Istanbul in 3 giorni per il Ponte di Ognissanti

3 giorni in una città che va assolutamente vist
Scritto da: honey-sunny
istanbul in 3 giorni per il ponte di ognissanti

Istanbul – ottobre 2022

  • Quando: 5 giorni dal 28.10.2022 al 01.11.2022
  • Prenotazioni: abbiamo fatto tutto da soli

Informazioni utili

Costi

  • Voli: 293 euro a testa

Abbiamo prenotato direttamente sul sito della Turkish a giugno. Nel prezzo era compreso anche un bagaglio a testa da 23 kg. A settembre abbiamo guardato per curiosità quanto costava ed era salito a 1.100 euro! Per fortuna che facciamo sempre le prenotazioni con largo anticipo!!!

  • Pernottamenti: 390 euro per 4 notti in B & B in camera doppia vista mare.

Hotel Saba Sultan a Sultanahmet (http://www.sabasultanhotel.com/).

Giudizio: ci siamo trovati bene. Personale molto gentile. Struttura pulita e ben tenuta. Molto silenzioso (il richiamo alla preghiera si sentiva molto in lontananza). L’unica pecca sono state le colazioni. C’erano molte cose ma di dolce, a parte un tipo di pane e dei biscotti confezionati, non c’era nulla.

  • Visite ed attività: 150 euro

– visita Cisterna Basilica: 21 euro x 2 = 42 euro (prenotata su Get your Guide)

– crociera tramonto sul Bosforo: 44 euro x 2 = 88 euro (prenotata su Get your Guide)

– torre di Galata: 10 euro x 2 = 20 euro

  • Spostamenti: 70 euro

– transfer da e per l’aeroporto 45 euro a tratta

– nella città taxi e tram: 25 euro

Altre spese: parcheggio a Malpensa 56 euro; ristoranti 408 euro; bar 55 euro; varie 79 euro

Info generali

  • Valuta: lira turca – 1 lira = 0,05 € – 1 € = 18 lire
  • Cibo: abbiamo sempre mangiato bene. A parte i piatti tipici come kebab, falafel ecc. ecc., anche il pesce era molto buono.
  • Fuso: +1 in partenza poi in rientro erano 2 di differenza visto che in Italia hanno cambiato l’ora
  • Corrente: come in Italia
  • Alba/Tramonto: 7.30 – 18.00
  • Km. fatti a piedi in 3 giorni: 40
  • Foto fatte: 1.000
  • Temperatura: durante il giorno bastava una manica lunga, la sera un giubbottino leggero

Istanbul Kart

Da acquistare per tram, autobus e battelli. Costa 50 lire – 2,78 euro (non ha scadenza) e poi la si ricarica in base alle corse che si devono fare. Per dare un’idea una corsa costa circa 7 lire – 0,40 euro. Se si cambia mezzo si deve ripagare ma la corsa seguente costa qualcosa meno. La si può acquistare e caricare nei chioschi o alle macchinette che si trovano nei punti principali della città. Per ricaricarla alle macchinette è facilissimo. La si appoggia sul display e si vede il credito poi basta inserire i contanti (o carta di credito). Si può usare la stessa carta per più persone.

Taxi: quelli ufficiali sono gialli. Partono da una tariffa fissa di 9 lire – 0,50 euro per le tratte brevi mentre per le tratte lunghe 90 lire – 5 euro. Noi li abbiamo presi due volte ed abbiamo speso cifre irrisorie.

Gatti e cani: i gatti sono adorati quindi ce ne sono ovunque ed in ogni angolo si vedono ciotole con crocchette ed acqua fresca e casette. Ci sono anche alcuni cani di grossa taglia, decisamente pacifici, con un anello di plastica attaccato all’orecchio (penso sia il microchip). Anche loro sono ben tenuti. L’unica cosa è che sono obesi. L’idea è che vanno a ripulire le ciotole dei gatti! In alcuni punti abbiamo visto anche delle cucce per loro con ciotole d’acqua e cibo.

Opinione generale: assolutamente da vedere. L’abbiamo trovata una città affascinate soprattutto al tramonto con le sagome delle moschee che si stagliano contro il cielo, con il richiamo alla preghiera che ogni tot di ore copre tutti i rumori, con i profumi ed i cibi e gli abiti particolari, con i bellissimi mercati, soprattutto quello delle spezie. Tre giorni pieni sono pochi se si vogliono fare visite anche all’interno dei palazzi. Noi ci siamo fatti un’infarinatura generale, torneremo per approfondire.

NB: Tenete presente che il 29 ottobre è la Festa della Repubblica, quindi tutti i locali si riversano in strada, i mezzi di trasporto sono gratuiti, quindi pienissimi, ed il Grand Bazar è chiuso. Noi non lo sapevamo e avevamo idea che, tutta quella bolgia, fosse uno standard della città. In realtà non è così, c’è sempre molta gente soprattutto durante i ponti, ma non così tanta. Noi abbiamo dovuto stravolgere tutti i piani di visita visto che quel giorno avremmo dovuto visitare il Grand Bazar e poi abbiamo dovuto fare tutti gli spostamenti a piedi perché era impossibile prendere tram e taxi (imbottigliati nel traffico).

Curiosità su Istanbul

  • Istanbul era un tempo l’antica colonia romana di Bisanzio. All’inizio dei tempi era la città imperiale di Costantinopoli. La storia iniziò quando l’Impero Ottomano prese il controllo di questa città nel 1453.

È costruita su 7 colline, proprio come altre grandi città come Roma e Lisbona.

Copre un’area di 5.343 km² e ha 15 milioni di abitanti. Ha una lunghezza di 31,7 km per una larghezza che va dai 550 ai 3000 metri.

Istanbul è una città divisa fra due continenti, Europa ed Asia. Nel lato europeo si possono visitare la parte antica di Sultanahmet, Balat (quartiere ebreo) e Fener (l’antico quartiere greco-ortodosso) e la parte moderna di Piazza Taksim, Cihangir e Babek. Per la parte asiatica invece Kadikoy e Moda.

Le due parti sono divise dal Bosforo, lo stretto che unisce il Mar Nero al Mare di Marmara e segna, assieme allo stretto dei Dardanelli, il confine meridionale tra il continente europeo e il continente asiatico.

A sua volta il lato europeo, la parte antica da quella moderna, sono divise dal Corno d’Oro.

  • Moschee: sono circa 2.500. L’ingresso è gratuito. Sono chiuse nei momenti della preghiera. Gli orari non sono fissi e variano di giorno in giorno essendo legati al sorgere del sole. La preghiera dura circa 30 minuti. È possibile visionare gli orari di preghiera su appositi calendari on-line. Per accedere bisogna togliere le scarpe, indossare un velo sulla testa e bisogna coprire braccia e gambe.
  • Punti tramonto: Torre di Galata, lato asiatico o dalla riva o da Çamlica Hill, la collinetta che sovrasta la zona oppure facendo una crociera sul Bosforo (al tramonto tutte le barche arrivano dove il Bosforo si incontra con il Corno d’Oro quindi si vedono i profili delle moschee).

Parte Antica

  • Piazza Sultanahmet

Si tratta del cuore della Istanbul Antica. È il punto fisso, spesso anche il primo, della visita della città. Questa piazza, un tempo, era l’ippodromo di Costantinopoli.  E’ ben curata con zone verdi e fontane. Da un lato della piazza si trova la Moschea di Santa Sofia, dall’altro la Moschea Blu.

Guarda la gallery
img_4683

img_5008

img_4973_pano

img_4950

img_4943_pano

img_4900

img_4889

img_4810

img_4748

img_4702

img_4739

img_4559_pano

img_4546_pano

img_4539_pano

img_4477_pano

img_4458

img_4272

img_4247

img_4209_pano

img_4120



    Commenti

    Lascia un commento

    Istanbul: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari