Milano in un weekend

Dalle bellezze architettoniche del centro storico ai parchi gioco per bambini, passando per Eataly e il museo della scienza e la tecnologia Leonardo da Vinci, la modernità di piazza Gae Aulenti e la città dei Robot.
 
Partenza il: 11/01/2020
Ritorno il: 12/01/2020
Viaggiatori: 3
Spesa: 500 €

la fermata della nostra prossima meta, il MUSEO NAZIONALE SCIENZA E TECNOLOGIA LEONARDO DA VINCI. Nasce il 15 febbraio 1953 e con i suoi 50000 metri quadrati di esposizione si annovera fra i più vasti d’Europa. E’ in parte ospitato nella sede del Monastero di San Vittore al Corpo e le sale si sviluppano attorno ai due chiostri dell’ex edificio religioso. Se da un punto di vista architettonico la location risulta suggestiva, la facilità di visita con un bimbo in passeggino non è altrettanto entusiasmante a causa dei pochi ascensori e delle troppe scale. Avendo visitato diversi musei analoghi, dal Deutsches Museum di Monaco di Baviera al Parco delle Scienze di Granada, dal CosmoCaixa di Barcellona al Muse di Trento è normale formulare un confronto. Qui mancano le aree dedicate ai bambini più piccoli dove poterli avvicinare con i giochi alla scienza, non ci sono ristoranti, né self service, né spazi svago interni ed esterni. Poche postazioni interattive risultano accattivanti e alcune non sono di immediata comprensione. Badate bene: questo è soltanto un mio parere personale che non deve scoraggiare l’ingresso, pure perché ci sono collezioni molto interessanti che meritano di essere scoperte. Come ad esempio quella dedicata alle invenzioni e all’arte di Leonardo Da Vinci, agli ambienti caratteristici che ospitano la Fucina, l’Impianto Siderurgico, le Fonderie, le immagini dallo spazio i cui colori ricordano dei quadri impressionisti e la sezione sulla Fisica delle Particelle. Quest’ultima in particolare mi ha affascinato. Se l’argomento vi appassiona consiglio di leggere il libro ‘Il Bosone di Higgs’ di Jim Baggott che ripercorre la storia della fisica delle particelle fino agli studi più recenti. Intanto riporto l’incipit che introduce a questa sezione del museo: ‘gli oggetti intorno a noi sono fatti di materia. Li possiamo rompere, spezzettare sempre più fino ad arrivare a una specie di polvere, sempre più fine. Possiamo separare gli atomi nei loro costituenti: protoni, elettroni, neutroni e ancora più dentro fino ai quark. Insieme, queste particelle formano la base del nostro sistema materiale. Siamo giunti nel mondo delle particelle elementari… Ogni giorno al CERN, Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare, guidato dall’italiana Fabiola Gianotti, e all’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Naturale, persone di tutte le nazionalità compiono ricerche per capire sempre meglio la natura che ci circonda.’ Con un linguaggio semplice viene spiegato cos’è e come funziona il famoso acceleratore di particelle. Nell’anello sotterraneo della lunghezza di 27 km queste ultime viaggiano con velocità vicine a quelle della luce e si scontrano in prossimità dei rilevatori, rilasciando delle tracce: lampi di luce, impulsi elettrici, scie di bollicine… che vengono trasformate in dati, pronti per essere analizzati. Al CERN e all’INFN si studia pure la Materia Oscura, ovvero quei quattro quinti di materia costituenti l’universo di cui non sappiamo ancora nulla. È incredibile pensare quanto sia immenso e sconosciuto ciò che ci circonda e altrettanto incredibili siano le menti umane capaci di formulare e provare i concetti scientifici che governano il tutto intorno e dentro di noi. Fisica a parte, al museo Leonardo da Vinci merita un elogio il Padiglione Ferroviario dove sono conservati, fra i tanti esemplari, un tram trascinato dai cavalli risalente al 1885 e la grossa locomotiva a vapore Gr-691 soprannominata Nuvolari, tra le più veloci fra quelle alimentate a carbone. Lo spazio esterno è occupato in gran parte dal Sottomarino Toti, un sommergibile militare del 1967 al quale si accede solo a orari prestabiliti e con un sovrapprezzo. Conoscendolo già siamo passati oltre, inseguendo nostro figlio fin sotto il Lanciatore Vega. E’ il modello fedele in scala 1:1 del primo Vega VV01, noto per la sua flessibilità operativa e che ha portato in orbita nove satelliti. Alto 30 metri, leggero in quanto realizzato in fibra di carbonio ma robusto, è stato chiamato come una delle stelle più luminose. Sul cortile si affaccia un edificio industriale che accoglie il Padiglione Aeronavale. Lì lo sguardo si posa sulla Nave Scuola Ebe, un grande veliero a due alberi costruito nel 1921 in legno di pino e rovere e utilizzato per addestrare i nocchieri, cioè chi guida e manovra una nave, e i sottufficiali. E’ possibile esplorare una sezione del ponte di comando del Transatlantico Conte Biancamano, varato nel 1925 per il trasporto passeggeri, mentre sopra le nostre teste, ben ancorato al soffitto, domina la scena l’enorme Catamarano AC72 Luna Rossa, finalista delle regate di selezione per l’America’s Cup. Al piano superiore è invece esigua la collezione sui mezzi d’assalto e i mezzi di trasporto per cielo, dove l’unico elemento che incuriosisce è il semplice simulatore di guida di un elicottero.

Dopo la scorpacciata di scienza e tecnologia raggiungiamo di nuovo in metropolitana la stazione Garibaldi. Pochi passi e siamo letteralmente sotto Piazza Gae Aulenti. L’orologio indica appena le cinque del pomeriggio eppure i nostri stomaci brontolano visto che abbiamo saltato il pranzo per via della colazione abbondante. Inoltre i musei, assieme alla frenesia costante che si respira a Milano, hanno contribuito a farci venire una gran fame. Scegliamo Ca’ Pelletti Locanda di Romagna per cenare con tre diversi piatti di pasta e viziare il palato con dolcetti e caffè con crema al pistacchio. Quindi gli spruzzi colorati della fontana in piazza Aulenti catturano ancora una volta i nostri occhi. Qualche corsa nei prati e un salto sui giochi nella zona verde ben illuminata di Porta Nuova, poi con una camminata di venti minuti torniamo in Stazione Centrale per salire sul treno che ci riporterà in Valtellina. Salutiamo Milano e con essa i due giorni ricchi di luoghi, monumenti, parchi e musei che hanno reso meravigliosa la prima breve vacanza del 2020.

Guarda la gallery
cultura-e2aa2

Fontana di Piazza Castello

cultura-b1gpw

i grattacieli di Porta Nuova

cultura-ayuhs

Duomo di Milano

cultura-v5v4m

Immagine del deserto libico visto dallo spazio al museo della scienza e la tecnologia...

cultura-93yn1

Spruzzi colorati in piazza Gae Aulenti

cultura-dtpup

Robot ballerino alla città dei Robot



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...