Turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

La cultura araba mi ha sempre affascinata: la cucina, i luoghi di culto, gli abiti tradizionali, le danze e i canti. Al giorno d'oggi molti paesi purtroppo sono off limits per via di guerre e terrorismo. La Turchia è stato il giusto compromesso, e si è rivelata una meta fantastica, trovando tutto quello che cercavo: in sostanza la vacanza che...
 
Partenza il: 17/06/2019
Ritorno il: 28/06/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

La cultura araba mi ha sempre affascinata: la cucina, i luoghi di culto, gli abiti tradizionali, le danze e i canti. Al giorno d’oggi molti paesi purtroppo sono off limits per via di guerre e terrorismo. La Turchia è stato il giusto compromesso, e si è rivelata una meta fantastica, trovando tutto quello che cercavo: in sostanza la vacanza che non ti aspetti.

Abbiamo passato 12 giorni, dal 17 giugno fino al 28 giugno, girando alcune tra le tappe più importanti della nazione, partendo da Istanbul, passando per Izmir e Pamukkale, fino ad arrivare a Goreme, nel cuore della Kappadocia, per poi tornare ad Istanbul per gli ultimi acquisti e prendere il volo di ritorno.

Durante questi giorni abbiamo imparato a conoscere i turchi, un popolo legato molto alle loro tradizioni, questo non ha fatto sì di trovare strade affollate, locali con musica dal vivo, ristoranti aperti fino a tarda notte. Un popolo scherzoso, gentile e sempre pronto, qualora possibile, a soddisfare le richieste del turista.

Di seguito alcuni consigli utili prima della partenza.

La moneta: in Turchia hanno la Lira Turca con un valore di circa 0.13 centesimi di Euro per una Lira turca. Per quanto riguarda il cambio, la prima volta lo abbiamo effettuato in aeroporto, in quanto vi era la necessità di avere qualche contante con noi per acquistare la Istanbulkart; per le altre volte, abbiamo sempre usato il prelievo da sportello bancario, in particolare dalla banca Garanti, che a suo tempo, offriva un buon cambio, rispetto a tanti altri posti. In genere la vita non è cara, e quindi vi troverete a spendere, a parità di beni, delle cifre inferiori rispetto all’Italia.

Aeroporti: ad Istanbul esistono due aeroporti: il Nuovo Aeroporto di Istanbul e il Sabiha Gökçen International Airport: il primo è in sostituzione del vecchio Atatürk Airport, chiuso definitivamente, ed è una struttura inaugurata nel tardo 2018 che accoglie voli internazionali e domestici; il secondo aeroporto dista circa 35 km da Istanbul e, a differenza del nome, si occupa principalmente di voli domestici. Per quanto riguarda le altre mete che abbiamo visitato, hanno solo un aeroporto principale, tranne per Goreme sita tra due Aeroporti: il Nevsheir e il Kayseri Airport, distanti in egual misura dalla cittadina.

Trasferimenti da/per Aeroporti: Dal Nuovo aeroporto di Istanbul il miglior modo e sicuramente il più economico, è il servizio chiamato New Airport Transit Bus, gestito da Havaist e IETT. Esistono 23 linee, con una durata che varia tra i 30 e i 90 minuti, a seconda della destinazione finale. Il costo anche varia in base alla destinazione e parte da 16 lire, circa 2 euro, fino a 30 lire, circa 4 euro. Il pagamento dovrà essere effettuato a bordo esclusivamente con delle carte adibite al trasporto. Per raggiungere il nostro hotel nell’area di Taksim, abbiamo preso il bus IST-19.

Per quanto riguarda il collegamento da e per gli aeroporti per le altre mete, abbiamo sempre usato il Taxi o Shuttle bus: anche se meno economici, sono stati una scelta sicuramente più veloce e comoda.

IstanbulKart: Sicuramente la carta più utile se si soggiorna a Istanbul, in quanto utilizzabile per il trasporto pubblico della città, e anche per le crociere sul Bosforo e per il collegamento con il Nuovo Aeroporto. E’ una carta ricaricabile, acquistabile in ogni macchinetta o chiosco delle fermate metro o tram, per un costo di 6 lire, circa 80 centesimi di euro. Ogni tariffa con la questa carta è scontata e viene 2.60 lire, e per ogni transfert, il costo si abbassa. Se restituita alla fine del vostro viaggio, verrete rimborsati delle 6 lire necessarie per l’acquisto.

Trasporti: Come già detto, nella città di Istanbul è consigliato usare la IstanbulKart. Sono presenti 7 linee di metro, 4 linee di tram e 3 i, oltre alle diverse linee di autobus: attivo dalle 6 a mezzanotte, il sistema di trasporto di Istanbul permette di spostarvi e visitare le attrazioni più importanti senza problemi.

Nelle Città di Izmir e Pamukkale, ci siamo mossi con l’auto a noleggio, ma comunque sono presenti delle linee di autobus e tram.

Invece in Kappadocia, precisamente a Goreme, abbiamo usato il sistema di Autobus che collega la cittadina, ai paesini vicini.

Abbigliamento: Come già detto il popolo turco, essendo borderline con l’Europa, non ha problemi nel vedere persone e turisti vestiti in modi diversi dai loro, talvolta anche stravaganti. L’unica nota è per i luoghi di culto: all’interno di essi, le donne devono indossare un velo, non essere scollate e non avere le gambe esposte; gli uomini non devono indossare pantaloncini corti sopra al ginocchio. Nella maggior parte dei luoghi di culto, vengono distribuiti gratuitamente dei veli e parei, da restituire alla fine della visita.

Aereo: Abbiamo volato con la Turkish Airline, volo prenotato 20 giorni prima dalla partenza e pagato 250 € a persona (ci sono moltissime offerte di voli per la Turchia, consiglio di acquistare il volo il prima possibile per risparmiare qualcosina)

Per i voli interni abbiamo volato con la Pegasus: compagnia low cost turca con ottimo servizio.

Il volo da Istanbul a Izmir è venuto 31 euro a persona sola andata, mentre da Kayseri (Cappadocia) a Istanbul 42 € a persona sola andata.

Affitto auto: Per lo spostamento dall’aeroporto di Izmir fino a Denizli, cittadina vicina a Pamukkale, abbiamo scelto di prenotare l’auto. Si poteva scegliere anche li il taxi oppure un bus, ma volevamo un po’ più di indipendenza, specialmente per la visita di Efeso nei dintorni di Izmir. Per l’affitto dell’auto ci siamo rivolti ad una compagnia che opera in quelle zone: la First Car Rental. Con 75 Euro per tre giorni, questa compagnia ci ha dato una Peugeot 408 del 2017/2018 con circa 70.000 km. L’auto si è comportata molto bene, con consumi molto bassi. La compagnia è disponibile alle vostre richieste e risponderà alle vostre mail velocemente. firstrentacar.info/eng

Utilizzo di Pullman: Se desiderate spostarvi da una città all’altra con i bus, in Turchia esistono diverse compagnie che effettuano questo servizio: sono molto economici e molti anche con partenze notturne, quindi andando anche a risparmiare il costo di una notte in hotel. L’unico problema dei siti di queste compagnie, è la lingua: molti, tra cui quelli più importanti, sono solo in lingua turca. Consigliamo di farvi aiutare dalla struttura alberghiera al momento del soggiorno; a noi hanno consigliato la compagnia Rh Turizm. www.rhturizm.com.tr



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cappadocia
    Diari di viaggio
    turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

    Turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

    La cultura araba mi ha sempre affascinata: la cucina, i luoghi di culto, gli abiti tradizionali, le danze e i canti. Al giorno d'oggi molti...

    Diari di viaggio
    cappadocia e un po' di istanbul

    Cappadocia e un po’ di Istanbul

    Ci sono dei luoghi che ti rimangono negli occhi e nel cuore: uno di questi è la Cappadocia o meglio una sua porzione abbastanza...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    turchia 2019

    Turchia 2019

    ITINERARIO Istanbul, Cappadocia, Pamukkale, Efeso e Bodrum.VOLIAndata Zurigo-Istanbul con Turkish Airlines € 172 cad., ritorno...

    Diari di viaggio
    turchia fai da te 5

    Turchia fai da te 5

    La scelta per le vacanze di questa estate 2019 è ricaduta sulla Turchia. Grazie ad alcuni nostri amici di Istanbul, che ci hanno fatto...

    Diari di viaggio
    turchia, l’oriente a portata di mano

    Turchia, l’Oriente a portata di mano

    1° GIORNO Il 2011 è stato un anno molto triste per me, per via della malattia e della morte di mia mamma. L'idea di affrontare il...

    Diari di viaggio
    in tour da istanbul a izmir...

    In tour da Istanbul a Izmir…

    7 luglio 2014: Torino - Istanbul Partenza con il volo TK1310 della Turkish Airlines delle 11,15 da Torino per Istanbul aeroporto...

    Diari di viaggio
    cappadocia e istanbul

    Cappadocia e Istanbul

    Turchia: Istanbul e Cappadocia 1-10 maggio 2015 Da tempo desideriamo fare un viaggio in Turchia. Quest’anno formiamo un gruppo di...

    Diari di viaggio
    cappadocia on the road

    Cappadocia on the road

    La sensazione che mi ha accompagnata lungo tutto il viaggio in Cappadocia è di non essere riuscita a capire se mi trovassi in Europa...

    Diari di viaggio
    turchia: istanbul, cappadocia e penisola di datça

    Turchia: Istanbul, Cappadocia e penisola di Datça

    Volo: prenotato leggermente tardi rispetto al nostro solito, a metà maggio - a causa di un problema con la blu-express (ci hanno cambiato...