Diario Siriano

LA PARTENZA (2 novembre 2008) Il nostro è un viaggio organizzato, partiamo da Malpensa con un volo diretto per Amman e troviamo subito la coincidenza per Damasco, il servizio, veramente efficiente, è fornito dalla Royal Jordanian (le ali reali). Incontriamo ...

  • di gildam21
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

LA PARTENZA (2 novembre 2008) Il nostro è un viaggio organizzato, partiamo da Malpensa con un volo diretto per Amman e troviamo subito la coincidenza per Damasco, il servizio, veramente efficiente, è fornito dalla Royal Jordanian (le ali reali). Incontriamo subito la guida siriana: Bashar, l’autista e i nostri compagni di viaggio: tre uomini: M., A. E il Sig. G.: sarò l’unica donna della “spedizione”.

Il nostro albergo è l’ EBLA CHAM. Percorriamo la strada che collega l’aereoporto alla città con una certa apprensione: ad agosto, proprio su questo percorso, 17 persone sono morte in seguito ad un attentato. L’hotel è monumentale, con camere ampie e letti ad una piazza e mezza, ma è dislocato in periferia e un servizio di navetta gratuito che lo collega al centro, nonostante le 5 cinque stelle non offre prestazioni di standard occidentale, ma è pulito e confortevole.

PRIMO GIORNO: MAALULA E LE TURISTE IRANIANE La prima impressione di Damasco è quella di una città non bella, dal traffico caotico, caratterizzata da un alternarsi di abitazioni degradate e di costruzioni incompiute con le strutture di cemento a vista . Lasciata la città, siamo già in pieno deserto sabbioso e roccioso, il giallo ed il blu sono i colori prevalenti. Arriviamo a Maalula, situata a 600 mt. Di altitudine. E’ una località di villeggiatura per i damasceni, ma pur trovandosi in una bella posizione, è anch’essa devastata dal cemento.

L’escursione si riscatta per la profonda emozione che proviamo assistendo alla recita del Padre Nostro in aramaico nella chiesa romanica dei SS. Sergio e Bacco. La guida ci spiega che è in corso un progetto per introduzione dell’insegnamento di questa lingua nelle scuole , fino ad ora essa è stata tramandata solo oralmente nell’ambito familiare. Durante la nostra permanenza a Maalula incrociamo più volte un gruppo di turisti iraniani, prevalentemente donne, ricoperte da lunghi mantelli neri. Sono tutti molto allegri, chiassosi e si fotografano a vicenda si comportano insomma come normali viaggiatori. Noi rimaniamo un pò stupiti: non immaginavamo gli iraniani come turisti, invece sono anche molto desiderosi di socializzare, ci rivolgono la parola e vogliono sapere da dove veniamo, vogliono scambiare esperienze ed impressioni.

Lasciata Maalula ci dirigiamo verso la valle dell’Oronte (in arabo “il disubbidiente” perché è l’unico fiume siriano che sfocia nel Mediterraneo). Qui il paesaggio cambia completamente diventando collinare e quasi per incanto, verdeggiante. Ci fermiamo su un’altura e in distanza vediamo il Krak dei Cavalieri: è incredibile! Immenso, possente e bianco, le torri massicce sono tondeggianti: sembra un maniero madioevale francese trasportato, come per incanto in Siria .

Iniziamo la nostra visita: il castello, restaurato dai francesi nel 1936, ostenta maestose rampe di accesso predisposte per l’ingresso di uomini a cavallo, osserviamo le cucine e il refettorio (vi mangiavano a turno 4.000 soldati), i magazzini (la fortezza poteva contenere derrate che ne garantivano l’autonomia per alcuni mesi) , la chiesa gotica, la mensa , gli alloggi degli ufficiali e quelli del comandante. Giungiamo infine sulla torre più alta dalla quale si domina l’intera vallata e nelle giornate serene si può vedere il mare.

Dopo il pranzo lasciamo il Krak alla volta di Homs, che è una città vivace e moderna, ci fermiamo solo per visitare la moschea di Al Walid. L’accesso al bel cortile in pietra a strisce bianche e nere, mi è consentito solo indossando un mantello lungo fino ai piedi con cappuccio (ciò si ripeterà tutte le volte che entrerò in una moschea). All’interno c’è un morto in attesa di sepoltura e su una parete un display elettronico indica le ore delle preghiera nel corso della giornata

  • 3412 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social