Istanbul, Damasco, Giordania e la maledizione di Petra!

Viaggio fra i tesori del Medio Oriente. Siamo passati dalla storia, alla religione, al mare, alla montagna e al deserto, un assaggio di tutto ciò che questa terra ha da offrire.

  • di minerva
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Questa vacanza non nasce sotto i migliori auspici.

È un’impresa trovare un tour della Giordania che tutti approvano, alla fine la rosa si restringe a due proposte: solo Giordania o Damasco e Giordania.

Il risultato del referendum indetto ci porta a prenotare il tour “Damasco e i Tesori della Giordania” con NBTS Viaggi, un tour operator di Torino che non stampa cataloghi in cartaceo ed è reperibile solo su internet al sito www.nbts.biz; i documenti di viaggio vengono spediti con corriere.

Siamo in sette (così crediamo) e prenotiamo il tour individuale in pensione completa per evitare le lungaggini della divisione delle spese ad ogni pranzo, al costo totale di 1.950,00 euro circa.

Per tour individuale si intendono servizi di guida parlante italiano e mezzo di trasporta con autista ad uso esclusivo per il nostro gruppo.

La partenza è fissata per l’8 agosto da Milano Malpensa direzione Damasco con la Turkish Airlines e scalo ad Istanbul in andata e ritorno, il rientro è per il 15 agosto.

Strada facendo una persona si ritira, dobbiamo chiedere il ricalcolo delle quote all’agenzia e piuttosto velocemente perché è ora di saldare; per la semplificazione dei servizi spostano la visita di Damasco dall’ultimo al secondo giorno ma non è assolutamente un problema; lo è invece l’annullamento del volo IST-DAM del pomeriggio e la nostra assegnazione al successivo volo notturno: si parte da Malpensa alle 6.45 per arrivare ad Istanbul alle 10.35 locali e si riparte alle 23.35 con arrivo a Damasco alla 1.35, in pratica non si dorme per oltre 24 ore!

Alla fine tra sbattimenti, ritirati, mancati sostituti, dubbi e incertezze partiamo in sei per quest’avventura mediorientale.

Siamo Daniela, Luigi, Marco, Nino, Pietro e Roberta: ignari di ciò che ci attende…

8 AGOSTO 2010 (ISTANBUL)

Arriviamo puntuali ad Istanbul alle 10.35, lo scalo è di 13 ore così lasciamo l’aeroporto Atatürk e con la metro fino a Zeytinburnu e poi col tram sino a Beyazit arriviamo nel centro della capitale dell’Impero Romano d’Oriente.

Trascino il gruppo nel caldo afoso per Divan Yolu Caddesi, passiamo davanti alla Colonna bruciata e arriviamo nel cuore di Sultanahmet.

Prima tappa è la Moschea Blu, Roberta ed io con il capo coperto dal velo siamo i soggetti preferiti delle foto dei nostri compagni di viaggio e ancora non sappiamo cosa ci attende in Siria.

È già ora di pranzo e guido tutti al Ristorante Divane dove ero già stata in una precedente visita della città e come da previsione restano soddisfatti del cibo e del servizio.

Ripartiamo con la visita di Santa Sofia e della Cisterna Basilica, poi costeggiamo sempre a piedi le mura del Parco Gülhane e seguendo le rotaie del tram arriviamo alla Stazione di Sirkeci (quella dell’Orient-Express).

Ci riposiamo prima di rimetterci sotto il sole cocente per passeggiare sul molo di Eminönü e attraversare il Ponte Galata sul Corno d’Oro.

Ancora una tappa all’ombra per dissetarci e scaliamo la ripida collina per raggiungere la Torre di Galata.

Per salire in cima c’è una discreta fila, siamo stanchi e accaldati, rinunciamo così alla veduta panoramica e riscendiamo la collina per prendere il tram e poi la metro per l’aeroporto.

Qui troviamo una brutta sorpresa: l’aereo ha oltre 1 ora di ritardo.

Ad attenderci a Damasco al di qua dell’area doganale c’è Louai, la nostra guida che si occupa del disbrigo delle pratiche e in breve tempo raggiungiamo il piccolo bus che ci porta al nostro hotel nel cuore della Città Vecchia.

Andiamo a letto alle 5.00 dopo 28 ore senza dormire

  • 7213 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social