Centro-sud-del-vero-viaggiatore

Centro sud del vero viaggiatore totale giorni 23 dal 15/09 al 08/10/2007 speso : volo air france ( bologna > antananarivo )-- € 894 volo fort-dauphin------------------------------------------- € 150 albeghi + vitto + vari-------------------------------------- € 1.000 assicurazione agenzia------------------------------------- € 150 barca ...

  • di x il - mondo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Centro sud del vero viaggiatore totale giorni 23 dal 15/09 al 08/10/2007 speso : volo air france ( bologna > antananarivo )-- € 894 volo fort-dauphin------------------------------------------- € 150 albeghi + vitto + vari-------------------------------------- € 1.000 assicurazione agenzia------------------------------------- € 150 barca tsiribihina--------------------------------------------- € 109 extra--------------------------------------------------------------- € 100 totale -------------------- € 2400 luoghi visitati: antananarivo, miandrivazo, tsiribihina, bekopaka, morondava, antsirabe, ranomafana, ambalavao, isalo, anakao, itampolo, lavanono, faux-cap, berenty, fort-dauphin. IL NOSTRO APPOGGIO IN MADAGASCAR è L’AGENZIA : maheryt@yahoo.Fr Il viaggio in Madagascar è stato una vera scoperta , non pensavo offrisse tante meraviglie. Sono stati 23 giorni molto intensi e abbastanza faticosi, però pieni di momenti allegri e commoventi.

I partecipanti a questo viaggio sono : Ivana , la mia migliore amica , la quale sono ben 23 anni che viaggiamo assieme con i nostri mariti , ma negli ultimi 7 anni , girovaghiamo per il mondo solo noi 2.

Livio : un amico conosciuto 4 anni fa tramite la trasmissione “ alle falde del Kilimangiaro” Antonella : moglie di Livio.

Claudio e Catia : marito e moglie amici di Livio, da me conosciuti in questo viaggio, che però si sono rivelate 2 persone molto disponibili e simpatiche e adattabili a qualsiasi situazione ( a parte qualche scarafaggio di troppo).

Paola : sono io quella che scrive questo diario di viaggio, se qualcuno ha bisogno di ulteriori informazioni può scrivere a : paolaborciani@libero.It DIARIO GIORNO PER GIORNO 1°) giorno : Ci troviamo tutti all’aeroporto di Bologna alle 6 di mattina e dopo aver fatto scalo a Parigi, arriviamo alle ore 23 ad Antananarivo, capitale del Madagascar. All’uscita dell’aeroporto conosciamo il nostro autista che ci accompagnerà per tutto il viaggio e si rivelerà una persona molto affidabile , esperta e gioviale. Inoltre abbiamo ( soprattutto Claudio e Catia che per loro è stato il primo viaggio fuori dall’Italia ) l’impatto con il popolo Malgscio, dove persiste una miseria estrema e molto difficile da descrivere in poche parole. Dopo aver caricato i molti bagagli ( anche perché abbiamo preso con noi le tende e i sacchi a pelo , che si sono poi rivelati indispensabili ), ci dirigiamo al primo hotel. Siamo talmente eccitati per il viaggio che dormiamo pochissimo.

2°) giorno : Ivana ed io di solito ci alziamo sempre molto presto e quindi prima di andare a fare colazione , ordiniamo le valigie, infatti sempre per paura di perderne una , mischiamo i vari indumenti. Perciò in un borsone mettiamo tenda , sacchi a pelo, scarponi e indumenti pesanti che per ora non ci servono. Poi andiamo in un bel giardino interno dell’hotel per fare colazione. Non ci sono ancora gli inservienti, però c’è un tavolo pieno di baghette caldissime e perciò pensiamo che il viaggio si preannuncia già GUSTOSO. Mentre facciamo colazione con le baguette viste poco prima , marmellata fatta in casa, caffè ( se si può chiamare caffè ) e gustose creep alla cioccolata , ci raggiunge l'autista, che ci spiega un po’ il tour che faremo nei prossimi 23 giorni. Verso le ore 09 partiamo , il clima è abbastanza buono , infatti Antananarivo è a circa 1300/1600 m. Sul livello del mare . Lungo la strada , col fatto che è Domenica , possiamo vedere la gente tutta vestita a festa per recarsi alla Santa Messa e ci ricordiamo quando anche i nostri genitori o nonni facevano altrettanto. Arrivati ad Antsirabe ci fermiamo a pranzo in un Hoteli ( tipici ristorantini locali molto alla buona ma dove si mangia molto bene e per soli 2/3 € a testa) In una finestra notiamo dei tendini molto particolari , praticamente intrecciavano delle corde grezze e secondo me , perché non avevano di meglio. Mentre percorriamo uno dei pochi pezzi di strada asfaltata che c’è qui in Madagascar , tra una pennichella e 2 o 3 ( si fa per dire ) chiacchiere, come panorama dai finestrini vediamo il verde di tantissime risaie a terrazza e sembra di essere in Liguria . Man mano che proseguivamo nel viaggio la temperatura aumenta saranno circa 30° . Arriviamo a Miandrivazo ed alloggiamo in bungalow dove alla notte siamo costretti a dormire con i ventilatori a tutto gas dal caldo che c’è. Il ristorantino dell’hotel è abbastanza accogliente a parte le travi dove io , mentre fotografo , ci sbatto la testa ben 2 volte . Il mangiare è a base di pollo “ molto duro”e pesce di fiume abbastanza buono. 3°) giorno : Partiamo presto ( come del resto quasi per tutto il viaggio faremo delle levatacce per poter vedere il più possibile nel migliore dei modi) percorriamo il pezzo di pista molto sconnessa che ci permette di raggiungere il fiume Tsiribihina . Qui lasciamo l'autista, ( dove lo ritroveremo alla foce) per permetterci di fare una mini crociera , dove tutti noi ci siamo molto rilassati e inoltre ci sentiamo dei veri “ nababbi”. Ci imbarchiamo su un battello, dove avremo a nostra disposizione, il capitano, 2 cuoche e 3 ragazzi che ci permetteranno di passare 2 giorni fantastici. Caricati i bagagli ci accingiamo a ridiscendere il fiume MORA-MORA ( piano piano come si dice in Madagascar) per poter ammirare le bellezze naturali della regione, come la gola del tsiribihina , dove il fiume millenni dopo millenni ha scavato nella roccia rendendo così il panorama una cosa irreale. Poi la popolazione ,che usano il fiume per qualsiasi necessità per esempio : le donne lavano il bucato, trasportano le varie mercanzie, usano l’acqua per lavorare il tabacco da loro stessi coltivato ed infine lo usano per la propria pulizia , infatti abbiamo visto tutti, anche i bambini, lavarsi ( anche i denti ) dentro al fiume . In questa stagione , il livello del fiume è un po’ basso , perciò ogni tanto il battello si arena sulla sabbia e i 3 ragazzi del battello ,devono scendere e con molta fatica spingono a mano il battello fuori dalle secche. Verso sera sbarchiamo per andare a fare il bagno in una piscina naturale con tanto di cascata che ci permette di fare anche l’idromassaggio, una escursione veramente piacevole anche perché sul battello non c’è il bagno quindi possiamo fare una super doccia. Attracchiamo sulla riva del fiume e mentre le 2 cuoche preparano succulenti piatti , noi ( con l’aiuto dei ragazzi del battello ) montiamo le tende per la notte. Io , avendo fatto ben 20 anni di campeggio, monto il mio Igloo in 4 minuti, invece gli altri non essendo esperti ci impiegano più di un’ora . Siamo tutti molto eccitati ed euforici, infatti Ivana inciampa ben 2 volte in un tirante catapultandosi sulla tenda di Claudio,permettendo a noi tutti di ridere e divertirci . Ivana ed io , ridendo e scherzando, rimaniamo sveglie fino alle 2 di notte. Così facendo possiamo ammirare il meraviglioso cielo stellato che è sopra di noi

  • 6580 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social