Polonia in camper - agosto 2008

Diario di viaggio di Maurizio Moroni e Stefania Dantini Per la preparazione del viaggio ci si siamo avvalsi: • di diari di viaggio vari scaricati dal sito "turismoitinerante.it"; • della guida Routard "Polonia e capitali baltiche"; • della guida "Polonia" ...

  • di maurizio47
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 
Annunci Google

Diario di viaggio di Maurizio Moroni e Stefania Dantini Per la preparazione del viaggio ci si siamo avvalsi: • di diari di viaggio vari scaricati dal sito "turismoitinerante.It"; • della guida Routard "Polonia e capitali baltiche"; • della guida "Polonia" del Touring Club Italiano; • della guida "Polonia – itinerari scelti" delle edizioni Vivicamper (è in realtà un diario di viaggio, ben fatto e pieno di indicazioni, ma pur sempre un itinerario e, quindi, contiene informazioni solo su alcuni luoghi); • del materiale fornitoci dall'Ufficio Polacco del Turismo a Roma (completo e molto esauriente); • del materiale reperito su vari siti Internet e sulle riviste "Bell'Europa" e "Plein Air"; • del materiale tratto dalle pubblicazioni "Europa, città da scoprire" e "Regioni e mete in Europa" del Touring Club Italiano.

Equipaggio: Maurizio Moroni (61), Stefania Dantini (56) Autocaravan: Aiesistem Project 100 Periodo: 27 luglio – 26 agosto 2008

27 luglio: Partenza Partiamo alle ore 11 direzione Nogarole Rocca (alla fabbrica Aiesistem per una piccola riparazione). Pensiamo di fermarci all’area di sosta di Mantova (vicino al cimitero), ma è chiusa per la costruzione di una rotonda e allora, consultato il Portolano di Plein Air, ci dirigiamo a Monzambano. Piacevole sorpresa: l’area comunale, gestita dalla locale associazione dei camperisti, è piacevolissima. Le piazzole delimitate hanno la luce, la TV satellitare, il collegamento WiFi (questo pagato a parte), i lavandini per il lavaggio delle stoviglie, una doccia con acqua calda, barbecue. Il tutto in mezzo ad un verde curatissimo e in un’atmosfera piacevolissima. km 565

28 luglio: Attraverso la Germania Partiamo alle 8.30 per Nogarole Rocca. Effettuata la riparazione, decidiamo di proseguire sulla A22 per il Brennero e Dresda, invece di Tarvisio. L’autostrada Innsbruck-Salzburg è in pessime condizioni e ci sono molti lavori che restringono le corsie. La vignette (valida per 9 giorni), per i pochi kilometri fatti risulta di un costo eccessivo (€ 7,7), ma questa è la regola. Sommando anche il pedaggio per il traforo del Brennero che ha un costo di 8 € la somma è abbastanza alta. Però, in compenso le autostrade tedesche non si pagano e, tranne pochi tratti con limite a 130 km, sono senza limiti di velocità: le auto sfrecciano veloci ma senza manovre pericolose e non abbiamo affatto provato sensazione di disagio.

Ci fermiamo alle 20 circa immediatamente dopo l’imbocco dell’autostrada per Dresda all’altezza di Hof e appena prima dell’uscita di Plauen in un area di servizio con rifornimento e ristori vari tra cui Burger King dove ceniamo. Le aree di questo tipo non sono frequentissime, lo sono invece i parcheggi con WC, caratteristica che ritroveremo anche in Polonia (almeno vicino al confine). km 787 29 luglio: Entriamo in Polonia Partiamo alle 8 dopo una notte tranquilla e silenziosa (l’autostrada non è molto trafficata neanche di giorno). Ingresso in Polonia a Gorlitz (ultimo paese in Germania). Nessun controllo (non c’erano proprio poliziotti al posto di frontiera). Da casa abbiamo percorso 1600 km di autostrade.

Subito si presentano le strade in rifacimento e con profondi solchi che però (almeno per ora) non danno poi così fastidio. Il traffico è molto intenso, visti i mezzi pesanti in circolazione e le strade a una corsia per senso di marcia (più, se va bene, una parvenza di quella d’emergenza). Però per l’A4 si vede il nuovo tracciato su cui si sta lavorando. I nostri obiettivi sono le due Chiese della Pace (chiese protestanti), di Jawor e Świdnica, inserite tra i monumenti patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, particolari nella costruzione (usata la tecnica a graticcio) e con gli interni in legno austeri anche se molto decorati. Seguiamo la direzione Breslavia (Wrocław) (A4/E40) e all’altezza di Legnica, giriamo a destra per Jawor, lungo la 3/E65. Le coordinate del punto in cui è la chiesa sono N 51°03’16,9”/E016°11’20,2” Quota 434,4m. Per Świdnica imposto il navigatore, ma i nomi di alcuni luoghi duplicati ( ad esempio ci sono più località chiamate Debno) mi creano problemi e alla fine, allungando abbastanza passiamo per varie strade abbastanza buone, ma la sensazione è che abbiamo girato in tondo. Queste le coordinate della chiesa: N50°50’44,6”/E016°29’31,2” Quota 247,6 m. Facciamo un giro per il centro, che è lì vicino: il Rynek (la vecchia piazza del mercato) è contornata da edifici fine ottocento/primo novecento in diverso stato di manutenzione. Non ci sembra ci sia nulla di più

Annunci Google
  • 17837 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social