Yucatan con bambini

Un itinerario classico nello Yucatan con bambini di 6 e 10 anni, evitando le alghe
Partenza il: 18/04/2019
Ritorno il: 28/04/2019
Viaggiatori: 4
Spesa: 1000 €

Dopo 12 anni ho deciso di tornare nello Yucatan, questa volta con la famiglia (bambini di 6 e 10 anni, oltre a mio marito). Sì perchè questa zona del Messico è adattissima ad una vacanza in famiglia, anche i bambini possono interessarsi alla storia Maya e divertirsi nelle limpide acque del mar dei Caraibi. La nostra vacanza è stato un mix tra relax, natura e cultura.

Volo Lufthansa che, con uno scalo a Francoforte, ci ha portati diretti a Cancun. Qui abbiamo noleggiato un’auto dall’agenzia Carflex (prenotata tramite il sito Rentalcars). All’uscita dell’aeroporto sono dislocati tanti piccoli uffici di tutti gli autonoleggi, ognuno di loro è dotato di un pulmino che accompagna i clienti al punto di ritiro e consegna delle auto. Non consiglierei Carflex semplicemente perché nonostante il prezzo basso del noleggio e il fatto che sul sito fosse specificato che la CDW era inclusa, hanno provato a venderci un’assicurazione aggiuntiva dicendo che le informazioni sul sito non erano esaustive e in realtà la CDW inclusa copriva solo il 20% dei danni. Se lo avessi saputo prima avrei acquistato la copertura totale dal sito di Rentalcars, che è sempre più economica. Va beh, ci avviamo con la nostra Nissan Versa per le strade del Messico, stando attenti ai Topes che si presentano all’improvviso sulla nostra via.

Destinazione Playa del Carmen, Anah Suites Downtown. Qui abbiamo prenotato un appartamento con due camere da letto e due bagni ad un prezzo superscontato; l’appartamento è più grande di casa nostra! La struttura offre anche un garage e una piscina sul tetto che poi ci farà comodo, è inoltre a due passi da un enorme supermercato (Mega) dove faremo i nostri acquisti per la colazione o le cene che faremo in casa, oltre che a due blocchi dalla Quinta Avenida. Passiamo il primo giorno di vacanza a zonzo per la Quinta Avenida, cambiamo un pò di Euro in Pesos e poi eravamo decisi a trascorrere il resto del tempo in spiaggia….. e qui la prima brutta sorpresa. La spiaggia è impraticabile perché nella notte c’è stata una forte mareggiata, ma soprattutto il mare è strapieno di alghe marroni e maleodoranti. Ci spiegano che nell’arco di qualche giorno il mare sarebbe rientrato ma per le alghe la situazione sarebbe potuta durare giorni…. Che brutta notizia!!! Ci dicono anche che Cozumel non è colpita da questo fenomeno, sulla costa che affaccia verso Playa del Carmen, perché le correnti tengono le alghe lontane da lì. Scopriremo poi che sono diversi anni che il fenomeno delle alghe colpisce saltuariamente le coste dello Yucatan e di altre isole caraibiche, a causa dell’innalzamento delle temperature degli oceani. Arrivano all’improvviso e possono durare 10/15/20 giorni, nessuno lo sa, perché tutto dipende dalle correnti. Al rientro in hotel ci fermiamo dal Concierge dell’Anah (molto gentile) che ci mostra una mappa della situazione della costa, effettivamente Cozumel non è colpita, come non lo è l’isola di Holbox. Ci facciamo dare qualche dritta sulle alternative: Cozumel, Cenote vari , Isola di Holbox, parco Xelha, parco Xcaret, rovine Maya.

Per il nostro secondo giorno avevamo già in programma Chichen Itza, visto che con il nostro jet lag la sveglia era ancora sulle 6.30 della mattina. Ottimo. Autostrada vuota (ricordatevi di prendere pesos con voi, non accettano carte di credito!), primo tratto un pò costoso (sui 13 Euro) ma ne vale la pena. Arriviamo alla meta prima delle 9, solo due bus nel posteggio, nessuna fila per i biglietti. Vogliamo prendere una guida che parli italiano perchè anche i bimbi possano capire la storia di questo sito, ci rivolgiamo allo sportello delle guide e ci chiedono 60 Euro!!!! (ovunque avevo letto 45). Per fortuna troviamo una famiglia italiana con cui dividere la spesa e facciamo il nostro giro sotto il sole cocente, dotati di ombrello ed Energade. Nel mio viaggio precedente era quasi collassata a metà del giro all’interno del sito, quindi questa volta mi sono organizzata; l’ombrello sembra un accessorio stupido sotto al sole ma, credetemi, in certe situazioni salva la pelle! La visita guidata è durata circa un’ora e mezza, l’italiano della nostra guida era basico e i bimbi non hanno colto proprio tutto, ma almeno ci hanno seguiti con interesse. Decido di evitare la classica fermata al cenote di Ik Kil, sempre troppo affollato e poco adatto ai bambini, e proseguiamo per Valladolid. Il bello di questo paesino sono i colori delle case e la struttura tipicamente Messicana, ma non è un luogo che mi fa impazzire. Rientriamo a Playa in tempo per un bel bagno in piscina e per stilare il programma dei prossimi giorni. Su consiglio del Concierge propendiamo per il parco di Xelha, a suo avviso più adatto ai bambini e meno stancante di Xcaret (che lui ha definito Disneyland Messico). Abbiamo acquistato da lui i biglietti nonostante sul sito costassero un po’ meno (300 Euro in 4!!! comprensivo di ingresso, pasti e bevande illimitati), semplicemente perché ci ha dato un sacco di consigli. Il parco apre alle 8.30 e noi siamo lì per le 9.00 (si trova a 40 minuti da Playa, vicino a Tulum), lasciamo i nostri averi negli armadietti e ci avventuriamo a fare snorkeling con l’attrezzatura fornita dal parco (il boccaglio ci sarà regalato) tra le mangrovie e all’interno della laguna (anche qui no alghe!) . Non sono le Maldive ma i pesciolini colorati non mancano e i bimbi si divertono! Da non perdere le ziplines che abbiamo fatto e rifatto e lo scivolo alto 23mt per i più coraggiosi. Il parco chiude alle 18 e la giornata è volata, solo con le attività gratuite. Bellissimo, per i bimbi è il ricordo più bello quindi, nonostante il prezzo, se avete bambini dell’età dei miei lo consiglio assolutamente. Datevi la protezione solare prima di entrare perché poi potrebbero farvi storie in quanto molte creme contengono componenti chimici che fanno male all’ecosistema. Ritorniamo a casa distrutti e felici. Per il terzo giorno abbiamo acquistato i biglietti del traghetto per Cozumel e prenotato online un’attività di snorkeling. C’è anche la possibilità di fare gite in catamarano ma la corrente è forte e il mal di mare dietro l’angolo, quindi abbiamo evitato. Lo snorkeling è proposto anche dai mille venditori che troverete sulla Quinta Avenida, così come i biglietti del ferry, noi non abbiamo avuto voglia di metterci a chiedere e contrattare come usa qui, a voi la scelta. In ogni caso appena sbarcherete a Cozumel, una stesa di carrettini vi attenderanno con l’intento di vendere attività di snorkeling e accessi alle spiagge private che caratterizzano questa isola. Il pacchetto che abbiamo prenotato online, al costo di circa 130 dollari, include l’accesso al Mr Sancho Beach e un’ora e mezza di snorkeling per 4 persone. Prendiamo il taxi per Mr Sancho Beach, che sembra essere una delle più blasonate, arriviamo e ci sembra di entrare in un villaggio turistico: bancarelle, negozietti, ci fanno addirittura una foto ricordo! (che potremo acquistare all’uscita…) All’entrata scopriamo che il nostro ingresso gratuito alla spiaggia in realtà ci consente solo di transitare dalla spiaggia per arrivare alla postazione della società di snorkeling: non possiamo usufruire dei lettini, degli ombrelloni, della spiaggia e dei gonfiabili in mare, di nulla! Per farlo ci chiedono di pagare, e noi per principio non lo facciamo e ci piazziamo nel tratto di spiaggia libera tra Mr Sancho e la spiaggia privata successiva. In ogni caso passeremo la maggior parte del tempo in acqua (bellissima e caraibica) e per fortuna ci eravamo portati dietro i tramezzini e l’acqua! Questa Mr Sancho altro non è che una spiaggia “all inclusive” che ti offre al costo di circa 45 Euro l’ingresso, lettini, piscine e pasti e bevute illimitati, infatti era pieno di Americani. Sulla spiaggia due società offrono diversi svaghi, dallo snorkeling alla moto d’acqua alle immersioni. Mio marito prova anche la moto d’acqua: 70 dollari per mezzora. Finalmente arrivano le 13 e saliamo sulla nostra barca per lo snorkeling. Il mare è un po’ mosso e le correnti sono piuttosto forti ma l’acqua è limpida e vediamo razze, pesci di diverse forme e colori e anche una tartaruga! Bella esperienza, ma non vedevamo l’ora di tornare a terra perché il mare era davvero mosso. Ancora un po’ di relax in spiaggia e poi rientriamo col traghetto delle 16.30 passeggiando per la Quinta Avenida fino al nostro hotel.



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Il piccolo Borgo di San Vittore Terme, piccolo, silenzioso e quasi incantato

Il piccolo Borgo di San Vittore Terme, piccolo, silenzioso e quasi incantato

La stazione dei treni di San Vittore Terme è minuscola, circondata dal verde intenso...

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Nell’immaginario collettivo il contadino è legato al liscio, ma oltre alla transizione...

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il primo grande viaggio, il viaggio dei viaggi, da Parma a Napapijri. Amici...

Leggi i Diari di viaggio su Chichen itza
Diari di viaggio
Messico e nuvole 9

Messico e nuvole 9

17/12/2019 Quest’anno saltiamo il Natale e tutte le feste a piè pari e ce ne andiamo in Messico! È finalmente arrivato l’atteso...

Diari di viaggio
Tra rovine Maya e cenote on the road alla scoperta dello Yucatan

Tra rovine Maya e cenote on the road alla scoperta dello Yucatan

Equipaggio: Leonardo 50a, Silvia 50a, Enrico 20a, Matteo 19a. 21 febbraio: Partiamo oggi da Venezia direzione Cancun. Scalo a Madrid e si...

Diari di viaggio
Yucatan con bambini

Yucatan con bambini

Dopo 12 anni ho deciso di tornare nello Yucatan, questa volta con la famiglia (bambini di 6 e 10 anni, oltre a mio marito). Sì perchè...

Diari di viaggio
Yucatan on the road

Yucatan on the road

a 15 euro a notte pp Playa del Carmen: Hotel Plaza PLaya - 5 notti a 14 euro a notte pp Holbox: Maria Carlota - 2 notti a 29 euro a...

Diari di viaggio
Yucatan, Chiapas e Guatemala in autonomia

Yucatan, Chiapas e Guatemala in autonomia

permette di apprezzare il Messico più vero, con San Cristobal che è davvero una perla da non perdere. Affascinante il Guatemala, con il...

Diari di viaggio
Alla scoperta dei Maya

Alla scoperta dei Maya

23/12/2016 Quest’anno abbiamo deciso di cambiare completamente meta per le nostre vacanze. Non ci muoveremo più verso l’Oriente,...

Diari di viaggio
Magico Yucatan

Magico Yucatan

Sul viaggio fai da te nello Yucatan, devo essere sincera, ci ho pensato e ripensato più volte: non tanto perché le foto delle sue spiagge...

Diari di viaggio
Riviera Maya in libertà

Riviera Maya in libertà

Io e il mio ragazzo siamo stati sulla Riviera Maya lo scorso giugno, piú precisamente l’alloggio era a Playa del Carmen. Per chi dice...

Diari di viaggio
Cancun e Yucatan zaino in spalla con bimbo al seguito

Cancun e Yucatan zaino in spalla con bimbo al seguito

Approfittando dell’anno lavorativo trascorso a Città del Messico, ho visitato con mio figlio di 8 anni Cancún e la riviera Maya ben tre...

Diari di viaggio
Alla scoperta del Messico autentico

Alla scoperta del Messico autentico

La programmazione di questo meraviglioso viaggio è partita a Settembre 2016, una volta presi i biglietti aerei che da Roma Fiumicino ci...