Alla scoperta dell'Uzbekistan

In cammino tra i bazar, i colori e i luoghi sacri del Paese

  • di steve63
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Introduzione

Noi e l’Uzbekistan. Il desiderio di visitare quelle lande sconfinate battute in passato da antiche carovane, si è fatto strada in noi a piccole dosi negli ultimi anni. Non è stata un’infatuazione dell’ultimo momento insomma.

La prima scintilla ce la fece scoccare la spedizione n°4 di Overland. Eravamo ad inizio millennio e da pochi anni le repubbliche dell’Asia centrale avevano riconquistato l’indipendenza dopo lo sgretolamento dell’Unione Sovietica. Grazie ai reportage girati dalla troupe guidata da Beppe Tenti, avevamo visto con i “nostri” occhi luoghi che fino a quel momento avevano trovato spazio solo nel nostro immaginario.

La spedizione n°10, effettuata nel 2005 in bicicletta anziché con i tradizionali camion color arancione, non fece altro che confermare quelle che erano state le nostre prime impressioni.

La spinta definitiva arrivò il 21 Giugno 2008. Eravamo in volo da Roma ad Hong Kong, stavamo comodamente seduti sui sedili di un Boeing della Cathay Pacific quando il navigatore di bordo evidenziò la città di Bukhara sulla nostra rotta. La lettura di quel nome fece riemergere il “segnalibro” che avevamo inserito nella wish list dei nostri desideri e da quel momento iniziammo a raccogliere informazioni con lo scopo di concretizzare il progetto.

LETTURE:

Il Milione, di Marco Polo

Buonanotte, signor Lenin, di Tiziano Terzani

Il Grande Gioco, di Peter Hopkirk

DOCUMENTARI:

Overland spedizione n°4: La nuova Via della Seta

Overland spedizione n°10: In bici lungo la Via della Seta

PROGETTAZIONE DEL VIAGGIO:

Il viaggio è stato pianificato sulla base di informazioni raccolte in Internet. A livello pratico (orario dei treni e dei voli interni, tariffe degli hotel e di altri servizi) ci sono stati d’aiuto i siti web di alcune agenzie di viaggio uzbeke, mentre per la stesura dell’itinerario vero e proprio ci siamo basati sui racconti pubblicati nei portali Turisti per Caso e Ci Sono Stato. Con alcuni viaggiatori, inoltre, siamo stati in contatto diretto per specifiche richieste.

Stanziato il budget a nostra disposizione, fissate le date, acquistati i biglietti dei voli intercontinentali attraverso il call center della Turkish Airlines, non ci restava che prenotare il volo interno e trovare gli alloggi più adatti alle nostre esigenze. L’abbiamo fatto contattando direttamente i proprietari delle strutture ricettive via e-mail ed avvalendoci della consulenza dell’agenzia Advantour per l’acquisto di alcuni servizi (hotel a Tashkent e biglietti del volo interno).

GUIDA: Lonely Planet – Asia centrale

PERIODO: Da venerdì 27 luglio a mercoledì 8 agosto 2012

PARTECIPANTI: Stefano, Elisabetta e Riccardo

VOLI:

Venezia Marco Polo – Istanbul Ataturk (operato da Turkish Airlines, 2 ore e 25 minuti di volo)

Istanbul Ataturk – Tashkent Vostochny (operato da Turkish Airlines, 4 ore e 35 minuti di volo)

Tashkent – Urgench (operato da Uzbekistan Airways, 1 ora e 40 minuti di volo)

Tashkent Vostochny – Istanbul Ataturk (operato da Turkish Airlines, 4 ore e 45 minuti di volo)

Istanbul Ataturk - Venezia Marco Polo (operato da Turkish Airlines, 2 ore e 30 minuti di volo)

MEZZI DI TRASPORTO: Per calarci meglio nella vita quotidiana della gente del posto abbiamo deciso di utilizzare la metropolitana per girare Tashkent, mentre per spostarci da una città all’altra abbiamo optato per i treni ed i taxi

  • 24009 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. steve63
    , 27/8/2013 12:28
    Update 1 Agosto 2013: sulla pagina Facebook In Viaggio con Ricky abbiamo ricevuto la testimonianza di una viaggiatrice (grazie Francesca) che ci segnala l'apertura della nuova strada che collega Khiva con Bukhara.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social