La prima volta in Egitto

Crociera sul Nilo più tre giorni al Cairo
Scritto da: armic
la prima volta in egitto
Partenza il: 03/11/2019
Ritorno il: 13/11/2019
Viaggiatori: 6
Spesa: 2000 €

Dal 3 al 13 novembre 2019, crociera di sette giorni sul Nilo e tre notti al Cairo

EGITTO: dati generali

  • Paese Transcontinentale (Africa del nord e Asia sud ovest) Estensione=1.001.000 Kmq.
  • Confini: a nord mare Mediterraneo, a sud il Sudan, a ovest la Libia a est striscia di Gaza e Israele e Mar Rosso.
  • Popolazione =100 milioni abitanti
  • Lingua parlata: Arabo moderno+inglese+francese
  • Capitale: Cairo pop. 20.345.930
  • Governo: Repubblica Araba d’Egitto
  • Valuta: Sterlina Egiziana o lira Egiziana LE pari a 0,056 euro (1 lira egiziana è divisibile in cinquanta piastre).
  • Taglio Banconote da 1-5,10,20,50,100,200,500 LE.
  • Stipendio medio insegnante scuola 273 euro al mese.
  • 1 litro benzina = 0,39 Euro
  • Aspettativa di vita 70-75 anni

SINTESI del VIAGGIO

  • 10 pernottamenti (3 notti al Cairo e 7 sul Nilo)
  • Volo Bari- Roma-Cairo-Luxor A/R (Alitalia /Egipt Line.)
  • Hotel Cairo andata: 1 pernottamento (Hotel 5* )
  • Hotel Cairo ritorno : 2 pernottamenti (Hotel 5*)
  • Imbarco Battello: sette pernottamenti (motonave)
  • Costo complessivo 1500 euro a persona (comprensivi di visite guidate e mance)
  • Organizzazione : Agenzia Capitani Coraggiosi
  • Gruppo da Bari sei persone adulte più altre due da Milano tot. otto italiani accompagnati da guida che parla l’italiano.

Luoghi visitati:

  • Cairo (Piramidi-La Sfinge-Museo Egizio- Bazar- la Moschea-La città di Saladino)
  • Luxor (valle dei Re, il tempio della regina Hatshepsut, i colossi di Memnone, lavorazione alabastro, templi di Luxor e di Karnak)
  • Esna – (attraversamento della chiusa……)
  • Kom-ombo- (tempio di Sobek-haroeris + museo coccodrillo)
  • Assuan (visita alla Diga, visita villaggio Nubia – isola Elefantina, cateratte, locale spezie e locale profumi)
  • Abu Simbel: (templi del grande faraone Ramsete II e la moglie Nefertari, Alba deserto)

IL NILO

Se si considera che il 95% dell’Egitto sia deserto, la parte rimanente dove vive la maggior parte della popolazione è la valle del Nilo e la regione del delta. Il Nilo entra nel territorio egiziano poco a nord della città del Sudan Hadi halfa, dal 1970 anno di costruzione della diga di Assuan si allarga per formare il lago di Nasser che si estende per 478 km di cui 320 in territorio egiziano. L’altezza del lago di Nasser è di180 m. dopo la diga si snoda nel deserto della città di Assuan fino al Cairo. Sono 850 km dove si trovano importanti città e siti archeologici. A nord le città più importanti oltre al Cairo sono Alessandria, Porto Said, Suez, Alessandria, Giza, Shubbra Alkaymah, al misuran al Mahaiiah alkaubra.

PREMESSA

Da anni, amici, parenti, e figli parlano della Crociera in Egitto come uno dei viaggi indimenticabili che ognuno nella sua vita dovrebbe fare. Il viaggio tra deserti e le piramidi esalta l’immaginario, ti viene in mente la rivolta araba di “ Lawrence d’Arabia”, i misteri delle tombe egizie con le avventure di Indiana Jones, e le Piramidi, la settima meraviglia del mondo studiata sui libri della scuola elementare. Alessandra, la compagna di mio fratello Beppe, gestisce un’agenzia di viaggi a Bari, ha insistito affinché partissimo assieme a noi mia sorella Iole che con il marito Paolo tornerà per la terza volta in Egitto. Il pacchetto di dieci giorni, prevede viaggio aereo da Bari a Roma, Roma Cairo, pernottamento e ripartenza in aereo al mattino seguente per Luxor poi imbarco e crociera sul Nilo per sette notti in pensione completa su una motonave. Rientreremo al Cairo con altri due pernottamenti per visitare le piramidi e la città. Molte le visite guidate con interprete in italiano a seguito, belli gli alberghi e la motonave che da Luxor scenderà sino ad Assuan per poi risalire a Luxor per il rientro .

ITINERARIO

Abituato da anni ai viaggi in camper, mi fa strano affidarmi completamente ad Alessandra da me chiamata “Alessandra d’Egitto” la sua agenzia che ha organizzato il tutto, ma devo dire a viaggio concluso che è stata un’ottima scelta perciò merita un sincero ringraziamento. I tempi sono cambiati e viaggiare in sicurezza nei paesi nord africani è una cosa complessa. L’africa e il Medio Oriente sono luoghi che mi affascinano da sempre “artisticamente parlando” sento il richiamo levantino della mia Puglia, ma è necessaria un’organizzazione che garantisca standard di sicurezza accettabili. L’Egitto, è ancora una nazione a “Rischio” per gli avvenimenti di questi ultimi anni che hanno coinvolto i turisti, come del resto lo sono ancora di più La Libia e la Siria Quindi che fare? Basta un buon gruppo di compagni al viaggio, e un buon tour operation.

L’Egitto per sopravvivere economicamente ha necessità del turismo, non gli bastano, banane, datteri e petrolio; un grande territorio (più di tre volte l’Italia) in gran parte desertico con il verde limitato alle zone del delta e lungo il Nilo e poche oasi, deve trovare fonti di sostentamento per gli oltre 100 milioni di egiziani, la sua storia universalmente riconosciuta da tutta l’umanità lo aiuta in tal senso. Certo in questi periodi di conflitto nel nord africa , il turismo ne risente e si percepisce negli aeroporti, negli alberghi nei siti archeologici , anche per strada, dove L’attuale regime (repubblica araba semipresidenziale) è impegnato a rafforzare il suo sistema di sicurezza nazionale, con frequenti posti di blocco, e passaggi agli scanner la stessa guida sente la responsabilità del gruppo e a garanzia dello stesso, ci conduce in luoghi e siti, dove dovrebbe essere garantita la nostra incolumità.

L’arte di arrangiarsi, le mance e La Trattativa

Noi baresi, conosciamo bene l’arte d’arrangiarsi, è l’espediente naturale quando l’economia di un paese è in sofferenza, della necessità si fa virtù… ed ecco che non ci meravigliano vedere arrivare lungo il Nilo di giorno o di notte piccole imbarcazioni a remi che attaccati per “incanto” alla motonave ti vendono, abiti, tovaglie tappeti; te li lanciano sul ponte della nave in buste di plastica e con un linguaggio poliglotta t’invitano a comprare dopo un’estenuante trattativa. Restituisci se non ti va bene, oppure in un’altra busta inserisci i soldi per l’acquisto. Le Mance! “A tutti i livelli” una consuetudine, dai camerieri, agli autisti, ai barman, ai cocchieri… con pochi euro conquisti molti sorrisi. La valuta ufficiale è la sterlina egiziana conviene elargire questa valuta. La “trattativa” nelle strade o nei bazar è fantastica… prima ti osservano in un attimo e appena incrociano il tuo sguardo o scoprono il minimo interesse alla mercanzia, non ti abbandonano fino a quando non si conclude l’acquisto ti propongono abiti, tappeti, amuleti, vasi statue mummie faraoni di tutto e di più, sparandoti cifre esagerate in euro, trattando si può arrivare a sconti che arrivano anche al 90%. Altro consiglio utile, procuratevi cioccolatini, caramelle penne, colori e piccoli notes da regalare ai bambini.



    Commenti

    Lascia un commento

    Il Cairo: leggi gli altri diari di viaggio