Vacanza nel sud della Tunisia: benvenuti alla fine del mondo

Appunti di viaggio, brevi consigli e qualche curiosità su Djerba e il Sahara tunisino
 
Partenza il: 27/05/2013
Ritorno il: 03/06/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Appena rientrato in Italia da una riuscitissima vacanza in Tunisia. Lascio un’immediata impronta di viaggio sul web, anche per non perdere il retrogusto di alcuni luoghi che, sicuramente, non svaniranno dalla mia memoria come le impronte sulla sabbia spazzate via dal vento del Sahara.

Mi scuso se alcuni dei riferimenti contenuti in queste note non saranno corretti, ma li riporto così come si sono impressi nella mia mente.

Identikit e programma

Coppia di mezza età, senza figli. Abbiamo viaggiato un po’, soprattutto in Europa, ed eravamo alla disperata ricerca di sole (dopo un anno di pioggia ininterrotta, non se ne poteva più), mare, relax, con qualche stimolo culturale che cerchiamo sempre di garantirci in ogni viaggio programmato.

La nostra scelta è ricaduta sulla Tunisia, e sull’isola di Djerba, che ci sembrava possedere tutti i requisiti richiesti. Il periodo (fine maggio-inizio giugno), inoltre, ci consentiva di abbinare la vacanza al mare con la visita al deserto tunisino senza particolari sofferenze (in particolare da parte della mia dolce metà, più a suo agio con il polo nord che con l’equatore).

La scelta si è rivelata azzeccatissima: abbiamo fatto tutto senza versare una stilla di sudore. Magnifico!

Per il relax ci siamo affidati, diversamente dalle nostre precedenti esperienze di viaggio, a Veratour, ed al suo villaggio a Djerba. Anche questo ha funzionato alla perfezione. Complimenti!

Voli

Dovevamo partire da Verona, poi da Bergamo, infine il tour operator ci ha dirottati su Bologna. Volo d’andata Neos con decollo alle 8.00; alzataccia da record quindi (siamo partiti da casa alle 3.15 a.m.) ma in compenso, per la vista dell’alba sull’autostrada non ci è stato chiesto nulla, non essendo inclusa nel pacchetto…

Volo di rientro dopo una settimana con Nouvelair alle 15.05.

Ci è andata bene. Tutto in perfetto orario, sia all’andata che al ritorno (quest’ultimo, anzi, in anticipo sull’orario previsto).

Abbiamo penato un po’ con i bagagli all’andata, visto che Neos ha controllato anche il peso del bagaglio a mano (è la prima volta che mi capitava). Dopo una breve quanto convulsa risistemazione (dovrei dire rivoluzione…) dei bagagli sulla pesa, siamo riusciti a passare indenni al check-in.

La cosa, però, ci ha condizionati per il volo del ritorno. O meglio, ha condizionato me, attento a non acquistare souvenir troppo pesanti che non sarebbero passati al controllo di rito al ritorno; non ha condizionato, invece, mia moglie che, tra tutti i souvenir in vendita, ha naturalmente optato per dei macigni di piastrelle a mosaico acquistate a Djerba.

Fortunatamente Nouvelair mi è sembrata più tollerante sul punto: sui leggeri sforamenti del bagaglio da stiva ha chiuso un occhio, mentre li ha chiusi entrambi sui bagagli a mano (divenuti, per i motivi di cui sopra, due blocchi di roccia durissima che ci hanno procurato dolori ai polsi e alle spalle per i giorni a seguire; per non parlare della sfilza di marsupi e tracolle varie appese sul mio corpo stile Rambo (avete presente un albero della cuccagna semovente?).

Comunque, entrambe le compagnie hanno servito una bevanda e un tramezzino gratis durante il volo. Ottime le manovre dei piloti, sia al decollo che all’atterraggio.

Sistemazione

Come detto, abbiamo optato per il villaggio Veraclub presso lo Yadis Thalasso & Golf di Djerba. Per la verità l’hotel vive di vita propria, avendo clienti al di fuori dell’organizzazione Veratour, soprattutto francesi, tedeschi e qualche tunisino, ma il 90% dei villeggianti è italiano con braccialetto azzurro (non essendo avvezzo a questo tipo di vacanza, ho scoperto essere il segno di riconoscimento dei clienti Veraclub per ottenere il servizio all-inclusive. Veramente drammatico il momento del taglio del medesimo braccialetto al rientro in Italia: un cordone ombelicale tra l’eden e il “purgatorio virante all’infernale” quotidiano!).

L’hotel è molto ampio e vario. Dispone di una grande e bella piscina all’aperto con acqua a temperatura ambiente, e di una più ridotta piscina interna per le giornate inclementi (quando?). Inoltre vi è un centro benessere molto curato e dalle architetture moresche con altra piscinetta dotata di idromassaggi. Non posso dare giudizi sulla spa avendola ignorata per tutta la settimana, in altre faccende affaccendato. L’abbiamo visitato in extremis, l’ultima mattina prima di ripartire, e l’ambiente intriso di profumi ammalianti, unito all’avvenenza di alcune massaggiatrici intraviste, devo dire che mi hanno fatto mordere le labbra. See you next time.

Le camere ci sono sembrate adeguatamente spaziose e pulite. Nel servizio all-inclusive è compreso l’utilizzo, oltre che dei bar a bordo piscina e sulla spiaggia, delle bevande nel frigo-bar interno alla stanza. Le bottigliette vengono poi reintegrate la mattina seguente, con una certa discontinuità (praticamente a giorni alterni).

La cucina dell’hotel ha passato l’esame di mia moglie, estremamente esigente al riguardo. Cuoco italiano, cucina mediterranea, con innesti di gastronomia locale, assolutamente in linea con i nostri gusti. Molta varietà e buona qualità. Quindi voto molto alto.

Animazione

Credo di averlo anticipato, non siamo avvezzi ai villaggi turistici. Abbiamo sempre viaggiato in coppia, e le amicizie ce le siamo fatte sul posto. Non abbiamo perciò mai sentito l’esigenza di un servizio di animazione. Ed in effetti non ne abbiamo usufruito, avendo snobbato praticamente tutte le iniziative che quei poveri e volenterosi ragazzi ci proponevano con ammirevole abnegazione. Con qualche eccezione: ho trovato utilissima la presenza di un ragazzo (Tomas) sempre disponibile a palleggiare sui campi da tennis (due in cemento e due in terra rossa), cosa che mi è mancata tante volte che mi son dovuto portare la racchetta in viaggio e l’ho dovuta poi riportare a casa “intonsa”; bravo, inoltre, l’istruttore di tiro con l’arco, che ci ha fatto apprezzare questo gioco. Pardon, questo sport (scusa, Darius!).

Al di là delle nostre preferenze, comunque, il gruppo di ragazzi dell’animazione si è mosso, a mio parere, molto bene, senza essere invadente e con simpatia, per cui dobbiamo rivedere il nostro personale giudizio sul servizio di animazione in senso favorevole. Complimenti, quindi, a tutti i ragazzi, anche a quelli il cui nome non finisce per “s”…

Guarda la gallery
algeria-wzat3

museo di Guellala

algeria-s3duj

ghorfas di Medenine

algeria-bfsbg

mare di Djerba

algeria-vzj67

oasi di montagna di Chebika

algeria-5wx8b

dune nel sahara grande erg

algeria-jhb1w

dromedari nel sahara

algeria-s72ys

grande lago salato Chott El Jerid



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Algeria
    Diari di viaggio
    una vicina sconosciuta: l’algeria!

    Una vicina sconosciuta: l’ALGERIA!

    E se vi dicessi Nordafrica? A cosa pensereste? Alle Piramidi d’Egitto? Alla Medina di Tunisi? Alle Concerie di Fes, in Marocco? Eppure...

    Diari di viaggio
    marocco, prima tappa: in viaggio da fes a taza

    Marocco, prima tappa: in viaggio da Fes a Taza

    Marocco: dall’estremo Nord lungo le coste battute dal vento tra il Mare Mediterraneo e l’Oceano Atlantico, all’estremo Sud Orientale...

    Diari di viaggio
    madagascar settentrionale e isole

    Madagascar settentrionale e isole

    Il nostro viaggio in Madagascar inizia a febbraio 2014 con la progettazione dell’itinerario e la richiesta dei preventivi. Viaggeremo in...

    Diari di viaggio
    vacanza nel sud della tunisia: benvenuti alla fine del mondo

    Vacanza nel sud della Tunisia: benvenuti alla fine del mondo

    Appena rientrato in Italia da una riuscitissima vacanza in Tunisia. Lascio un'immediata impronta di viaggio sul web, anche per non perdere...

    Diari di viaggio
    i berberi pastori e guerrieri tra il deserto e il mare

    I berberi pastori e guerrieri tra il deserto e il mare

    Un volo da Roma per Algeri, cambio con un altro volo per Batna, e finalmente siamo arrivati nella regione dell'Aures, in Algeria. Mentre...

    Diari di viaggio
    diario vintage di un tour del sahara autogestito

    Diario “vintage” di un tour del Sahara autogestito

    Questo diario era scritto su un quaderno a quadretti e mentre lo trascrivevo su Pc ho rivissuto momenti splendidi. Allora non c'erano le...

    Diari di viaggio
    reportage dal mali

    Reportage dal Mali

    Prima parte L’Africa, là dove c’è una mano…Conosco quest’associazione da un’amica, un pomeriggio, due chiacchiere mentre...

    Diari di viaggio
    nel sahara con i tuareg

    Nel Sahara con i Tuareg

    L'Algeria richiama alla memoria, specie dei meno giovani, eventi tragici di guerra, di massacri, di caccia all'uomo... In comune con tutti...

    Diari di viaggio
    andata e ritorno dal paradiso

    Andata e ritorno dal Paradiso

    16 giugno ore 17,00, siamo in volo per Roma, tutto OK. Ore 22,30, aeroprto di Roma il volo per Nosy be non parte in orario. Ore 1.00...

    Diari di viaggio
    sahara algerino, silenzio e pace regnanano sovrani

    Sahara algerino, silenzio e pace regnanano sovrani

    Era da tempo che desideravamo fare un viaggio nel cuore del Sahara ma, non potendo optare per la Libia a causa dell’impossibilità di...

    Video Itinerari