New York, lo sfarzo e il decadente

New York, fulgido e brillante iceberg in mezzo al fiume

Diario letto 8495 volte

  • di carladav
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Cena Applebee's: famosa catena americana che ha suscitato la mia simpatia sia per il cibo, buono sia per l’attenzione ai clienti.

4° giorno, sabato: Puntatina al Central Park e passeggiata sulla 5 avenue e, in attesa dell'apertura del Moma visita alla Tower Trump, tutta dorata, con scala mobile e cascata, vetrina dello shop di Ivana Trump: grandeur e cattivo gusto.

Moma: primo museo di arte moderna mondiale. Un laboratorio in continuo fermento. Custodisce un grande patrimonio senza rinunciare al confronto con il linguaggio contemporaneo. All'apertura, ore 9,30 non c'è ancora molta gente, quindi ci rechiamo subito al 5 piano per godere dello splendore degli impressionisti. Poi scendiamo nei piani sottostanti per le altre mostre.

Un’altra piccola sosta a Bryant Park verde ed elegante dove assaggiamo il famoso hot dog di Nathan: niente che, panino molliccio, salsicciotto da supermercato.

Accanto la Public Library: uno stile architettonico classico che rimanda ai grandi templi dell’antica Grecia, un tempio della cultura in cui è custodita una vastissima collezione di libri, documenti storici e prime edizioni. È anche una delle biblioteche più grandi al mondo ed una delle più importanti per la qualità e quantità di tesori conservati. Compare in tantissime scene cinematografiche (anche Ghostbusters). L’ingresso è gratuito: si potrebbe quasi paragonare ad un museo, se non fosse per l’atmosfera vivace e attuale che si respira al suo interno.

Nel pomeriggio prendiamo la metro e ci rechiamo a Chinatown: come ogni quartiere cinese in Europa deve essere visitato con calma e curiosità, senza stupirsi del cibo all'aperto in vendita, senza alcuna protezione, senza far caso ai topi che possono correre tra i piedi. I negozi sono prettamente turistici e la qualità è scarsa.

Nella via adiacente, Little Italy, c'è la festa di San Gennaro, una marea di gente ...odori, altro cibo. Insomma il pomeriggio è stato immersione in due realtà contrastanti ed affascinanti.

Ma una giornata così piena ci fa rinunciare a riprendere la metro per cenare. Optiamo quindi per Il ristorante Wolfang's (bel locale, buona carne, ma freddo, rumoroso e molto caro)

5° giorno, domenica: È il giorno di Franck de Falco, la guida che abbiamo contattato dall’Italia per visitare Harlem: ci incontriamo sulla 42^ insieme ad altre 4 persone e ci rechiamo con la metro ad una chiesa battista dove entriamo insieme agli altri fedeli ad una funzione; nulla di emozionante ma interessante sia per osservare vita e comportamento della comunità sia per il coro Gospel. La visita prosegue nelle vie ed in una casa in cui Franck ci fa entrare per le sue conoscenze con i proprietari ed inquilini, nei locali ormai diventati modaioli ed appetiti dai turisti, prosegue poi alla Columbia University, dove si è laureato Obama, e dove un anno di frequenza costa 50.000 dollari e nelle varie ed innumerevoli chiese tra cui Saint John le Divine, la più grande chiesa protestante del mondo. La visita con Frank è unica e divertente, personaggio non convenzionale ideale per conoscere alcuni segreti di NY.

Cena da Junior's: Mi ė piaciuto per l'aspetto vintage, Old America: affollatissimo, rumorosissimo, ma il personale è gentile, efficiente, si ricorda a mente le numerose ordinazioni. Veloci nel servire i piatti, ottimi e incredibilmente abbondanti. Ti portano la dog bag se non riesci a finire. Mi è piaciuto sia il pastrami (carne fatta riposare in salamoia, a temperatura ambiente per 1-2 settimane, ricoperta con un mix di spezie poi affumicata e cotto a vapore)sia la cheesecake (anche Obama è stato fotografato mentre mangia la cheesecake di JUNIOR’S

  • 8495 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social