Cina e Giappone, il fascino di due imperi

PREMESSA "Signori imperadori, re e duci e tutte altre genti che volete sapere le diverse generazioni delle genti e le diversità delle regioni del mondo, leggete questo libro dove le troverrete tutte le grandissime maraviglie e gran diversitadi delle genti d'Erminia, di Persia e di Tarteria, d'India e di molte altre province". Così Marco Polo...
 
Partenza il: 13/06/2008
Ritorno il: 07/07/2008
Viaggiatori: fino a 6

PREMESSA “Signori imperadori, re e duci e tutte altre genti che volete sapere le diverse generazioni delle genti e le diversità delle regioni del mondo, leggete questo libro dove le troverrete tutte le grandissime maraviglie e gran diversitadi delle genti d’Erminia, di Persia e di Tarteria, d’India e di molte altre province”. Così Marco Polo iniziava il suo “Milione”. Noi, molto più modestamente, da anni fantasticavamo di un viaggio in Cina e Giappone. E tutti i sogni si infrangevano sul famoso detto: “I cinesi mangiano ogni cosa che abbia quattro gambe tranne i tavoli”. Con due ragazzi al seguito, Manu e Simone (14 e 12 anni), il temuto impatto con la gastronomia orientale ci aveva a lungo trattenuto. Poi a ottobre 2007, la notizia bomba arrivò via e-mail. Costa Crociere, dopo aver inviato la “Allegra” in quei mari esclusivamente per il pubblico cinese, aveva deciso di organizzare anche crociere per gli occidentali. E, tra le altre proposte, spiccava l’itinerario poi scelto, con partenza il 22 giugno: 14 giorni con tappe a Keelung, Naha-Okinawa, Kobe-Tokyo-Nakasaki,Cheju-Tjanjin.

L’occasione ghiotta (la cucina a bordo è italiana) veniva subito concretizzata con la prenotazione di una mini-suite. A quel punto non si poteva resistere alla tentazione di far precedere la crociera da un tour a terra (tappe Pechino, Xi’An, Shanghai e arrivo a Hong Kong) di una settimana. Quel che segue è il racconto del viaggio e delle “grandissime maraviglie e diversitadi” che abbiamo visto.

VERSO LA CINA Dopo varie consultazioni di cataloghi e siti, la scelta è caduta su Chinasia per un tour personalizzato: avremo in Cina un pulmino privato con autista e guida parlante italiano in ogni tappa, con transfer, visite e hotel 5 stelle. D’altronde, per il mese di giugno non c’erano tour di gruppo in data utile, e (con una scelta che si è rivelata decisiva), abbiamo voluto evitare il prolungamento a luglio: in quella zona, e in Giappone, c’è infatti il mese delle piogge. La partenza è da Fiumicino alle 20,10. Arriviamo con una coincidenza pomeridiana da Palermo (finalmente niente viaggi che cominciano all’alba…) e al check-in un’impiegata italiana ci sistema tutti insieme in una fila da quattro. Dopo due ore di attesa supplementare per un ritardo, finalmente a bordo per affrontare le 11 ore di volo (all’arrivo 6 ore di fuso orario). L’aereo Air China è un Airbus nuovo di zecca, ognuno di noi ha un televisorino con telecomando, i sedili – per essere in economy – sono abbastanza larghi e comodi. Le hostess parlano cinese e inglese, sono gentili e subito presenti appena si suona il campanello. Periodicamente, puliscono persino i bagni. Come cena, ci servono una sorta di “spezzatino” che divide la famiglia, come accadrà spesso durante il viaggio: Manu ne fa a meno; io, Maria e Simone lo troviamo tutto sommato decente. Film e programmi sul televisorino sono tutti in cinese e inglese. La notte passa rapida con la parte finale del “Signore degli anelli” e Gollum che sibila nel buio “Treassure, my treassure”…

LA MAESTOSA PECHINO Arriviamo intorno alle 14, ora di Pechino, nel terminal C dell’aeroporto: è nuovo di zecca, appena finito per le Olimpiadi, su progetto di Sir Norman Foster (quello del palazzo-proiettile di Londra). L’impatto è davvero eccezionale: visto dall’alto ricorda un drago e il parcheggio coperto lì davanti sembra il guscio di una tartaruga. Osservato dall’interno, il soffitto spiovente dà una visione avvolgente dell’enorme area (1,3 milioni di mq) e tanti archi metallici luccicano su un fondo rosso-arancione (le squame del drago?).

Riprendiamo le valigie, controlli veloci e all’uscita incontriamo la nostra guida, Chang Ching (o qualcosa del genere). È una giovane magrolina e occhialuta di 25 anni che ha studiato 10 mesi a Perugia e parla un buon italiano. I genitori le cambiarono il nome da piccolina perché piangeva sempre: quello attuale significa infatti Serena. Come fanno le guide cinesi, ci invita quindi a chiamarla con il nome italiano.

Il nostro albergo, il Crowne Plaza, è in centro, sulla via Wangfujing, isola pedonale e piena di negozi, a poca distanza dalla piazza Tienanmen. Dopo tante paure e incertezze, è valsa la pena puntare sul circuito 5 stelle, visto anche che c’era soltanto una leggera differenza di prezzo rispetto al 4. L’hotel è infatti elegantissimo, nella grande hall ci sono persino due ascensori panoramici e sembra …Una nave da crociera. Abbiamo due camere vicine, sullo stesso piano, pulizia e servizio sono impeccabili. All’ultimo piano c’è il centro benessere e la piscina coperta. Unico neo: l’acqua dai rubinetti non è potabile e non lo sarà in nessun altro hotel cinese. Accanto al lavandino si trovano due bottigliette di minerale, evidentemente per almeno lavarsi i denti senza troppi rischi.

Chiediamo alla guida e ci spiega che è questa la normalità: anche a casa sua devono bollire l’acqua dei rubinetti prima di poterla usare per scopi alimentari ed è così un po’ dovunque a Pechino.

Ci informano anche degli orari anticipati dei pasti in Cina: il pranzo (cinese, in corso di escursioni) sarà sempre intorno a mezzogiorno, la cena (col tour operator si è concordato che si tratti di buffet internazionali) dalle 18 in poi. Siamo ormai a ridosso dell’orario e, stravolti dal fuso orario e dalla fame (per il nostro stomaco è mezzanotte), ci presentiamo al ristorante dell’albergo. Il buffet è davvero all’altezza: c’è il sushi ma anche salmone, gamberoni e cozze. Ci sono i piatti cinesi ma si possono chiedere bistecche o pesce alla griglia e il cuoco le prepara all’istante. Gran tavolo di dolci e persino la fontana di cioccolato dove intingere pezzetti di frutta. Guardo i miei due figli con gli occhi che brillano e finalmente penso che possiamo rilassarci…

Dopo cena facciamo prenotare alla guida i biglietti per uno spettacolo di kung-fu in un teatro. La sorpresa positiva è il costo del taxi: tragitti di andata e ritorno di circa 20 minuti, spesa in totale 32 yuan (l’equivalente di 3 euro e venti centesimi). Abbiamo posti in terza fila e lo spettacolo è molto simpatico: in scena più di 30 ballerini acrobati. Il più bravo è anche capace di stare in equilibrio su una spada o di infrangere, con una testata, tre lastre di marmo. Da questa mossa nasce l’urlo che sarà il tormentone del nostro viaggio: UATTOO’…



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cina
    Diari di viaggio
    viaggio in cina 2019 nella terra del dragone con itinerario classico pre covid

    VIAGGIO IN CINA 2019 NELLA TERRA DEL DRAGONE CON ITINERARIO CLASSICO PRE COVID

    ​Era un pò di tempo che era nei miei pensieri di visitare le attrazioni più importanti della Cina, ma visto che è ancora un paese...

    Diari di viaggio
    10 giorni in cina secondo il classico itinerario da principianti

    10 giorni in Cina secondo il classico itinerario da “principianti”

    Informazioni pratiche: TRASPORTI: voli prenotati online con Opodo acquistati a inizio marzo per il periodo di aprile: andata con Austrian...

    Diari di viaggio
    cina fai da te? certo che si può fare!

    Cina fai da te? Certo che si può fare!

    Dopo anni di viaggi in Asia, la Cina era ancora una destinazione chiusa nel cassetto.. ma la primavera 2019, con un fantastico ponte da...

    Diari di viaggio
    la via della seta ed altri percorsi

    La Via della Seta ed altri percorsi

    Ogni viaggio è una storia a sé, lo sappiamo tutti. Non è detto che la stessa destinazione rappresenti per tutti lo stesso arrivo, non...

    Diari di viaggio
    una settimana di cina classica e 3 giorni ad hong kong

    Una settimana di Cina “classica” e 3 giorni ad Hong Kong

    I giorni da dedicare alla Cina "classica" - Hong Kong esclusa - erano davvero pochi, ma sarebbero stati sufficienti per avere una buona...

    Diari di viaggio
    la via della seta a modo nostro
    Fef

    La Via della Seta a modo nostro

    L’Asia rappresenta sempre una grande attrattiva per noi e per le nostre vacanze abbiamo scelto di visitare una parte della Cina. Questo...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: tappa nello yunnan

    Overland Italia Australia: tappa nello Yunnan

    Continua il mio viaggio e la raccolta fondi per una organizzazione che si occupa dei bimbi meno fortunati, potete trovare i dettagli nella...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: arrivo a shanghai

    Overland Italia Australia: Arrivo a Shanghai

    Il volto della Cina del XXI secolo, l'ho colto pienamente viaggiando sul "Bullet train" a più di 350 KM/h da Pechino a Shanghai. La Cina...

    Diari di viaggio
    le meraviglie di guangxi e hunan

    Le meraviglie di Guangxi e Hunan

    L’anno scorso, durante il viaggio nel nord-ovest della Cina lungo la Via della Seta, un compagno di viaggio mi parlava delle bellezze...

    Diari di viaggio
    overland italia australia: ritorno a pechino

    Overland Italia Australia: ritorno a Pechino

    Ero già stato a Pechino nel '93 alla fine di un viaggio sulla "Via della Seta" e ora la rincontro alla conclusione della Trasmongolica. Mi...