Vacanze in Kenya

Kenya yetu... hakuna matata

Diario letto 9878 volte

  • di starsunlu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Kenya… Yetu Hakuna Matata… Ritorno in Africa dopo alcuni anni e alcuni viaggi nel sud est asiatico e Centro America, e ci ritorno con voglia ed immenso piacere. Decidiamo per il Kenya io, mio marito e un nostro amico Roberto e il 20 marzo decolliamo con volo Ethiopian che fa scalo ad Addis Abeba. E’ la mia prima volta in Kenya, dopo essere stata nel Nord Africa, a Zanzibar, in Senegal, in Namibia, e mi aspetto molto da questo paese che immagino bellissimo.

Lo scalo ad Addis Abeba si prolunga di 3 ore, il volo su Mombasa è in ritardo, ma finalmente quando ormai è quasi sera atterriamo. Ci aspetta un autista con un cartello con il mio nome. Carim, l’ho contattato via internet tramite un ragazzo italiano che ha un bar a Watamu, il beer garden watamu, e nonostante 3 ore di ritardo è lì che ci aspetta. Percorriamo le 2 ore di macchina da Mombasa a Watamu che è notte, ma qua e là scorgiamo attimi di vita, piccoli villaggi appena illuminati, alcune macchine, ragazzi che camminano sul bordo della strada. Arriviamo in hotel, il barracuda inn anche questo trovato su internet grazie ai vari forum di tripadvisor, e crolliamo distrutti.

La mattina ci sorprende con un caldo “africano” un mare bellissimo, il resort con vegetazione rigogliosa e la certezza di avere dieci giorni a disposizione. Cerchiamo in spiaggia i beach boys di cui avevo i nominativi, Mimmo e Fantastico, e con loro ci accordiamo per i vari safari e come inizio ci portano a perlustrare la barriera visto che c’è bassa marea. Sono simpatici e disponibili, ci mostrano i paguri, vari pesci, le stelle marine, le murene, e con loro trascorriamo una bella mattinata. Il team si chiama Kenya Safari Team, parlano italiano perfettamente e saranno a nostra disposizione per tutta la vacanza, organizzando escursioni, dandoci informazioni o regalandoci semplicemente un sorriso ogni mattina. Quando scendendo in spiaggia, li troviamo già pronti al lavoro Il sole picchia forte, siamo a fine marzo, vicino alla stagione delle piogge, il resort è mezzo vuoto,e la spiaggia a completa disposizione.Nel pomeriggio usciamo per visitare Watamu e cominciamo a conoscere quello che i turisti chiamano”assillo degli abitanti”stormi di ragazzi e uomini che ti seguono che vogliono decidere per te quale strada percorrere e in quale negozio entrare… Alcuni sono abbastanza gentili, altri davvero invadenti… ti chiedono soldi, riso o farina (che poi rivenderanno per comprarsi erba da fumare o droga). C’è molta droga, fame, corruzione, come in tanti paesi del mondo, ma qui, in questo paese che è BELLEZZA nella bellezza, la sua povertà deriva dalla mancanza di tutto: da case, dal lavoro, sovente di istruzione, dal turismo che ha invaso e mostrato l’occidente nelle sue forme peggiori come il consumismo,. Soprattutto nella zone di Malindi ci sono tanti ristoranti e pizzerie italiane, una crescita abnorme di villaggi turistici, di case in costruzione e il turismo così esagerato rompe un equilibrio. E' vero che crea lavoro ma spinge gli abitanti che normalmente avrebbero una vita in watamu come pescatori a vedere in ogni turista che arriva un qualcuno a cui vendere, chiedere, impietosire… Partiamo per il safari allo Tsavo est, ore di fuoristrada su strade sterrate e poi finalmente il parco… Avvistiamo gli ippopotami, le giraffe, gli elefanti,sciacalli e zebre… una moltitudine di animali…e poi la regina ed il re… il leone e la leonessa! Pernottiamo al Wild life, un resort molto grande ma molto bello e il mattino dopo ripartiamo per l’ultimo safari ed una visita ad una scuola dove incontriamo bimbi bellissimi a cui portiamo piccoli doni

  • 9878 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social