Magnifica Umbria

Viaggio nelle più belle città della regione, un tuffo nella storia, nella spiritualità e nella natura. Quattro giorni per rigenerare anima e corpo
Scritto da: maxdonghi
magnifica umbria
Partenza il: 28/08/2015
Ritorno il: 01/09/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Da qualche tempo progettavamo un viaggio alla scoperta delle bellezze dell’Italia, dopo tanto girovagare per il mondo. Approfittando degli ultimi quattro giorni di ferie estive, a fine agosto, scegliamo come meta l’Umbria, nel cuore del nostro Paese.

Partiamo così un venerdì pomeriggio dalla provincia di Monza alla volta di Perugia: per il nostro soggiorno abbiamo prenotato un agriturismo in una piccola frazione della città, Civitella D’Arna.

Dopo un tragitto, fortunatamente senza traffico, di quasi cinque ore arriviamo a destinazione in tarda serata, quando la notte ormai calata rimanda al giorno successivo la vista dello splendido panorama sulla campagna umbra che circonda l’agriturismo “La Ginestrella”.

Sveglia di buonora, con il sottofondo del canto del gallo, e dopo un’ottima colazione ci dirigiamo verso Assisi, distante circa mezz’ora dalla struttura in cui alloggiamo. La famosa città medievale non tradisce le nostre aspettative di grande fascino e spiritualità, che si respirano in ogni suo angolo.

Lasciata la macchina poco al di fuori delle mura medievali (a fine giornata il conto del parcheggio sarà piuttosto salato!), sulla strada che porta al famoso Eremo Delle Carceri, facciamo il nostro ingresso nella città attraverso la Porta Cappuccini.

Dopo pochi metri, sulla destra, incontriamo l’Anfiteatro Romano, struttura del I secolo d.C. di cui oggi rimane solamente un arco e una distesa di erba ad occupare lo spazio interno dell’arena.

Superato l’Anfiteatro, giriamo a sinistra in Via Porta Perlici per giungere infine a Piazza San Rufino, in cui è possibile osservare l’omonima Cattedrale, Duomo della città di Assisi, dedicata la primo Vescovo della città.

Da lì proseguiamo poi verso Piazza del Comune, che rappresenta il centro cittadino per eccellenza. Di forma rettangolare, in essa è possibile trovare diversi monumenti di rilevanza storica: il Palazzo del Capitano del Popolo, oggi sede della Società Internazionale di Studi Francescani, la Torre del Popolo alla cui sommità è stata posta una Campana con l’incisione del Cantico delle Creature, il Tempio di Minerva con la facciata decorata da sei magnifiche colonne e, davanti ad esso, il Palazzo dei Priori. Merita una foto ricordo anche la Fontana, di epoca più recente, posta nella parte settentrionale della piazza.

Poco distante dalla Piazza del Comune troviamo Piazza Chiesa Nuova, rilevante soprattutto per il fatto che qui si pensa fosse collocata la casa paterna di San Francesco. Dalla Piazza, proseguendo in discesa in una stretta stradina, arriviamo all’ingresso dell’Oratorio di San Francesco Piccolino, luogo in cui si narra che il Santo sia venuto alla luce.

Torniamo in Piazza del Comune e (oggi si farà un gran camminare) proseguiamo dalla parte del Tempio di Minerva percorrendo in lungo tutta via San Francesco. Ad ogni passo si incontrano piccole Chiese e palazzi storici di memoria medievale. Ogni dettaglio che osserviamo è una sorpresa. Facciamo una piccola sosta in un negozio gestito da frati e suore missionari. Acquistati alcuni oggetti ricordo del nostro viaggio, ci aspetta il momento più emozionante della nostra giornata: la visita alla Basilica di San Francesco. La Chiesa, eretta in onore del Santo dopo la sua morte, è costituita da due diversi livelli. Arriviamo nella Piazza Inferiore, rimanendo abbagliati della splendida vista. Il caldo (a tratti caldissimo) sole di fine agosto alto nel cielo limpido fa risplendere i colori chiari dei materiali con cui essa è stata costruita. Il lungo porticato (in realtà sono due, uno per ogni lato della Piazza) ci regala un po’ di ombra e ci conduce all’ingresso della Basilica Inferiore. L’emozione è tanta, poiché in essa è contenuta la tomba del Santo, a cui accediamo dopo qualche minuto di coda tra i tanti fedeli che si accalcano sulle scale che conducono al sotterraneo con le spoglie di Francesco.

L’atmosfera della Cattedrale ci trasmette grande emozione e spiritualità, favorite anche dalla struttura dai bassi soffitti riccamente decorati e dalla luce soffusa presente all’interno. Assistiamo alla cerimonia di consacrazione all’Ordine Francescano di alcuni giovani frati, prima di salire sulla lunga scalinata che ci porta alla Basilica Superiore.

Magnifica la facciata, in stile gotico e pietra bianca, altrettanto lo è il curato prato antistante, in cui sono ricavate nell’erba la scritta “Pax” e la lettera Tau, simbolo dell’Ordine Francescano. Dopo la visita all’interno della parte superiore, completamente restaurata dopo i tragici crolli del terremoto del 1997, facciamo un rapido giro nel Bosco di San Francesco, il cui ingresso si trova esattamente al lato della Basilica. Bene restaurato dal Fai, è un percorso rilassante (anche se leggermente impegnativo) a contatto con la natura.

Una pausa pranzo è d’obbligo prima degli “appuntamenti” del pomeriggio. Ripercorriamo a ritroso via San Francesco, transitiamo nuovamente da Piazza Del Comune e, attraverso via Mazzini giungiamo alla Basilica di Santa Chiara, altra tappa imperdibile del viaggio. La piazza della Chiesa regala una magnifica vista sulla campagna umbra. Di grande spiritualità è la visita alla Cappella del Crocefisso, che si trova a metà della navata della Chiesa. In essa è contenuto il Crocefisso che, a San Damiano, parlò a Francesco segnandone l’inizio della conversione.

Dopo la visita alla Basilica, riprendiamo la macchina per percorre i quattro chilometri che ci separano dall’Eremo delle Carceri, situato sulle pendici del Monte Subasio. Vistiamo così i luoghi in cui San Francesco e i suoi seguaci si ritiravano a pregare; luoghi così densi di mistero e fascino.

Terminato il giro, dobbiamo ancora una volta risalire in macchina per le ultime due tappe di questa intensa giornata.

Scendiamo lungo la tortuosa strada che conduce alla città per arrivare alla Chiesetta di San Damiano. Fu in questo luogo che il Crocefisso parlò a Francesco illustrandogli quella che avrebbe dovuta essere la sua missione. Alla destra dell’altare si trova l’accesso al monastero delle Clarisse, in cui Santa Chiara trascorse ininterrottamente più di 40 anni della sua vita. Al piano superiore visitiamo il Dormitorio in cui la Santa morì.

Terminata la visita a San Damiano concludiamo il nostro giro facendo tappa a Santa Maria degli Angeli, città che si trova nei dintorni di Assisi. Il principale elemento di richiamo è costituito dall’omonima Basilica, uno dei maggiori edifici della Cristianità moderna. Rimaniamo impressionati dal lungo viale di accesso alla Chiesa, dall’imponente cupola e dalla statua dorata della Madonna che sovrasta la facciata (e che ci ricorda la Madunina del Duomo di Milano a noi tanto cara). Nel suo ampio e luminoso interno è custodita la Poziuncola, la piccola Chiesa presso cui Francesco era solito pregare. Stanchi, ma felici, facciamo ritorno all’agriturismo, dove ci attende un rinfrescante tuffo nella piccola piscina della struttura, seguito da un’abbondante cena a base di tipici prodotti locali.

Guarda la gallery
cultura-kvbfg

Dove nacque il Santo

cultura-jx4kr

Per le vie di Spello

cultura-7v5em

Assisi, Basilica di San Francesco

cultura-u247e

Trevi, presepe vivente

cultura-5rq4t

Campagna Umbra, campo di girasoli



    Commenti

    Lascia un commento

    Assisi: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari