Tanzania: avventura pura tra natura incontaminata e popoli ancestrali

Appunti tratti da un taccuino di viaggio: alle falde del Kilimangiaro, tra le storie dei masai e la grande migrazione
 
Partenza il: 17/08/2016
Ritorno il: 31/08/2016
Viaggiatori: 6
Spesa: 3000 €

La mia avventura nel nord della Tanzania inizia ad Arusha, una città africana ma dai tratti occidentali, disordinata, verdissima, e sotto lo sguardo attento del Monte Meru, gironzolo tra le vie caotiche e coloratissime, e grazie a Rocco Lastella, un italiano studioso di antropologia e dal cuore africano che mi dà il benvenuto in terra d’Africa con un frullato di mango e storie di Masai, visito prima il Faraja Center, un istituto che aiuta giovani ragazze madri, vittime di traffico umano e violenze domestiche, e poi, tra cantieri appaltati a ditte cinesi e venditori di prodotti locali, perdo qualche ora a fare shopping a Shanga, un delizioso negozio di artigianato locale dove collanine di perline, animali di stoffa, bicchieri ed oggetti di vetro vengono inventati e creati da disabili utilizzando materiale riciclato. Mi accompagna, in questo viaggio-spedizione nel nord della Tanzania, Naftal Zakayo (www.safaricrewtanzania.com), una giovane guida di Arusha, dagli occhi fintamente timidi e dai racconti infiniti e pronti a soddisfare ogni mia curiosità. Da Arusha parto alla volta di Longido, per il mio primo incontro con il popolo Masai. Mi accoglie Sam, un vecchio Masai dal sorriso saggio e dalle storie affascinanti, e con lui, avvolto nel suo manto rosso, mi inerpico nella sua montagna alla volta della Grotta della Circoncisione. Attraverso il ‘boma’ di Sam, dove mi salutano le sue mogli, e lui mi racconta che i Masai sono come i leoni: ogni capo tribù stabilisce le regole del suo villaggio; le donne costruiscono le case, allevano i figli, vanno al mercato e coltivano la terra, i ragazzini fanno pascolare le caprette e a fine giornata, seduti sulla roccia della Grotta della Circoncisione, seguono le lezioni, solo orali, che lo stregone impartisce per imparare le tre cose più importanti per il popolo Masai: curare le mogli, saper gestire la casa ed allevare le mucche. Un uomo Masai è ricco se ha tante mogli, tanti figli e tante mucche; più mucche possiede e più mogli può desiderare. Tra bambini saltellanti e caprette che seguono i ragazzini, giungo alla Grotta della Circoncisione, luogo sacro ed intimo: qui i ragazzini, intorno a 15 anni, vengono circoncisi con un rito ancestrale e magico, senza poter versare neppure una lacrima, pena l’allontanamento dal villaggio, ed alla fine, hanno in dono il permesso di indossare, dopo un periodo vestiti di solo manto nero e con il volto truccato di bianco, il manto rosso e di poter prendere moglie.

E dopo i racconti dei Masai, mi perdo nel parco del Lake Manyara, un piccolo parco verdissimo, il cui nome ricorda la pianta selvatica che i Masai utilizzano a protezione delle loro case, con il suo lago sempre più secco ed in attesa della stagione delle piogge, con i suoi fenicotteri rosa pronti a volare verso il Lake Natron, con i suoi leoni arboricoli che si rilassano, pigri, tra le fronde degli alberi, con le sue mandrie di elefanti e di scimmiette che seguono, incuriosite, la jeep, e con gli enormi baobab che tmarii dominano dall’alto.

E dopo un verdissimo safari, di nuovo storie di vita e di tradizioni ancestrali; la mia jeep abbandona le strade principali e continua la sua avventura verso il Lake Eyasi: qui, da centinaia di anni, convivono, su in montagna, gli Hadzabe e, più in valle, i Datoga, due popoli strettamente legati tra loro ma con tradizioni e linguaggi diversi.

Gli Handzabe sono una tribù di cacciatori che, volutamente, rifugge quasi del tutto la modernità; vivono di sola caccia e dunque gli uomini trascorrono quasi tutto il giorno in giro per la montagna alla ricerca di uccelli e, se fortunati, di babbuini da cacciare mentre le donne creano oggetti, di perline e semi, da barattare al mercato, insieme al miele, con i Datoga per avere cibo e frecce per gli archi.

E’ da poco trascorsa l’alba, quando inizia la mia giornata con gli Handzabe, e nel vento freddo invernale e tra arbusti di acacie e piante selvatiche che mi impediscono il passaggio, seguo due giovani Handzabe che, avvolti nelle loro pellicce di babbuino, cacciano, con l’arco in mano e le frecce nel piccolo sacco sulla schiena.

La caccia è dura, e dopo un’ora di camminata, i giovani cacciatori, accovacciati sui talloni, si riposano e, mentre fumano del tabacco ed erba, mi raccontano, facendo schioccare la lingua contro il palato nel loro caratteristico modo di parlare, che la loro carne preferita è il babbuino mentre non mangiano né lo strisciante serpente né le iene, perché queste potrebbero cibarsi dei loro cari che, una volta defunti, non vengono sotterrati ma abbandonati tra gli alberi.

Sorride un giovane Handzabe e mi racconta che, a differenza dei Datoga, loro non sono poligami e che si sposano solo tra Handzabe e che ormai sono sempre più pochi.

Qualche ora più tardi, dopo una magra caccia, e dopo aver barattato una mia maglietta per un cestino fatto di seme di baobab e perline, sono invitata in un villaggio del popolo Datoga, fabbri e agricoltori e lì, tra canti e allegri balli, mi diverto a scattare selfie con le donne del villaggio, non più timide e sempre più curiose dell’iphone e delle fotografie.

Lascio due popoli animisti, il cui credo è nel cielo e negli elementi naturali, dai sorrisi sinceri e dalle tradizioni e storie affascinanti e mi dirigo verso il cratere più famoso al mondo, nella terra dei Masai: il Ngorongoro, Patrimonio dell’Umanità. In questo antico ed immenso cratere, il cui nome deriva dal rumore del campanaccio al pascolo delle mucche Masai, la mia jeep cammina in un ambiente naturale unico al mondo, tra zebre e gnu che brucano a pochi metri da me mentre concedo il passo a mandrie di elefanti che attraversano le strade col loro incedere lento. E poi la mia jeep si ferma, perché una leonessa riposa lungo la strada e un rinoceronte nero si nasconde tra l’alta erba piumosa.

Due giorni dopo, sono nel nord del Serengeti, a due passi dal Kenya e in una tenda da campo gonfiata dal vento. “Dopo 3 giorni di vento, nel Serengeti arriva la pioggia”, mi racconta un anziano davanti ad un fuoco da campo, mentre bevo la mia Serengeti Beer e gusto del pollo fritto. E con la pioggia (che può durare diversi mesi), arriva l’erba fresca, le piantine fuoriescono ed anche l’arido sud del Serengeti si trasforma: il suo manto giallo diventa verde e così la grande migrazione degli gnu e degli erbivori finisce il suo cerchio vitale. In agosto, quanto tutto il Sud Serengeti è solo gialla erba piumosa e savana bruciata per autocombustione (per formare il concime), per seguire la Grande Migrazione si deve andare nel Nord del parco più grande d’Africa: lì, gli gnu ed altri erbivori cercano l’acqua e l’erba da mangiare e lì, leoni e leopardi cercano la loro soddisfazione culinaria. In acqua i coccodrilli, sulla terra i grandi felini: gli gnu e le zebre più deboli ed alcuni cuccioli crollano nella Grande Migrazione, i forti ritornano nel sud Serengeti, dopo la stagione delle piogge, per completare il proprio giro vitale.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Arusha
    Diari di viaggio
    un safari in tanzania che non scorderemo mai

    Un safari in Tanzania che non scorderemo mai

    della Tanzania del Nord cucinati come una volta, davvero deliziosi!Poi la nostra guida ci ha accompagnato all’aeroporto, per tornare...

    Diari di viaggio
    tanzania... orizzonti infiniti

    Tanzania… orizzonti infiniti

    Quest’anno, festeggiando i 30 anni di matrimonio, abbiamo deciso di realizzare un sogno che ha sempre avuto mio marito: safari in Africa...

    Diari di viaggio
    karibu in tanzania e a zanzibar

    Karibu in Tanzania e a Zanzibar

    La nostra quarta Africa si materializza quest’anno dopo 2 anni di Sudamerica e prende le sembianze della Tanzania. Un viaggio accarezzato...

    Diari di viaggio
    asante sana, tanzania

    Asante sana, Tanzania

    Africa: si sente spesso parlare del "mal d'Africa", ma solo chi è stato in questo meraviglioso e, per certi versi, difficile continente sa...

    Diari di viaggio
    tanzania: avventura pura tra natura incontaminata e popoli ancestrali

    Tanzania: avventura pura tra natura incontaminata e popoli ancestrali

    La mia avventura nel nord della Tanzania inizia ad Arusha, una città africana ma dai tratti occidentali, disordinata, verdissima, e sotto...

    Diari di viaggio
    in tanzania per safari nei parchi del nord

    In Tanzania per safari nei parchi del nord

    “Mkubwa Mkundu” in Tanzania del nord - febbraio 2016Mkubwa Mkundu significa “grande culo”… perdonate il linguaggio…...

    Diari di viaggio
    la terra dei popoli

    La Terra dei Popoli

    Premessa Innamorati dell’Africa e soprattutto dell’area degli altopiani, per il terzo anno consecutivo partiamo alla scoperta...

    Diari di viaggio
    tanzania: un sogno, un viaggio

    Tanzania: un sogno, un viaggio

    Scriviamo questo diario con l’intento di lasciare una testimonianza di un viaggio assolutamente incredibile per la sua bellezza, a tutti...

    Diari di viaggio
    tanzania, viaggio alternativo e autogestito, senza passare per le agenzie

    Tanzania, viaggio alternativo e autogestito, senza passare per le agenzie

    Il viaggio inizialmente ci ha messo un po’ di apprensione, un po’ perché terra incognita, un po’ perché Africa nera, un po’...

    Diari di viaggio
    in tanzania per la grande migrazione nel serengeti...

    In Tanzania per la grande migrazione nel Serengeti…

    Siamo da poco tornati da un magnifico safari in Tanzania, 2 coppie (Gianni, Marisa, Luca e Sonia), e posso dire che è stato il viaggio...