Marocco in pratica

Sarò essenziale cercando di riportare solamente informazioni pratiche e utili senza dilungarmi nei racconti... un viaggio in agosto e con mezzi locali
Scritto da: davif
marocco in pratica
Partenza il: 07/08/2012
Ritorno il: 20/08/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Una premessa. Il mese di agosto non è certamente il periodo migliore per viaggiare in Marocco. Ma questo porta anche i suoi vantaggi. Con la bassa stagione molti riad offrono tariffe davvero convenienti e le quote di pernottamento arrivano a dimezzare. Di contro le temperature possono essere proibitive, ma per questo non pensiate che il turismo venga a mancare. Durante il soggiorno a Marrakech siamo arrivati a toccare 52°C (con temperature stabili di 44-46°). Leggermente inferiori verso la valle del Dadès o i confini a est. Decisamente piacevoli sulla Costa Atlantica (23-26°C).

L’altro fattore da tener presente, tra giugno e settembre, è la possibilità di cadere all’interno del ramadan. Non consideratelo un punto a sfavore. Consente di apprezzare dei lati suggestivi di un paese islamico, come il carattere festivo delle sue notti o le preghiere rituali. Sappiate che cambiano inevitabilmente orari ed abitudini, sia per i luoghi da visitare (orario ridotto dalle 9.00 alle 15.00) che per alcuni ristoranti. E’ surreale rendersi conto come al calare del sole le strade si svuotino, molti servizi cessino di funzionare (aeroporto compreso) e la vita riprenda solo qualche ora dopo.

MEZZI LOCALI

Autobus

In un modo o nell’altro potete star tranquilli che arriverete da qualsiasi parte, anche se molte tratte costringono i viaggiatori a passare nuovamente per Marrakech, centro nevralgico delle diramazioni. Le due compagnie di bandiera sono CTM (www.ctm.ma) o Supratours (www.supratours.ma) che dispongono di comodi mezzi con aria condizionata a tariffe decisamente convenienti. Le differenze sostanziali riguardano orari e destinazioni. Ognuna ha proprie stazioni private di partenza dotate di biglietteria, sala d’aspetto e market. Gli orari subiscono spesso variazioni, specie in occasione del ramadan. Il consiglio è quello di recarvi direttamente presso i terminal e prendere i biglietti almeno due giorni prima della vs partenza. Sulle tratte più frequentate i posti disponibili si esauriscono con largo anticipo.

Treni

Il treno può rappresentare una valida alternativa (ed esperienza da vivere) per raggiungere alcune città imperiali. Da nord a sud le linee ferroviarie marocchine (www.oncf.ma) collegano Tangeri ad Agadir passando per Rabat, Casablanca e Marrakech e spingendosi a est fino a Oujda via Fes e Meknes. A sud di Agadir non esistono linee ferroviarie.

Taxi

Il taxi è un mezzo decisamente economico per muoversi sia in città che su medie distanze. I petit taxis non sono autorizzati a lasciare la città e possono trasportare al massimo 3 persone. I grand taxis sono invece le vecchie Mercedes che fanno genericamente servizio city to city. Si sale fino a 7 persone (2 davanti con l’autista e 4 dietro). Il prezzo del percorso viene diviso tra tutti. Concordate preventivamente la tariffa in base alla distanza che dovrete percorrere. Se ottenete un rifiuto su un prezzo che vi sembra corretto, rivolgetevi a qualcun altro.

MARRAKECH

Dormire

Abbiamo soggiornato al RIAD MANDALAY (www.riadmandalay.com), una struttura accogliente con ampie camere spaziose ed una piacevole corte interna. Si trova nei pressi della kasbah (sud medina), ad un centinaio di metri dalla Tombe Saadiane. Piazza Jemaa El Fna dista circa 10 minuti a piedi. Il riad è gestito da un gruppo di ragazzi italiani. Claudio è stato molto gentile a darci indicazioni e consigli nel pianificare il prosieguo del viaggio. E’ stata sicuramente la sistemazione con il miglior rapporto qualità-prezzo (40 euro a notte la camera con colazione e tasse incluse).

Mangiare

Tra i ristoranti nei pressi di Jemaa El Fna suggeriamo CHEZ CHEGROUNI. I più fortunati (o pazienti) potranno godere dei pochi tavoli che affacciano sulla piazza. Consigliate le costicine di agnello. Prezzo 160 DHS (circa 15 Euro) una cena per due.

A pranzo merita una visita il cafè letterario DAR CHERIFA (www.darcherifa.com) o una pausa al cafè DES EPICES nell’omonima piazza.

Muoversi

L’aeroporto di Menara dista circa 6-7 km dal centro città. Molte strutture ricettive offrono un servizio di accompagnamento privato al prezzo di 12-13 Euro. Se si arriva a Marrakech per la prima volta (o a tarda ora), questa soluzione evita di dover camminare a vuoto tra i dedali di stradine.

Il trasferimento in taxi (verso la medina) avrebbe un prezzo imposto di 70 DHS come indicato nel tariffario esterno. In realtà, difficilmente troverete qualcuno disposto a caricarvi per meno di 100 DHS (circa 9 Euro).

Il prezzo corretto di una corsa in petit taxi zona medina è di 15 DHS. State pur tranquilli che ve ne chiederanno almeno 50. Non lasciatene più di 20 (circa 1.8 Euro). Per uno spostamento verso Ville Nouvelle o la gare ferroviaire, si lasciano circa 40-50 DHS.

I terminal degli autobus CTM e SUPRATOURS si trovano a poca distanza uno dall’altro. Entrambi a sud della stazione ferroviaria, a 10 minuti di taxi dalla medina. A Marrakech potete acquistare i biglietti CTM anche nel primo internet point che trovate sulla sinistra imboccando Rue Bab Agnaou da Piazza Jemaa El Fna.

OUARZAZATE – TINGHIR – MERZOUGA

A posteriori, dico che la soluzione migliore per visitare queste zone è noleggiare un mezzo proprio, mettendo in preventivo almeno 4/5 giorni di viaggio. L’auto è facilmente reperibile al vostro arrivo a Marrakech (anche senza prenotarla a priori) per un prezzo che si aggira intorno ai 30 Euro al giorno. Gli stessi riad spesso si affiancano a piccole compagnie locali.

Se scegliete l’autobus, Ouarzazate dista circa 4 ore da Marrakech ed è ben collegata con numerose corse giornaliere. Da li raggiungerete facilmente anche Rissani e successivamente Merzouga. Se volete proseguire a nord, da Rissani o Erfoud ci sono autobus che raggiungono Fes o Meknes.

Visto il tempo limitato, noi abbiamo optato la soluzione più semplice partendo direttamente da Marrakech con un tour di 3 giorni organizzato da Sahara Expedition (www.saharaexpe.ma). Costo 900 DHS (circa 82 Euro) a persona pernottamenti e cene comprese.

In questo modo abbiamo visitato Ait Ben Hadou, Ouarzazate, la Valle del Dades, Tinghir, le Gole del Todra e le dune di Erg Chebbi. Purtroppo tempi risicati e trasferimenti infiniti. Si passa la maggior parte del tempo su sedute scomode e senza aria condizionata. Il terzo giorno è completamente dedicato al viaggio di rientro da Merzouga a Marrakech. Se tornassimo indietro probabilmente non lo rifaremo, ma dedicheremo più tempo a questa suggestiva zona del Marocco viaggiando per conto nostro. Di contro si possono passare dei bei momenti in compagnia; la notte nel deserto è stata piacevole e ben organizzata.

Guarda la gallery
marocco-d6e1w

Marrakech (foto Davide Fioraso)

marocco-btvva

Marrakech (foto Davide Fioraso)

marocco-uh4h4

Marrakech (foto Davide Fioraso)

marocco-7sfge

Marrakech (foto Davide Fioraso)



    Commenti

    Lascia un commento

    Deserto del Sahara: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari