I sogni si avverano… nella Polinesia francese

Viaggio di nozze tra Isole della Società e Tuamotu
Scritto da: gigi-1
i sogni si avverano... nella polinesia francese
Partenza il: 07/06/2011
Ritorno il: 26/06/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

GIOVEDI’ 9 GIUGNO

Si parte: destinazione Bora Bora. La vista dall’alto è mozzafiato! La laguna turchese è proprio come quella delle cartoline. All’aeroporto veniamo accolti con collane di fiori. Incontriamo Pasqual, calciatore dell’Udinese. In barca ci accompagnano all’hotel Meridien, situato in un motu. Siamo stati molto soddisfatti della posizione del resort. Sul motu il sole tramonta più tardi, l’acqua è meravigliosa e la sabbia bianca e corallina. L’isola principale non è proprio così. All’arrivo ci accolgono con una limonata e una salvietta fresca. Una ragazza che parla italiano ci accompagna alla nostra stanza: una magnifica overwater con pavimento di vetro e vista sul monte Otemanu! Categoria superiore rispetto a quanto prenotato dall’Italia (bungalow in spiaggia). Uno dei vantaggi del viaggio di nozze! Come il cestello con champagne, la borsa e la maglietta in omaggio. Ci cambiamo e facciamo subito il bagno. La nostra overwater ha la scaletta per l’accesso diretto al mare. Che meraviglia, stiamo sognando! Prima di pranzo andiamo a vedere il centro di recupero delle tartarughe marine. Come sono carine! Dopo pranzo ci rilassiamo bella nostra terrazzina. Poi un bel bagnetto e stappiamo la bottiglia. Cena a buffet e a letto presto! In questi giorni ci viene sonno verso le 18. Allora facciamo un riposino di un’ora. Peccato che poi ci svegliamo storditi! Ma poi lo prendiamo il fuso orario!

VENERDì 10 GIUGNO

Sveglia presto (non abbiamo piu’ sonno) e abbondante colazione. Le brioche e la panna montata sono eccezionali! La mattina siamo i primi ad andare in spiaggia. Che relax e che pace! Ci leggiamo il nostro libro. Poi verso le 10.30 assistiamo al pranzo delle tartarughe. Il responsabile del centro da loro da mangiare così le possiamo vedere tutte insieme. Più tardi facciamo un po’ di snorkeling nella laguna dove ci sono anche loro. Che emozione nuotare con queste graziose creature! A pranzo assaggiamo il mai mai (pesce tipico) ai ferri. Davvero ottimo. Come la coppa “Bora Bora” come dessert: mezza ananas scavata con gelato (tra cui il gusto tiaré), fragole (grosse e dolcissime) e panna montata. Che delizia! La sera assistiamo ad uno spettacolo di danze tipiche. Molto piacevole.

SABATO 11 GIUGNO

Al mattino riposo in spiaggia. Nel primo pomeriggio escursione: giro dell’isola principale in pulmino. L’isola non offre molto. E’ piuttosto spoglia. Vediamo la spiaggia di Matira che è molto piccola. Anche il famoso locale Blody Mary non ci sembra un granchè. Forse la sera fa un altro effetto. Nella capitale Vaitape non c’è molto da vedere a parte una bella chiesetta. Purtroppo mentre passeggiamo arriva un acquazzone che però passa in fretta. Nei negozi non troviamo nulla di particolare. Ci conviene fare acquisti alla boutique dell’albergo. I prezzi non cambiano e le cose sono piu’ carine. Leggendo i racconti di altri turisti eravamo preparati sull’aspetto di Bora Bora, ma ci siamo rimasti lo stesso un po’ male. Ma non potevamo non vedere l’isola principale. Secondo noi potrebbe essere valorizzata un po’ di più. Ci piace osservare le abitazioni (con i cimiteri in giardino-che cosa curiosa) i cespugli di tiaré e le palme da cocco. Siamo stati comunque soddisfatti di questa escursione, che sono sicura ci sarebbe piaciuta di piu’ se avessimo trovato un sole splendente. Comunque gli acquazzoni sono davvero brevi e dopo poco torna a splendere il sole e …. se siete fortunati come noi vedrete anche un meraviglioso arcobaleno!

DOMENICA 12 GIUGNO

Facciamo un giretto in kayak. Arriviamo alla nostra owerwater. Poi relax in spiaggia tutto il giorno più visita alle nostre amiche tartarughe. La sera riapre il ristorante più carino e ci viene assegnato un tavolo con vista sulla laguna. Che romantico!

LUNEDì 13 GIUGNO

Oggi spiaggia e snorkeling piu’ foto con tartarughe, anche in acqua! Qui in Polinesia vale la pena portare una fotocamera subacquea se ce l’avete oppure basta una semplice usa e getta come abbiamo fatto noi per immortalare le nostre esperienze sotto acqua.

MARTEDì 14 GIUGNO

Ci dispiace lasciare la perla del Pacifico, ma ci aspetta Rangiroa nelle Tuamotu dove arriviamo con volo diretto. Qui ci accoglie un ragazzo con un camioncino, che ci fa salire nel bagagliaio! Aperto eh! In pochi minuti ci porta al porto dove comincia la nostra crociera di 4 giorni a bordo del catamarano Archipels: un’avventura! I nostri compagni di viaggio sono una coppia italiana e 2 francesi. Ci servono un ottimo pranzo e poi visita al villaggio di Avatoru. Qui veniamo a contatto con la Polinesia dell’arcipelago delle Tuamotu, diversa da quella delle isole della Società. Il tempo sembra essersi fermato. La vita scorre tranquilla. Poche auto, abitazioni semplici ma carine, senza recinzioni. Negozietti che vendono un po’ di tutto. Simpatici cani girano indisturbati per le strade. Conosciamo un tipo strano che ci invita a vedere la sua collezione di quadri. Un po’ in inglese, un po’ in francese ci fa capire che la sua galleria d’arte si trova sotto acqua (under water) e ci mostra alcune immagini al computer. I suoi quadri sono in stile Picasso. Sicuramente non cio’ che voglio portare a casa dalla Polinesia, per cui, a fatica (non ci molla più!), salutiamo e torniamo al porto dove ci aspettano gli altri per tornare al catamarano. Dopo un’ottima cena, alle nove siamo già in cabina. Dall’oblo’ sopra il nostro letto una magica luna piena ci augura la buona notte.

MERCOLEDI’ 15 GIUGNO

Sveglia all’alba. Alle 6.30 siamo tutti a tavola per la colazione. Poi 6 ore di navigazione con destinazione Tikehau. Il mio stomaco è messo a dura prova! Per fortuna le Travelgum mi sono di aiuto. Nonostante questo è una sensazione unica vedere l’infinita distesa dell’acqua blu dell’oceano. Il vice capitano pesca un colorato Mai Mai, che gusteremo la sera a cena. Finalmente avvistiamo terra ed entriamo nella laguna di Tikehau. Facciamo un bagno rigenerante nelle sue acque cristalline. Ci guardiamo intorno e ci sembra di sognare. Dopo pranzo visitiamo la spiaggia rosa la cui sabbia corallina è davvero di colore rosato. Il vice capitano ci mostra come si apre una noce di cocco. Ne beviamo il latte e lo gustiamo: delizioso! In questa isola ci sono tantissimi paguri. Li fotografo e li filmo. Come sono simpatici! Decisamente meno lo sono invece i “cetrioli di mare” che vediamo in acqua dal gommone mentre torniamo alla barca. Apro una parentesi. Fate attenzione quando prenotate gli alberghi. In alcune zone ce ne sono parecchi a riva e in acqua e siccome fanno proprio schifo rischiate di rovinarvi la vacanza. Per cui affidatevi a un’agenzia di viaggio seria e leggete le varie recensioni sugli alberghi. Noi non abbiamo avuto problemi: acqua splendida in tutti i resort. Dopo una doccia ci rilassiamo osservando un tramonto infuocato. Le foto che facciamo sembrano dei fotomontaggi! Dopo cena tutti si ritirano nelle loro cabine. Noi invece restiamo fuori ancora un po’ e facciamo alcune foto al chiaro di luna e poi a nanna. Abbiamo fatto “tardi” sono già là.

Guarda la gallery
cultura-yt33b

MERCATO DI PAPETE

cultura-ay6ap

ARCOBALENO

cultura-y21ks

OVERWATER BORA BORA

cultura-9548w

ISOLA DELL'EDEN

cultura-95t3y

COLAZIONE

cultura-vd7ku

PAGURO

cultura-teq3t

TIKI VILLAGE

cultura-pwq2q

ISOLA DI TAHA'A

cultura-eduea

TARTARUGA

cultura-8u1pv

BORA BORA

cultura-hmh5m

TRAMONTO IN CROCIERA

cultura-862c2

ARRIVO IN AEROPORTO

cultura-pyumg

TAHA'A

cultura-pqh48

TAHA'A

cultura-rje3r

ISOLA DELL'EDEN

cultura-9ky2x

CROCIERA

cultura-9s7qw

BORA BORA



    Commenti

    Lascia un commento

    Bora bora: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari