La Via degli Dei, da Bologna a Firenze

Raggiungere Firenze da Bologna prendendo l'Appennino di traverso
Partenza il: 23/09/2013
Ritorno il: 28/09/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

L’Appennino preso di traverso per raggiungere a piedi Firenze da Bologna

C’era la luna la mattina che Angelo e Claudio si trovarono alla Stazione di Lecco per raggiungere Milano e da lì Bologna. Non gli sembrava vero, dato che a maggio e a giugno avevano dovuto rinviare la partenza: troppo negative le previsioni meteo di una primavera bislacca come sarebbe stata catalogata quella del 2013.

A fine settembre, invece, si era aperta una finestra di bel tempo stabile che dava coraggio e fiducia ai camminatori. Anche la mail ricevuta da Paolo Sottocorona, il meteorologo di LA7, era stata di conforto: “Che l’alta pressione sia con voi!” recitava.

E allora era arrivato il momento di preparare gli zaini con la consueta pesata e la lista delle cose indispensabili (che va a finire che è sempre pesante!) e di partire.

Elena, la figlia di Claudio, era giunta al binario per salutarli e vederli salire su un treno tipico da lunedì: affollato, con la gente in piedi e due carrozze inspiegabilmente e inopportunamente chiuse e non agibili.

Il viaggio sul Frecciarossa è decisamente più confortevole, condito dallo snobismo del viaggiatore vicino che sta leggendo “El Paìs” e al quale Claudio chiede “Scusi, cosa ha fatto il Real Madrid ieri?”. L’algida riposta che riceve è: “Questo è l’inserto culturale ed io non seguo il football”.

Alle 10,20 sono nel piazzale della Stazione di Bologna, da dove ha inizio il cammino a piedi, con lo zaino che, da subito, comincia a far sentire la sua non lieve presenza.

Le strade cittadine non sono particolarmente gradite ai viandanti: troppe auto, gente che urta lo zaino, negozi, boutiques.

Ogni tanto i due chiedono a qualcuno se è la strada giusta in direzione di San Luca. La risposta che puntualmente ottengono è: “Ma ci andate a piedi o in bus? Ma guardate che è lontano!” Alla terza risposta di questo tenore si convincono che l’aspetto di due anziani con possenti zaini alle spalle deve necessariamente suscitare questo tipo di allarmismo che, in fondo in fondo, nasconde una certa apprensione sulle loro capacità di resistenza e di affrontare la salita.

Ma alla fine spunta anche Porta Saragozza, e comincia la lunga sequela dei 666 portici e i quasi quattro chilometri di strada,con la rampa intervallata con una certa regolarità da scale di otto/nove gradini che conducono al santuario. Sulla destra si intravvede la strada che sale ripidamente, mentre sulla sinistra una parete nasconde la vista. “Cosa ci sarà mai?” si chiede Claudio. La risposta gli arriva con una lapide che recita “Mistero Quinto”. Angelo sostiene:” Ma non sarà mica una metafora politica?”.

In un paio d’ore arrivano al santuario, giusto in tempo per vedere la porta del negozio dei “ricordini” che si chiude. Dopo aver fatto provvista d’acqua iniziano la discesa che porta al Parco Talon e che prosegue nel tratto di golena sulla riva destra del Reno. Non è una strada entusiasmante, con il Reno in secca, sterpaglie, sabbia, ragnatele; non esistono piazzole o posti dove poggiare lo zaino e tirare il fiato o, men che meno, sedersi un attimo.

Guarda la gallery
Monte Adone

Monte Adone

Cimitero germanico

Cimitero germanico

Verso San Luca

Verso San Luca

Arrivo a Firenze

Arrivo a Firenze



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo Leggi i Diari di viaggio su Bologna
Diari di viaggio
Benvenuti in Umbria

Benvenuti in Umbria

Umbria 2017 in moto Eccoci tornati in sella alla nostra moto. Quest'anno ci concediamo solo 5 gg di vacanza da bikers. Destinazione...

Diari di viaggio
Bologna mordi e fuggi

Bologna mordi e fuggi

Partiamo (io e mamma) alle 8.10 da Padova con il treno regionale: direzione Bologna! Arriviamo alle 9.40 in stazione centrale ed in...

Diari di viaggio
Bologna, non solo tortellini

Bologna, non solo tortellini

Bologna, Bulåggna in dialetto bolognese, è una città ricca di tradizioni di 388.257 abitanti, capoluogo della regione Emilia-Romagna....

Diari di viaggio
Un giro a Bologna

Un giro a Bologna

Bologna la dotta, la grassa, la rossa: in questa mattina d’inverno Bologna mi accoglie nel suo ventre gelido e nebbioso; tuttavia sento...

Diari di viaggio
Copenaghen di la tranquilla e un po' di Bologna di la grassa

Copenaghen di la tranquilla e un po’ di Bologna di la grassa

COPENAGHEN: 4-6/10/2016 “Splendida, splendida Copenaghen…” recitava una canzone di qualche annetto fa ! Non sarà splendida, ma la...

Diari di viaggio
I misteri di Rocchetta Mattei

I misteri di Rocchetta Mattei

Questa nuova avventura potrebbe iniziare con “c’era una volta” o con il monologo del replicante di Blade Runner “ho viste cose che...

Diari di viaggio
Weekend in Emilia Romagna

Weekend in Emilia Romagna

Per Natale mi sono stati regalati due buoni vacanza DayDreams, con i quali a prezzi scontati si ha la possibilità di passare un weekend...

Diari di viaggio
Weekend a Bologna 2

Weekend a Bologna 2

Bologna è una città che non abbiamo mai visto ed io e Donatella decidiamo di trascorrervi un weekend. Sabato 17 ottobre Arriviamo in...

Diari di viaggio
In giro per Bologna

In giro per Bologna

Bologna è la mia città. Un giorno, recandomi in piazza Santo Stefano per girovagare per il mercato dell’antiquariato davvero appagante...

Diari di viaggio
Fuga dalla città: Dozza, Brisighella e Bologna

Fuga dalla città: Dozza, Brisighella e Bologna

31 gennaio 2015 La stagione non è particolarmente indicata, ma le previsioni per il week end di qualche settimana fa erano buone e nel...