Oasi di Siwa e Sahara + El Alamein

Dallo Charmlife resort di El Alamein (ex Movenpick, ottima struttura, con Spa e Talassoterapia) partiamo per le Oasi di Siwa con un tour organizzato dall'Italia, prendendo contatto da qui con guide locali. Cinquecento chilometri nel deserto, diretti alle oasi di ...

  • di egiziapercaso
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dallo Charmlife resort di El Alamein (ex Movenpick, ottima struttura, con Spa e Talassoterapia) partiamo per le Oasi di Siwa con un tour organizzato dall'Italia, prendendo contatto da qui con guide locali.

Cinquecento chilometri nel deserto, diretti alle oasi di Siwa, nel Sahara libico o egizio, che non si capisce se sono in Libia o in Egitto: Gheddafi ha fatto togliere i confini, che tanto siamo tutti fratelli e nel deserto non c'è bisogno di borderline, spiega Nabil.

Una strada d'asfalto fresco che si snoda dritta attraverso il deserto ancora zeppo di campi minati, segnati solo da mucchietti di sassi, posati lì quasi casualmente, ma che stanno a indicare fin dove si può circolare sicuri.

Un deserto roccioso, senza punti di riferimento fuorché cielo, strada e sterpaglie.

Ogni tanto qualche accampamento improvvisato di beduini, lì in mezzo al nulla, e qualche cammello a pascolare tra le pietre.

Le auto che incrociamo, una decina in tutto il percorso, sono del tipo furgoncini scoperti che trasportano pecore, trattenute da reti improvvisate, e gli occupanti ci guardano con aria stupita, tanto stupita quanto la nostra: quella non è zona turistica e fa strano vedere personaggi come noi, armati di macchine fotografiche. Da parte nostra vedere un paio di talebani che ci fanno ok con la manina e che trasportano pecore trattenute da reti per non farle cadere, beh... Uno a uno e palla al centro, cari ragazzi. Andiamo avanti.

Tra poco c'è un autogrill, ci dice la guida, con toilette esterna.

Essì certo, un autogrill qua in mezzo.

Parliamone.

Il pulmino si ferma vicino a una costruzione diroccata ma non troppo: quattro mura con tetto improvvisato, una veranda con tavolini e sedie arrugginite, due pseudo ombrelloni naturali pietrificati dal sole e dietro, la toilette... Con capretta da guardia che in seguito si papperà tutti i nostri lunch box composti di pane al silicone, cetrioli e pomodori.

Dopo un paio d'ore arriviamo alle oasi, che una si immagina la classica situazione tipica da film: quattro palme, un laghetto, tende e capanne improvvisate e dune attorno.

Sì certo... Proprio come nei film...

Immaginatevi invece una specie di enorme cratere di un vulcano spento, del diametro di una trentina di chilometri. Dentro... Distese infinite di palme da dattero, laghi salati, collinette, case diroccate, una fortezza.. E ancora... Laghetti di sorgenti d'acque sulfuree, recinti con buoi, rovine egizie e un paese.

Tutt'attorno, il Sahara.

Nell'arco di cinque minuti veniamo catapultati in una dimensione temporale di almeno due secoli fa: i rumori erano quelli degli zoccoli dei muli, del muezzin che chiamava alla preghiera, delle caprette al pascolo, dei galli e delle oche starnazzanti, del mercante e del fruttivendolo, dei gatti in amore o in litigio.

I gatti, una costante di questo viaggio. Gatti ovunque. Persino nel mio letto in stanza all'oasi.

Gli odori.

Puri, netti, immediati, senza filtri. L'aria così asettica, pulita, sospesa, ti faceva sentire Jean Baptiste Grenouille, costantemente col naso all'erta per identificare ogni essenza... E ogni puzza...

I ritmi.

Lentissimi, da deserto.

Il sorriso di un bambino ci metteva un tempo per me infinito a formarsi sul suo viso, un tempo scandito dallo studio di questo strano essere che ero io, nell'attesa di capire dai miei gesti se poteva fidarsi o meno.

Mentre ci addentriamo tra le palme percorrendo strade di sabbia compatta segnate dal passaggio dei carri, incrociamo i primi nativi: uomini con pastrani, donne con burqa su carretti trainati da asinelli e guidati da bambini

  • 4322 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. khelias
    , 14/9/2010 17:02
    ciao, sto organizzando un tour delle oasi+ el alemain+ cairo direttamente con guida locale. avresti dei contatti da darmi? email magari...grazie! ciao

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social