La Via della Seta ed altri percorsi

Poi ci sono alcuni viaggi che inspiegabilmente, senza che tu lo cerchi o ne sia consapevole, diventano altro: si snodano, si biforcano, seguono un filo invisibile, rincorrono le coincidenze e fanno salti mortali per poi assumere la forma di un vero e proprio percorso. Questo è quello che ci è successo.
 
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Ogni viaggio è una storia a sé, lo sappiamo tutti. Non è detto che la stessa destinazione rappresenti per tutti lo stesso arrivo, non tutti cerchiamo le stesse cose o facciamo le medesime riflessioni e non tutte le corde che vengono toccate sono le stesse.

Poi ci sono alcuni viaggi che inspiegabilmente, senza che tu lo cerchi o ne sia consapevole, diventano altro: si snodano, si biforcano, seguono un filo invisibile, rincorrono le coincidenze e fanno salti mortali per poi assumere la forma di un vero e proprio percorso. Questo è quello che ci è successo.

Nel Febbraio 2019 siamo andate al Carnevale di Venezia, per provare ad assaporare, anche idealmente, l’atmosfera che la Serenissima doveva avere al tempo del Doge, degli sfarzi e del Casanova. Anche noi volevamo passeggiare di notte tra calli illuminate da fiaccole, con la nebbiolina che alzandosi dai canali lascia intravedere i profili incerti e tremolanti di dame e cavalieri, saltimbanchi e giocolieri, nobili e mendicanti, che giocano a prendersi e lasciarsi tra i chiaroscuri della notte.

Un fine settimana al sapore di ciccetti gustati in qualche baccanale seminascosto; sì uno di quelli poco lucenti e per niente vistoso, uno di quelli non instagrammabili e non perché privo di un fascino proprio, ma perché se l’oste ti vede spippolare al cellulare rischi che ti butti fuori. E senza passare dal via.

Un fine settimana bellissimo, ma poi finito lì.

E invece no. Il diavolo ci ha messo lo zampino perché per noi aveva un’idea diversa: quella di farci arrivare fino alle porte della sua casa.E così senza essere nemmeno troppo consce del collegamento che stavamo facendo, nelle nostri menti cominciavano ad apparire cupole diverse rispetto a quelle di San Marco, campanili che in altre lingue si chiamano minareti, Chiese che in altre culture si chiamano Moschee.

Ed abbiamo iniziato a sognare sapori esotici e notti stellate; condottieri valorosi ed animali assopiti dentro ai caravanserragli; rumori di mercati ed urla di mercanti… l’Uzbekistan ci stava chiamando, la Via della Seta come le sirene di Ulisse aveva iniziato il suo canto.

E noi ci siamo lasciate sedurre.

Senza pensarci.

Senza di certo pentirci.

Uzbekistan dal pane buonissimo e l’aria che profuma di cumino misto al vento caldo del deserto, ci ha accolte spalancandoci la porta della sua storia. Allora è stato un attimo ritrovarci a chinare il capo al cospetto del minareto di Bukhara, seguendo l’esempio di Gengis Khan che mai in vista sua si era inginocchiato di fronte a nulla e nessuno; a perderci tra i vicoli di Khiva per finire a struggerci tra i merli delle sue mura, di fronte ad un tramonto che difficilmente scorderemo; passando per quel sogno chiamato Samarcanda, che solamente il nome fa provare un brivido di emozione in ogni centimetro del proprio corpo.

Posare i piedi nei luoghi che hanno contribuito a creare la storia è senza ombra di dubbio un privilegio raro. E credetemi, qui la storia si sente, si percepisce a pelle, l’aria stessa ha una vibrazione diversa.

E da lì al Turkmenistan è stato un altro viaggio nel viaggio. Passare la frontiera a piedi, aspettando per ore il proprio turno, compilando documenti in una lingua assolutamente incomprensibile, cercando di comunicare a gesti con il tuo vicino in cerca di un qualche aiuto, almeno per scrivere il tuo nome nel punto giusto, ci ha riportato ad un’altra dimensione, molto diversa da quella degli aeroporti super hub – iper moderni e commerciali.

Era qui che il diavolo ci voleva. Per passare la notte dentro una canadese in uno pseudo campo tendato russo, senza né luce né acqua; sedendoci ad una tavola troppo piccola per contenerci tutti, mangiando una pasta (buonissima) cotta dentro un pentolone di quelli da pozione magica. Come fosse un rito, come fossimo viaggiatori di altre epoche. Come se quel pentolone contenesse la formula magica della felicità.

E poi nel buio della notte, nel silenzio del deserto, anche noi abbiamo compiuto una specie di pellegrinaggio, fatto di gioia, risate, passi sulla sabbia, ed aspettative, non certo deluse, fino al cratere di Darvaza, meglio conosciuto come la Bocca dell’Inferno.

Vorrei avere le parole per descrivere quel momento. vorrei trasmettere il calore provato affacciandomi dal bordo, vorrei che dalla monitor filtrassero i suoni, gli odori, la luce e la gioia del momento.

Un viaggio pieno di condivisione, scoperta, emozioni, che non potrei descrivere in altro modo se non incredibile; ma purtroppo, come ogni viaggio che si rispetti, dopo una manciata di giorni ci ha viste prendere la via del ritorno.

Però siamo state sulla Via della Seta, ma ci rendiamo conto? Cosa poter chiedere di più?

Devo ancora ripetermelo, perché a volte ancora non ci credo: abbiamo percorso

La via della Seta.

Ed è un vestito che ci ha donato moltissimo

Ma ancora non sapevamo che quella era solo un’altra, ennesima e meravigliosa, tappa del percorso che il 2019 aveva in serbo per noi: il destino, la fortuna, certamente qualcuno che lassù ci ama, aveva deciso che la conclusione non avrebbe dovuto essere quella.

Questa Via della Seta ce la dovevamo fare dall’inizio alla fine. Occorreva vedere con i nostri occhi quel santo Graal del commercio, quella terra promessa ricca di tessuti, spezie, cultura, a cui Marco Polo ha dedicato un libro; quella terra così delicata ma allo stesso tempo così forte e tenace per cui le sue consuetudini sono riuscire a resistere fino ai giorni nostri.

Quella terra capace di viaggiare a due velocità: quella dei gesti lenti di chi segue e rispetta le tradizioni come stile di vita e quella delle connessioni iper veloci e tecnologiche di chi si danna l’anima per rubare giorni al futuro e regalarli al presente.

La Cina.

La Cina senza io che lo volessi ha cambiato il mio modo di vedere le cose; non so bene il perché o forse si: perchè questo paese mi ha tolto la spocchia dell’europeo “so bello io so figo io”; non è vero che gli altri sono peggiori è che io sono ignorante e come tale ignoro il 90% del bello che l’altro ha da offrire; mi ha aperto la mente perché ho visto dare un significato profondo ed importante a cose che io non ritengo “degne” nemmeno di uno sguardo, se non per motivi stilistici o di design come ad esempio i braccioli delle sedie.

Guarda la gallery
cina-tgajc

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-7f2gr

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-ykbhk

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-b7fn5

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-jugjp

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-94gun

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-stg78

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-p2b2q

Darvaza, La bocca dell'inferno

cina-hucpe

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-24nkr

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-umnew

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-9w8jk

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-fcqnj

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-bq4j3

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-8f6pu

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-4hefe

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-2thy2

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-bgsj9

La Via della Seta ed altri percorsi

cina-fp9ue

La Via della Seta ed altri percorsi



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cina
    Diari di viaggio
    viaggio in cina 2019 nella terra del dragone con itinerario classico pre covid

    VIAGGIO IN CINA 2019 NELLA TERRA DEL DRAGONE CON ITINERARIO CLASSICO PRE COVID

    ​Era un pò di tempo che era nei miei pensieri di visitare le attrazioni più importanti della Cina, ma visto che è ancora un paese...

    Diari di viaggio
    10 giorni in cina secondo il classico itinerario da principianti

    10 giorni in Cina secondo il classico itinerario da “principianti”

    Informazioni pratiche: TRASPORTI: voli prenotati online con Opodo acquistati a inizio marzo per il periodo di aprile: andata con Austrian...

    Diari di viaggio
    cina fai da te? certo che si può fare!

    Cina fai da te? Certo che si può fare!

    Dopo anni di viaggi in Asia, la Cina era ancora una destinazione chiusa nel cassetto.. ma la primavera 2019, con un fantastico ponte da...

    Diari di viaggio
    la via della seta ed altri percorsi

    La Via della Seta ed altri percorsi

    Ogni viaggio è una storia a sé, lo sappiamo tutti. Non è detto che la stessa destinazione rappresenti per tutti lo stesso arrivo, non...

    Diari di viaggio
    una settimana di cina classica e 3 giorni ad hong kong

    Una settimana di Cina “classica” e 3 giorni ad Hong Kong

    I giorni da dedicare alla Cina "classica" - Hong Kong esclusa - erano davvero pochi, ma sarebbero stati sufficienti per avere una buona...

    Diari di viaggio
    la via della seta a modo nostro
    Fef

    La Via della Seta a modo nostro

    L’Asia rappresenta sempre una grande attrattiva per noi e per le nostre vacanze abbiamo scelto di visitare una parte della Cina. Questo...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: tappa nello yunnan

    Overland Italia Australia: tappa nello Yunnan

    Continua il mio viaggio e la raccolta fondi per una organizzazione che si occupa dei bimbi meno fortunati, potete trovare i dettagli nella...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: arrivo a shanghai

    Overland Italia Australia: Arrivo a Shanghai

    Il volto della Cina del XXI secolo, l'ho colto pienamente viaggiando sul "Bullet train" a più di 350 KM/h da Pechino a Shanghai. La Cina...

    Diari di viaggio
    le meraviglie di guangxi e hunan

    Le meraviglie di Guangxi e Hunan

    L’anno scorso, durante il viaggio nel nord-ovest della Cina lungo la Via della Seta, un compagno di viaggio mi parlava delle bellezze...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: ritorno a pechino

    Overland Italia Australia: ritorno a Pechino

    Ero già stato a Pechino nel '93 alla fine di un viaggio sulla "Via della Seta" e ora la rincontro alla conclusione della Trasmongolica. Mi...

    Video Itinerari