Fine dicembre in Tunisia

Itinerario: 24 Dicembre: Milano – Tozeur 25 Dicembre: Tozeur – Chott el Jerid – Douz 26 Dicembre: Douz – Matmata – Ksar Haddada – Tataouine 27 Dicembre: Tataouine – Ksar Ouled Soltane – Ghomrassen – Ksar Ghilane 28 Dicembre: Ksar ...

  • di imperodelleluci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Itinerario:

24 Dicembre: Milano – Tozeur 25 Dicembre: Tozeur – Chott el Jerid – Douz 26 Dicembre: Douz – Matmata – Ksar Haddada – Tataouine 27 Dicembre: Tataouine – Ksar Ouled Soltane – Ghomrassen – Ksar Ghilane 28 Dicembre: Ksar Ghilane – Chenini – Tataouine – Djerba 29 Dicembre: Djerba – Gabès – Kebili – Tozeur 30 Dicembre: Tozeur – Oasi di Montagna – Tozeur 31 Dicembre: Tozeur – Milano

Costi a persona (su base viaggio per 4 persone):

Volo di linea Milano-Tozeur con Tunisair: 110,00 € Noleggio auto per 5 giorni con Avis: 90,00 € Noleggio jeep Ksar Ghilane: 60,00 € Hotel 7 notti in stanza doppia b&b: circa 300,00 € Totale: circa 650,00 € compresi gli extra

Consigli & informazioni:

Per la Tunisia non serve alcun tipo di visto, è sufficiente un passaporto in corso di validità qualora si opti per un viaggio fai-da-te come nel nostro caso. In caso di viaggio organizzato è sufficiente la carta d’identità.

Durante l’inverno, contrariamente al nord del Paese, che comunque gode di temperature più miti dell’Italia, il sud della Tunisia offre l’occasione di riuscire a sfoggiare abbigliamento estivo durante il giorno e primaverile di sera.

Devo puntualizzare che noi siamo stati particolarmente fortunati godendo di una trentina di gradi di giorno, ma solitamente le temperature non scendono comunque mai sotto i 20°C.

Di notte invece le temperature si abbassano notevolmente soprattutto nelle zone desertiche dove oscillano tra i 5°C e i 15°C, ma a meno che non si dorma in tenda non ce se ne accorge più di tanto.

Se si opta per qualche notte nel deserto o in hotel di categoria media, consiglio vivamente di portare un sacco a pelo: è senz’altro utile sia per non patire il freddo in tenda (anche nel caso in cui si dorma in tende riscaldate), sia perché la pulizia di lenzuola e coperte non sempre è impeccabile.

A meno che non temiate i disturbi di stomaco e non siate particolarmente schizzinosi, consiglio di prenotare un hotel in mezza pensione: purtroppo nella maggior parte delle città visitate i ristoranti sono davvero spartani e poco puliti, sempre se ci sono, per cui per non farci passare l’appetito abbiamo dovuto optare per le cene a buffet proposte dagli hotel dove dormivamo: la qualità non è eccellente ma comunque discreta e la quantità non manca.

Noi abbiamo utilizzato la Lonely Planet ma devo segnalare che ci sono alcune imprecisioni: hotel mediocri spacciati per eccelsi e viceversa, ristoranti consigliati in realtà davvero raccapriccianti, strade asfaltate che non lo erano e viceversa, per cui consiglio di non fare affidamento sulla sola guida.

Qualsiasi cosa vogliate acquistare, armatevi di santa pazienza e contrattate, contrattate, contrattate!!! Non abbiate paura di organizzare questo viaggio fai-da-te: le strade sono per la maggior parte asfaltate e percorribili senza alcun problema anche con auto normali (noi avevamo una Fiesta in 4 carica di bagagli). La visita ad alcuni Ksour e la pista da Tataouine a Ksar Ghilane vi costringeranno a noleggiare una 4x4, ma se lo fate per un paio di giorni chiedete alla vostra guida di accompagnarvi anche nei Ksour più impervi durante il tragitto in modo da sfruttare al massimo il mezzo (anche perché il costo è considerevole, circa 250 € per 2 giorni).

Consiglio di portare scarpe comode, magari da trekking, perché per alcune escursioni potrebbero rivelarsi molto pratiche.

I luoghi:

Tozeur: piccola cittadina con vari ristoranti e negozietti per turisti. Se non fosse per la quantità di automobili che vi circola, gli sportelli bancomat e qualche insegna luminosa, sembrerebbe davvero un paesino d’altri tempi. Un pomeriggio è sufficiente per visitarla e non è niente di speciale. Il nostro hotel era l’El Mouradi Tozeur: bella struttura, belle le piscine esterna e interna, discreto il buffet, pulizia sommaria, occhio al conto finale: se non controllate cercano di fare i furbetti e considerando che non è un hotel proprio economico è meglio fare attenzione! Douz: La strada da Tozeur a Douz attraversa lo spettacolare lago salato del Chott el Jerid, una distesa di sale su cui passa una strada asfaltata. Consiglio di vederlo sia col sole che al tramonto e di parcheggiare a lato della strada in diversi punti per ammirare i colori che cambiano con la luce. Un’emozione incredibile. Douz è una cittadina simile a Tozeur per quanto riguarda le strade principali, ma vanta una sorta di souk molto carino dove acquistare a prezzi ragionevoli ceramiche, sciarpe e oggetti d’artigianato. Divertente l’escursione nel deserto coi quad che si possono affittare contrattando strenuamente nella zona turistica. Hotel Sahara Douz: bella struttura, bella piscina esterna, niente di che l’hammam, discreto buffet, pulizia impeccabile, ottimo rapporto qualità/prezzo

Annunci Google
  • 12924 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social