviando il piu’ possibile a nord. Dritto verso oriente c’e l’Himalaya, dove non si passa, la strada non c’e’. Invece girando a sinistra si scavalcavano le selle fra il Pamir ed il Karakoram, passi a cinquemila metri, e in relativamente poche settimane di altopiano si ridiscendeva finalmente verso terre piu’ consone alle carovane. Le montagne finalmente alle spalle, si aprivano davanti agli occhi dei viaggiatori i bassopiani infiniti del Teklamakan, che avebbero condotto al deserto del Gobi e oltre, fino alla sorgente della seta, “il regno del mezzo”, la terra di Kublai Khan, il favoloso Catai, la Cina.

Dopo le montagne si ridiscendeva finalmente al piano. E li, con i suoi bazar colorati e i minareti di marmo, i bagni pubblici, le taverne piene di vino (nonstante i minareti), gli innumerevoli ed accoglienti bordelli, piena di genti Kirgise, Ugiure, Tagiche, Mongole, Tartare, Turcomanne ed altre, ad attendere i carovanieri e i mercanti stanchi, affranti e semiassiderati c’era, allora come oggi, Kashgar, la citta’ giardino.

La via della seta divenne obsoleta non molto tempo dopo i Polo, quando due furbi mercanti persiani rubarono ai cinesi qualche baco da seta, ed i semi del gelso, l’albero che i bachi adorano, e li portarono fuori dal regno. Fine del monopolio cinese sulla seta. Un po’ come fecero piu’ tardi gli inglesi col caucciu’ del Congo Belga…

Naturalmente io sogno…A Kashgar ci sto arrivando dall’altra direzione, ed in aereo. Questo e’ un volo nazionale, l’aerolinea e’ cinese, il vecchio Airbus 300 trema e vibra come un treno, i sedili di economica sono stretti e pigiati fra di loro..Meno male che i cinesi sono piccoli… Ritorno alla realta’…Come al solito insomma, scomodo, lunghissimo, pieno di sorprese e di cose nuove. Come piace a me in fondo.

Intanto i voli sono domestici: da Hong Kong a Shanghai, e da qui a Urumqi, capitale della regione autonoma dello Xinjiang sono due ore piu’ sei di volo. Otto ore, e siamo sempre in Cina. Arrivero’ ad Urumqui stasera, giusto in tempo per prendere un altro aeroplanino (o forse un dromedario bactriano) per Kashgar, altre due ore di volo. Dieci ore. Come da Roma a Citta’ del Capo. Questo paese e’ dannatamente grande.

..Dieci ore piu’ tardi. Avviso: sto postando sotto l’influenza dell’alcool, I’m PUI, so very much PUIssimo…

[Lucio Dalla: Anna e Marco] Albergo della Posta di Artushi, un’ora di strada da Kashgar. La favolosa Kashgar non l’ho vista neanche di passaggio. Ad aspettarci all’aeroporto (i miei tre colleghi di Shanghai e me) c’era il direttore dell’ospedale di Atushi. Lui e’ un Kirghiso, capelli e occhi neri, ma naso come il nostro e faccia indoeuropea. Gli stiamo dando soldi per costruire l’ala di oftalmologia pediatrica dell’ospedale (la piu’ vicina e’ a Islamabad, in Pakistan, duecento chilometri ma aldila’ delle montagne ed irraggiungibile d’inverno) e per stabilire un servizio oculistico itinerante per i nomadi dell’ altopiano: costoro in citta’ non si avvicinano proprio, e rimangono ciechi, sopratutto i bambini, per carenza di vitamina A e per il deserto. E se Maometto non va alla montagna…

La valle dove sorgono queste citta’ doveva essere una volta un grande mare interno: c’e’ sabbia e solo sabbia, mischiata a pietre lisce e rotonde, all’infinito, fino all’orizzonte ad occidente, dove si intravedono i primi contrafforti delle montagne da dove scendevano le carovane…Poi, in una larga depressione a fondo valle, il giardino: il verde si estende fra le case e i cortili di mattoni ocra, un’oasi non dissimile da quelle del grande Erg…Eucalipti invece di palme…Mi fanno vedere un obelisco, fuori citta’. Indica il centro geografico dell’ Asia, o in altre parole, il posto piu’ lontano dal mare che esista su questo pianeta…Ma tutto questo verde in mezzo alla sabbia significa acqua. E da dove viene questo fiume che irriga i frutteti e le vigne? Dovro’ scoprirlo.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cina
    Diari di viaggio
    viaggio in cina 2019 nella terra del dragone con itinerario classico pre covid

    VIAGGIO IN CINA 2019 NELLA TERRA DEL DRAGONE CON ITINERARIO CLASSICO PRE COVID

    ​Era un pò di tempo che era nei miei pensieri di visitare le attrazioni più importanti della Cina, ma visto che è ancora un paese...

    Diari di viaggio
    10 giorni in cina secondo il classico itinerario da principianti

    10 giorni in Cina secondo il classico itinerario da “principianti”

    Informazioni pratiche: TRASPORTI: voli prenotati online con Opodo acquistati a inizio marzo per il periodo di aprile: andata con Austrian...

    Diari di viaggio
    cina fai da te? certo che si può fare!

    Cina fai da te? Certo che si può fare!

    Dopo anni di viaggi in Asia, la Cina era ancora una destinazione chiusa nel cassetto.. ma la primavera 2019, con un fantastico ponte da...

    Diari di viaggio
    la via della seta ed altri percorsi

    La Via della Seta ed altri percorsi

    Ogni viaggio è una storia a sé, lo sappiamo tutti. Non è detto che la stessa destinazione rappresenti per tutti lo stesso arrivo, non...

    Diari di viaggio
    una settimana di cina classica e 3 giorni ad hong kong

    Una settimana di Cina “classica” e 3 giorni ad Hong Kong

    I giorni da dedicare alla Cina "classica" - Hong Kong esclusa - erano davvero pochi, ma sarebbero stati sufficienti per avere una buona...

    Diari di viaggio
    la via della seta a modo nostro
    Fef

    La Via della Seta a modo nostro

    L’Asia rappresenta sempre una grande attrattiva per noi e per le nostre vacanze abbiamo scelto di visitare una parte della Cina. Questo...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: tappa nello yunnan

    Overland Italia Australia: tappa nello Yunnan

    Continua il mio viaggio e la raccolta fondi per una organizzazione che si occupa dei bimbi meno fortunati, potete trovare i dettagli nella...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: arrivo a shanghai

    Overland Italia Australia: Arrivo a Shanghai

    Il volto della Cina del XXI secolo, l'ho colto pienamente viaggiando sul "Bullet train" a più di 350 KM/h da Pechino a Shanghai. La Cina...

    Diari di viaggio
    le meraviglie di guangxi e hunan

    Le meraviglie di Guangxi e Hunan

    L’anno scorso, durante il viaggio nel nord-ovest della Cina lungo la Via della Seta, un compagno di viaggio mi parlava delle bellezze...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: ritorno a pechino

    Overland Italia Australia: ritorno a Pechino

    Ero già stato a Pechino nel '93 alla fine di un viaggio sulla "Via della Seta" e ora la rincontro alla conclusione della Trasmongolica. Mi...