Miami-Key West-Cozumel-Miami, crociera e non solo!

Miami era tra le mete "previste" da diverso tempo ormai e l'inizio del 2012 è stato finalmente il momento per andare a scoprire questo mix tra Usa e Caraibi e per provare un assaggio di un tipo di vacanza per...

  • di Emily77
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Miami era tra le mete "previste" da diverso tempo ormai e l'inizio del 2012 è stato finalmente il momento per andare a scoprire questo mix tra Usa e Caraibi e per provare un assaggio di un tipo di vacanza per noi nuovo: la crociera. Quindi: volo su Miami, una notte in città, crociera Carnival di quattro notti a Key West e Cozumel e, dopo il ritorno a Miami, altri due giorni abbondanti prima del rientro in Italia. Ne è venuto fuori un viaggio bellissimo e, come sempre, mi auguro che il mio diario possa essere utile ad altri viaggiatori.

Voli Diretto Alitalia Malpensa-Miami: a/r 670 euro a testa, prenotato ad agosto. Non economicissimo secondo i nostri abituali standard di caccia ai prezzi bassi, però il diretto è comodo e sul nuovo A-330 si vola bene anche in economy. Il volo all'andata dura quasi undici ore, al ritorno poco più di nove: andata di giorno e un po' lunghetta ma i sedili comodi e i film, tra un sonnellino e l'altro, fanno passare il viaggio piuttosto bene. Bene la puntualità e velocissimo il ritiro bagagli sia all'andata che al ritorno. E bene anche l'immigration a Miami.

4 e 5 gennaio 2012 - MIAMI (centro e Bayside)

L'aeroporto di Miami è vicino alla città, quasi dentro, ma il traffico sulla "tangenziale" può essere terribile. In taxi si spendono circa 25 dollari per la zona del porto, poco più di 30 per South Beach. Scordatevi NY e il suo mare di taxi da far fermare solo alzando la manina: quasi non si vedono e gironzolano solo attorno agli hotel e nei punti dove i turisti possono avere bisogno (aeroporto, porto, alberghi più grandi). Se non se ne vedono e vi servono vanno chiamati al telefono, oppure presi al volo se vedete che stanno facendo scendere qualcuno. Se non volete noleggiare una macchina, un albergo ben posizionato vale oro, anche perché la metro non copre assolutamente tutta la città e South Beach è collegata maluccio. Il nostro primo albergo, per la notte tra arrivo a Miami e crociera, è stato l'Holiday Inn Port of Miami: di fronte a Bayside, a pochi metri dall'American Airlines Arena e vicino al terminal crociere. Ci siamo trovati benissimo: ben tenuto, pulitissimo, stanza grande, wifi e internet point gratis, personale gentilissimo e anche parlante italiano (uno dei ragazzi della reception ha vissuto cinque anni a Firenze e il bar/risto/grill ha proprietario e parte del personale italiani). Per il pernottamento abbiamo speso circa 110 euro, più circa 12 euro a testa per la colazione, che li vale tutti! Per la sera del nostro arrivo avevamo i biglietti per la partita Nba degli Heat vs Pacers: anche se non vi piace il basket, se capitate in città quando giocano (alla stupenda American Airlines Arena), comprate i biglietti online e andateci, perché lo spettacolo è soprattutto fuori dal campo, nel modo così Usa di vivere l'evento sportivo e divertirsi. I biglietti ci sono costati circa 30 euro l'uno, online dal sito dei Miami Heat. Disintegrati da quasi ventidue ore di veglia, dal viaggio e da sei ore di fuso, dopo la partita siamo praticamente stramazzati nei comodissimi letti dell'Holiday Inn e il mattino dopo, dopo super full American breakfast, abbiamo gironzolato un po' attorno all'hotel, nell'attesa dell'imbarco per la crociera (fissato tra le 12.30 e le 14.30). Il centro commerciale di Bayside è molto carino da girare (è all'aperto, tipo i nostri outlet) ma i prezzi sono proprio da spenna-croceristi/turisti. Molto bello il parco tutto attorno, con alle spalle i grattacieli e davanti il porto. Per girare tra i grattacieli e fotografare il più alto, quello di Bank of America, ci siamo fatti un giro (gratis) sul Metromover: una sorta di monorotaia senza conducente che gira in tondo facendo diverse fermate nella zona del centro e che è un sistema carino e panoramico per farsi un giretto. Pranzo da Bubba Gump a Bayside: lo adoro!!! E adoro i gadget del negozio! Era dall'ultima volta a NY che volevo tornarci, anche perché in Italia non esiste

  • 27783 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. greta73
    , 26/1/2012 20:41
    ehi ciao..bellisima descrizione. io partirò x miami il 24 marzo e voglio fare proprio come voi...5 gg a miami e 5 gg in crociera....ma la crociera l'avete prenotata dall'italia???? ciaooo

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social